Luigia Maria Badiali – Staffetta


Nasce lʼ11 maggio 1910 a Medicina. Insieme al fratello Sandro entra nella clandestinità con funzioni di staffetta fra il centro bolognese del Partito Comunista Italiano e le basi partigiane. Continua a leggere

In attesa della giornata della Memoria testimonianza di Franco Schönheit


Non è soltanto il cognome tedesco ad averlo salvato, ma anche l’appartenenza alla categoria degli ebrei misti, cioè di coloro che non hanno il cento per cento di sangue ebraico. Franco Schönheit, ferrarese, nato nel 1927, aveva due nonne cattoliche, quindi, secondo i nazisti, apparteneva a coloro che non dovevano essere eliminati per primi.  Continua a leggere

Storia di «ordinaria deportazione»


Tre ebrei bergamaschi allo Yad Vashem. Continua a leggere

E’ morta a Roma Milena Zarfati Tra le ultime sopravvissute alla Shoa


La donna era stata arrestata nel 1944 a Roma e deportata nel campo di sterminio di Auschwitz Birkenau. Fu liberata nel 1945. Pacifici: “Milena guardava con speranza e ottimismo alla nascita in Italia del Museo della Shoah” Continua a leggere

Augusto Manganelli


Nasce il 22 maggio 1924 a S. Giovanni in Persiceto. Presta servizio militare a Piacenza, in artiglieria, dal 21 agosto all’8 settembre 1943. Milita nel battaglione Marzocchi della 63a brigata Bolero Garibaldi e Continua a leggere

5 maggio 1945 gli alleati liberano Mauthausen


Mauthausen un nome sinistro nella storia del novecento, come tutti gli altri campi di sterminio. Un campo dedicato alla eliminazione non solo degli ebrei, ma di tutti gli oppositori al regime nazista. Nei campi di sterminio sparsi in Austria, Germania, Polonia confluirono anche militari, oppositori politici e civili rastrellati nelle varie parti d’Europa.

Continua a leggere

Il fascismo nella Venezia Giulia e la persecuzione antislava


Tra qualche giorno si celebrerà “La Giornata del Ricordo” giornata indetta nel 2004 in ricordo delle foibe e dell’esodo degli italiani dai territori istriani, fiumani e dalmati. Giornata creata dall’allora governo Berlusconi. Non voglio sminuire la tragedia di quei giorni, ma la storia di quei territori non può essere letta solo nell’ultimo periodo di dominazione italiana. Continua a leggere