11 febbraio 1945 a Udine vengono fucilati 21 partigiani per rappresaglia


Alla porta est del cimitero di Udine, i tedeschi fucilano 21 partigiani, in origine dovevano essere 23 ma due condannati a morte furono salvati grazie all’intervento del Vescovo.
L’eccidio viene eseguito per rappresaglia per l’assalto alle carceri del 7 febbraio che riuscì a far evadere decine di prigionieri.

Condannati dal Tribunale speciale per la sicurezza pubblica. Il plotone di esecuzione è comandato da un sottufficiale della MDT.
Dopo la fucilazione un questurino poi resta di guardia ai cadaveri che rimangono esposti come monito alla cittadinanza.

Le vittime:

Bernardon Carlo (anni 19), partigiano Garibaldi Sud Arzino, nome di battaglia “Silo”.
Bernardon Michele (anni 19), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Ettore”.
Bernardon Osvaldo (anni 29), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Aquila”.
Bernardon Reno (anni 19), partigiano Garibaldi Sud Arzino, nome di battaglia “Polo”.
Chinese Antonio (anni 34), partigiano NOVJ, Resianskij Btg. Clede Luigi (Gamel – Lubiana).
Dovigo Pietro  (Noventa di Piave).
Giordano Attilio (anni 26), partigiano Garibaldi Natisone, Brg. Picelli, nome di battaglia “Bill”.
Juri  Lino (anni 24), GAP.
Lovisa Ferdinando (anni 29), partigiano Garibaldi Sud Arzino, nome di battaglia “Guerra”.
Lovisa Mario Francesco (anni 22), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Terribile”.
Manca Gesuino (anni 28), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Figaro”.
Maraldo Fortunato (anni 24), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Uragano”.
Maroelli Giovanni (anni 22), partigiano III Brigata Osoppo.
Parmesan Bruno (anni 21) partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Venezia”.
Petrucco Osvaldo (anni 29), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Scarpa”.
Pontello Vincenzo (anni 27), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Fulmine”.
Pradolin Luciano (anni 24), comandante partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Goffredo”.
Serena Renzo (anni 20), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Julia”.
Stabile Renato (anni 20), GAP Garibaldi Friuli.
Tomasso Ubaldo (anni 24), partigiano Garibaldi Sud Arzino.
Zambon Gino (anni 19), partigiano Garibaldi Carnia, nome di battaglia “Garibaldi”.
Zambon Giovanni (anni 49), partigiano I Divisione Osoppo, nome di battaglia “Pecio”.

Prima di essere fucilati, alcuni di loro scrivono delle lettere ai familiari.

Gesuino Manca “Figaro” di Terralba (Cagliari), partigiano del Battaglione Val Meduna, scrive alla moglie Fides:

«(…) Fai sapere ai miei cari il mio destino.
(…) Mando, in questo momento estremo, particolarmente a te e alla piccola una moltitudine di baci, grandi come  la terra e il mare. Addio Fides, fatti coraggio. Tuo per sempre.
P.S. – Tutti i compagni di Cavasso seguono la stessa sorte »
.

Bruno Parmesan “Venezia”, partigiano del Battaglione Val Meduna, scrive al padre e ai familiari:

«(…) Non piangete per me, siate forti, ricevete con serenità queste mie parole, come io sentii la mia sentenza. Ore mi separano dalla morte, ma non ho paura, perché non ho fatto del male a nessuno, la mia coscienza è tranquilla.
Papà, fratelli e parenti tutti, siate orgogliosi del vostro Bruno che muore innocente per la sua terra».

Luciano Pradolin “Goffredo”, comandante del Battaglione Val Meduna, manda due lettere: alla madre Domenica e alla sorella Rina.
Alla mamma “Goffredo” scrive:

«(…) La mia coscienza è pulita, non mi hanno accusato che di aver indossato la divisa dei partigiani.
(…) Quando non sarò più di questo mondo ti prego di unire il mio nome a quello di Armando e di Bepi [Armando Facchin “Sandro” e Giuseppe Zambon “Pecio”, caduti durante la battaglia del Monte Rest], gli amici, gli eroi, i puri che presto rivedrò.
Abbi fede come sempre l’hai avuta e pensa con orgoglio a me perché ho fatto il mio dovere e faccio l’ultimo sacrificio per la Patria, per i santi ideali della verità, della libertà e della civiltà (…)»
.

Alla sorella Rina “Goffredo”, riserva la lettera con il richiamo ai versi di Giacomo Leopardi:

«Carissima Rina, come vedi tutte le speranze sono svanite, c’è ancora da aspettare la grazia. Come vedi questa è la sorte di quelli che hanno un’idea. Ma è proprio fatale che tutti coloro che hanno un ideale debbano fare questa fine? O miseri o codardi figlioli avrai. Così dice il Leopardi.
Unica cosa che mi sostiene è la fede in Dio e la sicurezza che la mia coscienza è pura e che il mio ideale è Sacro.
Ti ringrazio per tutto quello che hai fatto per me, lo so che mi amavi molto e ciò aumenta il mio dolore.
Guarda di Paolo!
Mi dispiace tanto non più vederlo. Lo amavo tanto».

 

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

1 thought on “11 febbraio 1945 a Udine vengono fucilati 21 partigiani per rappresaglia”

  1. i partigiani fucilati l’11 febbraio 1945 alle mura del cimitero di Udine furono 23 e non 21, mentre confermasi il numero di due partigiani graziati- Tuttavia non esiste documento storico che riporti questi due nomi. Esiste semplicemente una pubblicazione “Preti Patrioti” autore Francesco Cargnelutti – Ediz. Arti Grafiche Friulane – Udine edizione riveduta ed aggiornata 1965 che conferma la grazia ma non cita i nomi dei due partigiani graziati. Questa pubblicazione è reperibile e/o fornita dall’Associazione Partigiani OSOPPO-FRIULI di Udine (A.P.O.) tel.0432 295618 .-
    Inoltre non esiste pubblicazione storica locale che riporti n.21 fucilati ma bensì 23.
    In ogni caso fa fede il Manifesto-sentenza affisso nella città di Udine a cura del “Tribunale speciale per la Sicurezza Pubblica” datato 12 febbraio 1945, dove sono riportati compiutamente i nominativi dei 23 fucilati in Via calvario a Udine (alle mura del cimitero).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...