16 febbraio 1921 i fascisti bastonano il sindaco di Castel Maggiore Roberto Carati


Roberto Carati nasce a Castel Maggiore l’1 settembre 1873.
Svolge la professione di tornitore presso le Officine Barbieri di Castel Maggiore e s’impegna nell’attività politica fondando, insieme al fratello Rinaldo ed al cugino Mauro, la locale sezione del Partito Socialista Italiano.
Nel 1902 fonda la lega di miglioramento, la prima organizzazione operaia di quel comune.
Nel 1904, alle elezioni amministrative, il P.S.I. conquista la maggioranza assoluta e Roberto Carati viene eletto sindaco, carica che conserva ininterrottamente per 21 anni.
Nel 1914 viene eletto al Consiglio provinciale.
Si fa promotore della creazione di un Comitato di Soccorso a favore delle famiglie dei soldati; il quotidiano “Il Resto del Carlino” nell’edizione del 19 luglio 1915, così scrive:

“A Castelmaggiore terra ospitale e gentile si è costituito un Comitato Cittadino di Soccorso pro famiglie militari richiamati per iniziativa della Giunta Municipale e della Congregazione di Carità sotto la presidenza del Sindaco sig. Carati Roberto.
La cittadinanza ha risposto con slancio di carità e fratellanza all’opera patriottica del Comitato”.

Nel lungo periodo in cui ha la responsabilità della Pubblica Amministrazione, Castel Maggiore conosce un notevole impulso ed i lavoratori locali conseguono varie conquiste di carattere sociale.
Terminata la guerra e, con l’avvento del fascismo, è tra i primi ad essere perseguitato; il 16 febbraio 1921 subisce un’aggressione a Bologna davanti a Palazzo d’Accursio a Bologna, sotto gli occhi indifferenti della polizia.

L’amministrazione comunale socialista di Castel Maggiore resiste fino all’1/6/22 quando – in occasione dell’occupazione di Bologna da parte dei fascisti che chiedono la destituzione del prefetto Cesare Mori – è costretto a dare le dimissioni assieme ai consiglieri. Per sottrarsi alle persecuzioni abbandona Castel Maggiore, il 27 novembre 1925 trasferendosi a Granarolo Emilia; colpito da un male incurabile muore a Castel Maggiore, in frazione Sabbiuno, via Albertina n. 18, alle ore 18,30 del 21 gennaio 1934.

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...