Il 18 febbraio 1945 duecento donne manifestano in comune.


Il 18 febbraio a Bondeno, avviene una dimostrazione imponente.
Alle ore 10, centinaia e centinaia di donne, provenienti da varie località del comune, convergono nella piazza antistante il palazzo municipale e, innalzando diversi cartelli che avevano recato con sé clandestinamente, iniziano a reclamare generi annonari ed a protestare contro la guerra ed il terrore nazifascista. Un numeroso gruppo di dimostranti entra in municipio e mette tutto a soqquadro, gettando dalle finestre registri, libri e mobilio.

Al balcone del palazzo viene esposto un tricolore e una donna parla alla popolazione che riempie la piazza. Poco dopo le brigate nere intervengono sparando contro le dimostranti, ferendone una. Inoltre, otto ragazze di Scortichino e di Montemerlo vengono fermate e tradotte a Ferrara. Saranno liberate dopo che i partigiani avranno provveduto a catturare quale ostaggio, il podestà di Bondeno, conte Golinelli,
grosso proprietario agrario, il quale sarà scambiato con le incarcerate.

La dimostrazione si protrae a lungo. La protesta, scoppiata a Bondeno, suscita in tutto il Ferrarese grande clamore e soddisfazione tra le masse popolari, raggiunte in un battibaleno dalla notizia.
Lo stesso quotidiano di Ferrara, il giorno 24, interviene, oltreché per annunciare una multa collettiva di 500 mila lire da pagarsi dagli abitanti del Bondesano, per condannare la “inconsulta manifestazione di donne a Bondeno”.

Il decreto punitivo della prefettura fascista, nella sua parte narrativa, ammette l’imponenza dell’assembramento, illustrando che gruppi di popolane delle frazioni di Ponte Merlo, Ponte di Spagna, Scortichino, Burana, Gavello, San Biagio, Ospitale “spinte innanzi da elementi vili che agiscono nell’ombra al soldo dello straniero, hanno inscenato… una manifestazione pubblica per protestare contro presunte deficienze alimentari”, protesta “insensata e fuori posto … sovversiva che ha portato dia invasione degli uffici comunali… e alla distruzione di importanti carteggi dello Stato Civile … nonostante che le razioni di generi alimentari erano state distribuite dalle autorità comunali con precisione, puntualità e nelle misure connesse dalle superiori disposizioni”, dando un chiaro e, del resto palese, significato politico al moto popolare. Ma qui non finisce l’eco della sommossa di Bondeno.

Qualche giorno dopo La Nuova scintilla, il foglio clandestino dei comunisti ferraresi, annuncia lo spiegamento di forze popolari del giorno 18, con un titolo a tutta pagina e un commento entusiasta. Allora i fascisti, con intento di sminuire la portata del fatto e costretti ad intervenire sia per l’eco popolare che esso ha avuto, sia per la grande diffusione del giornale clandestino, sono indotti a scriverne sul loro organo Ferrara repubblicana. È con ironia evidentemente forzata che scrivono
il seguente trafiletto “leggete l’edizione straordinaria della Nuova scintilla, Organo della Federazione comunista ferrarese, con la notizia sui fatti di Bondeno. Riderete!“.

A più di un mese di distanza dai fatti Il Notiziario della GNR, 19 marzo 1944, scrive: “ il 18 febbraio u.s., verso le ore 11, in località Bondeno di Ferrara, un centinaio di donne, di altre località, facevano irruzione nei locali del municipio, gettando ogni cosa dalle finestre. Quasi tutto il carteggio dell’ufficio leva e dell’ufficio annonario andava distrutto. La GNR e militari tedeschi intervenuti arrestavano 7 donne”.

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...