Le associazioni rom e sinte di Milano denunciano l’aggressione fascista ai Rom di via Dione Cassio


Le associazioni rom e sinte di Milano denunciano l’aggressione fascista ai Rom di via Dione Cassio

Venerdì 12 aprile alcune delle peggiori organizzazioni neofasciste – i cui lugubri nomi sono un segno inequivocabile di identità: “Gioventù della fiamma”, “Gioventù di ferro”, “Circolo culturale Domenico Leccisi” – hanno organizzato una manifestazione in viale Ungheria al grido “Via i rom dal quartiere” aizzando l’odio contro una comunità di rom rumeni che da qualche mese si è installata in tre capannoni abbandonati e il cui più grave difetto è quello di essere poveri e magari di “infastidire” qualcuno con la richiesta di carità di fronte al supermercato Billa, nel quale spesso si trovano in fila alle casse le donne della comunità a pagare i loro acquisti.

Quello che ai nostri occhi è molto grave è che un tale presidio sia stato permesso pur sapendo bene tutti che questa comunità sarà sgomberata dall’amministrazione comunale a breve e inserita in una struttura per avviare possibili soluzioni di integrazione.

I fascisti falsano la verità dimenticando che i 5 milioni di cui si parla nel progetto del Comune sono quelli stanziati dal ministro leghista Maroni e che nella passata legislatura il vicesindaco De Corato ha buttato al vento ben più di 5 milioni di soldi pubblici in sgomberi utili solo alla sua propaganda, lasciando tutti i problemi irrisolti, e strumentalizzano una presenza tutto sommato innocua in una zona che da anni ha ben altri e non risolti problemi di sicurezza e vivibilità, magari pensando di far credere come una propria vittoria una decisione assunta da tempo dall’attuale amministrazione.

E questo è logico trattandosi di fascisti, ma perché i responsabili della questura hanno permesso una tale manifestazione sapendo bene che da tali gruppi non può che venire violenza come si è puntualmente verificato nella notte con il lancio di bottiglie incendiarie? Cosa sarebbe successo se i rom non avessero vigilato per difendere le proprie famiglie?

Noi, associazioni di Rom e Sinti, aderenti alla Consulta Rom e Sinti di Milano, chiediamo ai responsabili della sicurezza di considerare Rom e Sinti uguali a tutti gli altri per quanto riguarda prima di tutto il diritto alla sicurezza, all’amministrazione comunale di proseguire in un’azione rispettosa delle famiglie delle nostre comunità e del loro diritto a una vita dignitosa con progetti condivisi e invitano i cittadini a cercare la verità nei fatti e non nelle bugie propagandistiche come è avvenuto per troppo tempo.

Associazione UPRE ROMA, Cooperativa Romano Drom, Museo del viaggio Fabrizio De Andrè, aderenti alla Consulta Rom e Sinti di Milano e alla federazione nazionale Rom e Sinti insieme

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.