Slogan nazisti e braccia tese bufera sul raduno-shock per il compleanno di Hitler


Varese, in centinaia da tutta Europa. “Andava vietato”
Paolo Berizzi  –  Repubblica  –  22/04/2013

Né torte né candeline da spegnere: solo tante braccia tese e cori «Sieg heil!» («Salve vittoria!»). Perché il festeggiato si chiama Adolf Hitler. Per celebrarne la nascita sono arrivati in centinaia. Da tutta Italia e da mezza Europa. Skinheads e altri gruppi di nostalgici nazi, cranio rasato, anfibi e bomber: «perché Varese domani sarà la città più fredda d’Italia», avvertiva un post sul sito degli organizzatori, la Comunità militante dei Dodici raggi, sede a Caidate (Sumirago).
Un sabato notte in onore del Führer. Una stazione dismessa delle Ferrovie Nord, a Malnate, trasformata in un’area per feste e concerti, affittata ai neonazi dall’associazione culturale filoleghista «I nostar radis» (“Le nostre radici”).

Centoventiquattro anni dopo la venuta al mondo di Hitler (20 aprile 1889) sotto la tensostruttura allestita accanto ai vagoni e ai binari, l’altra sera è andato in scena uno di quei raduni che non possono passare inosservati. Un raduno che ha il sapore della doppia sfida: perché proprio a Varese in questi giorni si sta celebrando il processo (per istigazione all’odio razziale e religioso) a una ventina di militanti di estrema destra (tra cui il consigliere comunale Pdl di Busto Arsizio Francesco Lattuada) che nel 2008 diedero vita a una festa simile (all’epoca i fan hitleriani si diedero appuntamento in una birreria di Buguggiate).

Ufficialmente la serata è stata organizzata per celebrare i 20 anni di fondazione della comunità militante skinhead di Varese (1993), ma la data non è stata scelta a caso: e lo hanno dimostrato gli slogan e i rimandi al Terzo Reich che hanno caratterizzato l’evento. Sul palco si sono esibiti alcuni tra i principali gruppi musicali del genere «Oi!» (definito anche nazirock): Civico 88, Garrota, Legittima Offesa, Linea Ostile. Il pubblico: 600-700 militanti di estrema destra arrivati da tutta Italia (molta Lombardia, e poi gruppi da Siena, Lucca, Pisa, Sassari, Trento, Verona, Roma, Genova, Novara, Torino, Pescara) e da diversi Paesi europei (Spagna, Francia, Svizzera, Austria, Germania, Polonia, Ungheria). Il tam tam che nei giorni scorsi aveva pubblicizzato il raduno sui siti della galassia «nera» è partito dai militanti della Comunità dei Dodici Raggi («Do. Ra»). Ma il luogo è stato tenuto coperto fino all’ultimo. I neonazi si sono ritrovati all’uscita di Castronno, sull’autostrada A8 Milano-Varese. Poi da lì hanno raggiunto la vecchia stazione di Malnate-Valle Olona. Criptiche — sullo stile rave party — anche le indicazioni stradali: il percorso era indicato da cartelli col numero «88» (il numero che i neonazisti tedeschi usano per dire «Heil Hitler»). Sul sito di Do. Ra. era stata è diffusa un’immagine di Hitler durante un comizio tratta dal Mein Kampf: il Furher è circondato da 46 soldati delle SA (le Squadre d’assalto naziste) — tra cui un giovanissimo Rudolf Hess — , che il 4 nobembre del 1921 respinsero l’assalto di 800 avversari politici. «La forza della volontà», è il titolo. È stata una delle parole d’ordine della serata. Musica, insulti alla polizia e allo Stato, birra a fiumi, e saluti nazisti. La nuova provocazione dei neonazisti varesotti arriva 15 giorni dopo le perquisizioni della Digos nelle abitazioni dei componenti del gruppo musicale Garrota, collegati a «Do. Ra. « (che compongono il «Sole nero », simbolo dell’ordine esoterico nazista).

Una risposta alle forze dell’ordine e alla procura. Una prova di forza. «Ci siamo limitati a tenere sotto controllo la serata», spiegano dalla Digos di Varese, diretta da Fabio Mondora. Il luogo scelto dai neonazi — un locale privato affittato da un privato per eventi e quindi aperto al pubblico — aveva tutte le autorizzazioni in regola. Quello che hanno poi fatto i 600 partecipanti all’interno della struttura, è un’altra storia. Ed è una storia che fa pensare. L’area che ha ospitato il raduno è ancora di proprietà di Ferrovie Nord (c’è anche un museo dei treni). La società regionale ha dato in concessione la tensostruttura all’associazione culturale “I nostar radis”, vicina alla Lega Nord, presieduta da Leopoldo Macchi, leghista varesotto. Nel cda di Ferrovienord fino a poco tempo fa sedeva Pasquale «Lino» Guaglianone, ex cassiere dei Nar (Nuclei armati rivoluzionari) e proprietario dei locali dell’ex centro sociale milanese di estrema destra «Cuore Nero». Ma questa è solo una coincidenza.

A lanciare l’allarme sulla recrudescenza neonazi in Lombardia, e in particolare nella provincia di Varese, è Gennaro Gatto, dell’Osservatorio democratico delle nuove destre (creato e coordinato da Saverio Ferrari). «Il maxi raduno di Malnate è l’ennesima, triste occasione in cui la tranquilla e indifferente provincia varesotta si trasforma diventando un laboratorio nazionalsocialista. Rivolgiamo un appello alle istituzioni perché in futuro parate come queste siano vietate».

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...