Lumezzane, manifesti inneggianti il Fascismo


Festa della Liberazione. In piazza Loggia il Bigio incombe sul palco, nelle grida di chi contesta il sindaco, nel ricordo della staffetta partigiana Agape Nulli Quilleri, nel discorso del presidente onorario dell’Anpi Lino Pedroni.

Qualcuno, però, dice che indietro non si torna, che quella è solo una statua, che il Fascismo non c’è più. Invece capita che a Lumezzane, il 26 aprile, compaiano i manifesti del movimento Fascismo e libertà. Una dichiarazione d’intenti che evoca una Repubblica presidenziale, parlamento di rappresentanza corporativa, socializzazione “delle forze produttrici”. Segue mail, fax e numero di telefono per chiunque intenda aderire. Forse indietro si ritorna.

Alessandra Troncana

fonte: corriere.it

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...