I buoni e i cattivi


Facevo quarta elementare ad Asti nel 1943-44. La scuola, nuovissima, era dedicata ad Arnaldo Mussolini. La mia maestra si chiamava Cleopatra Belleudi, era di Roma. In un’altra sezione la maestra era la signora Bertusi. Avevamo fatto la terza tra l’ottobre 1942 e il maggio 1943 con la divisa da “balilla”, ora iniziavamo la quarta nell’ottobre 1943, dopo le vicende del 25 aprile e l’armistizio dell’8 settembre. Continua a leggere “I buoni e i cattivi”

Bologna, demolito il centro Radio Marconi per fare un supermercato


Le ruspe hanno abbattuto la palazzina di Budrio, voluta nel 1936 dall’inventore. La soprintendenza non ha posto il vincolo. Al suo posto è in programma un centro commerciale. Un museo? “Avevamo proposto ai radioamatori di farlo all’interno, spiega il sindaco Pd di Budrio. di David Marceddu. Continua a leggere “Bologna, demolito il centro Radio Marconi per fare un supermercato”

Tito Carnacini


Nasce il 29 giugno 1909 a Bologna. Professore ordinario di diritto processuale civile all’Università di Bologna. Si laurea in giurisprudenza presso l’università di Bologna nel 1930, e conseguì nella stessa università la libera docenza in diritto processuale civile nel 1934. Professore incaricato nell’università di Urbino dal 1934, diventa nel 1937 professore straordinario di diritto processuale civile presso la facoltà di giurisprudenza dell’università di Ferrara. Continua a leggere “Tito Carnacini”

Discriminatori i manifesti del PDL e della Lega Nord contro la comunità Rom residente a Pescara


Aldrovandi, Pg Cassazione: “Agente andrebbe scarcerato, evento irripetibile”


Il 9 ottobre si discuterà il ricorso di Paolo Forlani contro la decisione del tribunale di sorveglianza di Bologna che gli negò la scarcerazione. Il poliziotto è stato condannato per omicidio colposo per la morte del giovane di Ferrara. Il Coisp: “Avevamo ragione. Ci sono state valutazioni spietate” Continua a leggere “Aldrovandi, Pg Cassazione: “Agente andrebbe scarcerato, evento irripetibile””

E’ morta a Roma Milena Zarfati Tra le ultime sopravvissute alla Shoa


La donna era stata arrestata nel 1944 a Roma e deportata nel campo di sterminio di Auschwitz Birkenau. Fu liberata nel 1945. Pacifici: “Milena guardava con speranza e ottimismo alla nascita in Italia del Museo della Shoah” Continua a leggere “E’ morta a Roma Milena Zarfati Tra le ultime sopravvissute alla Shoa”

Affile. Rimpatriata fascista al mausoleo della vergogna


Affile come Predappio? E’ quello che gli antifascisti della Val d’Aniene vogliono evitare. Sabato al mausoleo della vergogna dedicato al criminale di guerra fascista Graziani una sfilza di vecchi arnesi del neofascismo italiano. Continua a leggere “Affile. Rimpatriata fascista al mausoleo della vergogna”

Il bavaglio per le testate online


Dire che ci fischiano le orecchie è poco. I Monti boys tornano alla carica con una proposta di legge contro i giornali online e i blog. Per ridurli al silenzio o strangolarli economicamente in caso di “diffamazione”. Continua a leggere “Il bavaglio per le testate online”

Duilio Gnudi (Nome di battaglia Moro)


Nasce il 26 giugno 1912 a Molinella. Prestò servizio militare negli autieri dal 10 ottobre 1942 all’8 settembre 1943. Nato nella terra di Massarenti, cresciuto in una famiglia socialista e in una città come Molinella che non si arrese alla violenza fascista, dopo il 25 luglio 1943 abbandona il servizio militare e ritorna a Molinella. Continua a leggere “Duilio Gnudi (Nome di battaglia Moro)”

25 giugno 1945 sono traslate al cimitero ebraico le spoglie di Franco Cesana


Franco Cesana (Nome di battaglia Balilla) 

Nasce il 20 settembre 1931 a Mantova. Studente ebreo. La sua famiglia per sottrarsi alle persecuzioni razziali si rifugia in un borgo dell’Appennino modenese. Per quanto giovanissimo si arruolò nella brigata Scarabelli della 2a divisione Modena Montagna. Partecipa a numerosi scontri con i tedeschi e in uno di questi rimane ucciso a Gombola (Polinago – MO) il 14 settembre 1944. Continua a leggere “25 giugno 1945 sono traslate al cimitero ebraico le spoglie di Franco Cesana”