Garbatella, incendio doloso al liceo Socrate


Il rogo è scoppiato stamattina in un’aula del primo piano dell’istituto di via Padre Reginaldo Giuliani. Le forze dell’ordine hanno trovato dei cerini e rilevato delle impronte. Contro il portone d’ingresso sono state lanciate delle uova. In passato si sono registrati episodi di vandalismo, con scritte omofobe e neofasciste. Smeriglio: “La Regione farà la sua parte”. Solidarietà dalla politica al sindacato

E’ stato un atto vandalico a far scoppiare l’incendio al liceo Socrate intorno alle 5.50 di questa mattina. Nell’istituto di via Padre Reginaldo Giuliani 15, quartiere Garbatella, gli agenti del commissariato Colombo hanno trovato dei cerini e rilevato delle impronte. Contro il portone d’ingresso sono state lanciate delle uova. Il primo a dare l’allarme è stato il custode del liceo che ha visto uscire delle fiamme in una delle aule al primo piano dove sono stati distrutti alcuni computer.

Da quanto si apprende, l’incendio sembrerebbe essere partito dall’ala sinistra del primo piano dove qualcuno è entrato dalla scala antincendio che si trova nella parte posteriore dell’istituto. Il preside della scuola, Vincenzo Rudi, intanto ha sporto una denuncia contro ignoti: “Abbiamo ricevuto un atto grave e doloso che ha causato l’inagibilità di un terzo della scuola ma giàda lunedì si partirà con gli interventi perchè l’obiettivo che questi delinquenti non verrà raggiunto: la scuola non si fermerà”.

I PRECEDENTI – Ma non è la prima volta che avvengono episodi di vandalismo nel liceo; in passato sono comparse scritte omofobe e neofasciste prontamente denunciate dagli studenti del noto istituto. Gli agenti stanno cercando di capire se possa trattarsi della mano già responsabile degli episodi passati.

MARINO – “Questa è un’azione criminale. Siamo devastati da questo atto criminale, è uno schiaffo in faccia violento non alla scuola ma a tutta la città” ha etto il sindaco di Roma, Ignazio Marino, arrivando al liceo Socrate. “E’ da tempo che chiediamo maggiore sicurezza, luce all’esterno, riparazione delle finestre. Spero che adesso si faccia davvero qualcosa perchè questo atto colpisce tutti” ha detto al sindaco un’insegnante. “Non siamo nelle condizioni di quantificare i danni ma, se non ci sono danni strutturali, siamo nell’ordine di centinaia di migliaia di euro – ha aggiunto Marino – quello che però ferisce di più è vedere i libri bruciati, le lavagne elettroniche sciolte. Un atto criminale organizzato da qualcuno con una mente criminale perché entrare di notte, versare la benzina nel locale, dare fuoco e scappare non può essere definito solo un atto vandalico”.

“QUESTA E’ CRIMINALITA’, REAGIREMO” – “Ero preoccupato per gli atti omofobi, per le vicende che hanno caratterizzato la storia più recente di questa scuola ma, parliamoci chiaro, questa è criminalità. Sono certo che tutta la città reagirà perchè e’ un atto gravissimo in qualunque luogo, è simbolicamente più grave nella capitale del nostro Paese”. “Per questo la reazione della Regione, della Provincia e del Comune sarà prontissima e rigorisissima accanto ovviamente al lavoro investigativo delle forze dell’ordine”, ha continuato Marino che durante la visita ha incontrato il preside dell’istituto, Vincenzo Rudi, per poi fermarsi a parlare con gli studenti.

DA LUNEDI’ A LAVORO, ANCHE CON IL MINISTERO – “Lunedì ci sarà un incontro alle 9.30 tra i rappresentanti di Regione, Provincia e Comune in modo da definire il percorso migliore in base anche agli eventuali danni strutturali che verranno riscontrati. Faremo ogni sforzo affinchè non ci sia nessuna interruzione delle attività formative” ha detto Marino. E subito dopo ha aggiunto: “Ho appena parlato con il ministro dell’istruzione Carrozza e mi ha assicurato che alla riunione che terremo lunedì qui al liceo invierà un rappresentante del suo gabinetto perchè vuole essere presente e dare il suo contributo. La sua presenza è garanzia che non mancheranno i fondi”.

MINISTRA CARROZZA CHIAMA SINDACO E PRESIDE  “Ho voluto esprimere la mia solidarietà e la mia vicinanza alla città di Roma e alla scuola per quanto accaduto. Si tratta di un atto vergognoso che colpisce un istituto che si è distinto per iniziative a favore della legalità e della convivenza civile. Faremo quanto possibile per garantire la continuità didattica della scuola e la serenità degli studenti, degli insegnanti e di tutto il personale. Spero che presto si faccia piena luce sull’accaduto. La scuola è e deve rimanere un luogo sicuro, di crescita culturale e sociale”. Lo dichiara, in una nota, il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza che ha telefonato al sindaco di Roma Ignazio Marino e al preside del Liceo Socrate, colpito da un incendio doloso nella notte.

ALUNNI E GENITORI: “QUESTO ATTO VANDALICO FA PAURA” – Tanti gli studenti e gli insegnanti che questa mattina si sono recati al liceo Socrate. “Ci sono stati diversi atti vandalici ma questo fa veramente paura”, ha detto una ragazza dell’istituto. Diversi anche gli insegnanti che hanno voluto verificare personalmente i danni e le condizioni della scuola. “E’ un atto gravissimo – ha sottolineato un’insegnante – Sono molto provata e spero che adesso si faccia qualcosa per la sicurezza di questa scuola con telecamere e luci esterne”. Preoccupati anche i genitori che dopo essersi ritrovati davanti all’ingresso del liceo hanno chiesto al sindaco cosa potessero fare per collaborare con le istituzioni e “per seguire l’evolversi della vicenda”. Richiesta avanzata anche dagli stessi studenti al primo cittadino. “Vorremmo sapere come fare per essere informati ed aggiornati sulle condizioni dell’istituto, gli interventi e la gestione della didattica”, ha chiesto un ragazzo al sindaco.

IL COMUNE –  “L’incendio doloso che ha colpito il liceo classico Socrate è un atto grave di cui bisogna comprenderne dinamiche e motivazioni. In attesa che le indagini accertino le responsabilità di quanto accaduto, esprimo la mia vicinanza più sincera alla comunità scolastica del Socrate” ha detto il consigliere comunale Gianluca Peciola (Sel) arrivando al liceo stamattina. “Un episodio vergognoso e intollerabile – dice il vicesindaco di Roma Luigi Nieri – un attacco a tutti coloro che credono nell’importanza della cultura e dell’educazione. Un episodio terribile che colpisce un istituto che si è distinto per le iniziative importanti contro le discriminazioni e l’omofobia. Ci auguriamo che sia fatta piena luce su quanto accaduto e che siano individuati al più presto i responsabili di questo grave e ignobile gesto”. Solidarietà agli studenti anche da parte di Giulia Tempesta, vice presidente del Pd in Campidoglio, e da Gianni Sammarco deputato e coordinatore del Pdl di Roma. “Voglio manifestare la piena disponibilità dell’amministrazione che rappresento a mettere a disposizione del Liceo Socrate, se necessario, spazi di altre strutture scolastiche comunali, al fine di garantire il normale svolgimento delle attività didattiche. Mi auguro, inoltre, che sia fatta piena luce su una vicenda inqualificabile che rappresenta una ferita per la città” dichiara in una nota Alessandra Cattoi, assessora alla Scuola di Roma Capitale.

ZINGARETTI – Per il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti “l’incendio doloso è un atto vergognoso che deve essere condannato dalle forze politiche e dalle istituzioni”. “L’ennesimo gesto intimidatorio che attacca un luogo dove valori come il rispetto e la non violenza devono essere inalienabili – continua il governatore – colpendo il liceo Socrate, come dissi in passato, si cerca di attaccare un simbolo che in questi anni si è distinto per iniziative contro l’omofobia, vincendo a tal proposito, il concorso Niso, un progetto europeo studiato per combattere proprio questo tipo di discriminazioni. Le scritte dei mesi scorsi e l’episodio odierno, non devono però fermare questi ragazzi nella loro battaglia per la legalità e per la valorizzazione delle diversità. Noi saremo al loro fianco senza abbassare la guardia”.

LA REGIONE – “La Regione farà la sua parte” ha assicurato il vicepresidente del Lazio, Massimiliano Smeriglio arrivando al liceo. “Il problema è che chiunque abbia voluto colpiore l’agibilità della scuola non ce l’ha fatta perché la scuola non chiude. L’incendio è doloso. Ci aspettiamo celerità nell’accertamento delle responsabilità” ha aggiunto Smeriglio. “Lunedì la Regione Lazio parteciperà alla riunione condivisa questa mattina con il sindaco Marino sul futuro del liceo Socrate. C’è una totale unità di intenti e determinazione tra tutte le istituzioni per garantire il ripristino dei luoghi il prima possibile – ha spiegato Smeriglio – Il Socrate in questi anni è stato un punto di riferimento culturale, politico e sociale e forse questo protagonismo dei ragazzi ha dato fastidio a qualcuno. Quest’ anno gli studenti hanno organizzato iniziative contro razzismo e omofobia, momenti di approfondimento sui crimini del fascismo, oltre alla presentazione del film Diaz con il regista Daniele Vicari e incontri come quello con l’Ambasciata argentina per approfondire gli aspetti di una feroce dittatura militare. Mi sembra inoltre una bella idea quella lanciata dagli studenti del collettivo della scuola di organizzare una sottoscrizione tra le famiglie, ex alunni e tutti i cittadini che hanno a cuore il consolidamento di un presidio democratico come appunto il liceo classico di Garbatella”.

“Un episodio scioccante, in un luogo sacro” commenta il segretario del Pd Lazio, Enrico Gasbarra: “Lo è per la follia criminale ma anche perché va a colpire tutti, studenti, insegnanti e famiglie dell’istituto della Garbatella così come della Capitale che da quel liceo ha avuto esempi e messaggi di cultura civile, contro ogni discriminazione e per i valori dell’uguaglianza e della legalità”. “Tutte le istituzioni si stringano ai ragazzi e alla famiglie del liceo che è diventato in questi mesi un simbolo da colpire, per intimidire, per fermare uno straordinario cammino che gli studenti hanno intrapreso contro ogni tipo di discriminazione e per la legalità – scrive in una nota  il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori – siamo e saremo con loro anche per una ricostruzione immediata del liceo, nella speranza che i criminali che hanno ferito il ‘Socrate’ possano essere al più presto identificati”.  “Un atto gravissimo, criminale, che mi colpisce una volta di più perchè il Socrate è anche stata la mia scuola – scrive una nota Marta Bonafoni, consigliera regionale del gruppo Per il Lazio e membro della commissione Scuola alla Pisana – occorre reagire immediatamente e anzi la reazione delle forze democratiche della città di Roma è già scattata: il Socrate – liceo modello per i suoi progetti d’integrazione e cittadinanza attiva e consapevole – non dovrà fermarsi neppure un giorno. Parta subito la ricostruzione, la Regione – come assicurato dall’assessore Smeriglio – farà la sua parte”.

IL MUNICIPIO – Per il minisindaco Andrea Catarci (Sel) si tratta di “un atto di guerra contro la cultura, la società, la comunità,un gesto vile e folle con cui si è alzato il tiro dopo i sassi, le scritte omofobe e neofasciste e le innumerevoli intimidazioni dei mesi scorsi”. “Rimetteremo in piedi in fretta la struttura, troveremo una soluzione provvisoria in zona nel caso in cui i lavori di ripristino non si concludano in tempo per la ripresa delle attività scolastiche, quel che è certo è che il Liceo Socrate continuerà ad essere quel punto di riferimento per studenti,insegnanti, il quartiere e la città tutta che è sempre stato,rinnovando l’impegno specifico sul tema dei diritti e delle libertà personali – ha concluso Catarci – lo testimonia in modo inequivocabile il flusso ininterrotto di studenti, genitori,insegnanti e cittadini che,insieme alle Istituzioni a iniziare dal Sindaco Marino, hanno portato la loro vicinanza e solidarietà alla comunità scolastica del Socrate”. Il neo assessore alle politiche culturali, Claudio Marotta: “L’ennesimo atto violento che colpisce non solo una scuola della nostra comunità ma quello che da sempre è un centro di partecipazione e protagonismo giovanile del nostro territorio. Il nostro impegno sarà quello di dare il massimo sostegno alle istituzioni scolastiche per permettere la continuità della didattica e per promuovere la solidarietà che questo pezzo di comunità merita”.

LE REAZIONI – “Esprimiamo piena solidarietà a studenti, preside e corpo docente. Con il Liceo Socrate siamo impegnati da tempo su progetti anti-omofobia. Nell’accertare i fatti da parte delle forze dell’ordine, andranno prese in considerazione tutte le piste. E’ successo più volte che la scuola sia stata oggetto di scritte omofobe” ricorda, in una nota, Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center. “È più che mai urgente che il tema della sicurezza delle scuole diventi prioritario, sia nelle strutture che rispetto ad incursioni ed atti vandalici di questo tipo – scrive in una nota Flc-Cgil – come organizzazione sindacale esprimiamo agli studenti, ai lavoratori e al dirigente scolastico tutta la nostra solidarietà con la speranza che il Liceo possa riprendere rapidamente il suo ruolo di promotore della cultura della libertà e dei diritti”. Anche il Circolo Garbatella di Legambiente esprime solidarietà “ai ragazzi e agli insegnanti del Liceo Socrate, devastato la scorsa notte da un incendio doloso”. “Colpire una scuola pubblica è un atto ignobile contro la cultura e la convivenza civile – commenta Tommaso D’Alessio, presidente del Circolo – tanto più che il Socrate è riconosciuto per la sua eccellenza didattica e per l’educazione ai diritti di tutti, e proprio per questo è già stato oggetto di atti vandalici e omofobi”. “Legambiente Garbatella – conclude una nota – invita a vigilare su questi ripetuti gesti di intolleranza, ed esorta le istituzioni a ripristinare al più presto la funzionalità della scuola e lo spazio di democrazia che rappresenta”.

Fonte: paesesera.it

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...