Svastiche sui muri di Stazzema nell’anniversario della strage


Sono apparse nei giorni scorsi sulla strada provinciale che collega Pontestazzemese a Levigliani. Sul gesto indagano i carabinieri che, grazie a una testimonianza, avrebbero già individuato il responsabile. Il sindaco Sillicani: “Non si tratta di uno stazzemese. Atto abominevole, ora almeno chieda scusa”

STAZZEMA. Sono apparse negli ultimi giorni lungo la via Provinciale tra Pontestazzemese e Terrinca. Almeno 25 svastiche, alcune disegnate addirittura al contrario, che imbrattano i muri lungo la strada e che hanno provocato lo sdegno della popolazione che, in questi luoghi più che altrove, non può non gurdare con orrore al simbolo del nazismo.

E lo sdegno aumenta in considerazione del fatto che le svastiche che imbrattano i muri lungo la strada sono apparse a pochi giorni dall’anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema. Una offesa intollerabile per chi le ha viste, un insulto alle 560 vittime di Sant’Anna commemorate lunedì alla presenza delle istituzioni e del ministro Maria Chiara Carrozza.

L’azione non è passata inosservata ed anzi ci sarebbero dei testimoni oculari che hanno già raccontato ciò che hanno visto alle autorità. Sulle svastiche è infatti stata avviata una indagine. Se ne sono occupati i vigili urbani ma la vicenda è seguita anche dai carabinieri. E a quanto pare, proprio grazie ad alcune testimonianze, gli inquirenti avrebbero già individuato un responsabile del gesto.

Il sindaco di Stazzema: “L’autore non è uno stazzemese”. “Con grande soddisfazione, sembra che sia stato individuato il responsabile del gesto. Non è uno stazzamese, ma un signore che abita nella piana versiliese”. Le parole sono di Michele Sillicani, sindaco di Sant’Anna di Stazzema. “Vorrei sottolineare un aspetto: sono stati i nostri cittadini che hanno visto il probabile autore e l’hanno descritto ai carabinieri”. L’uomo in questione abiterebbe nel comune di Pietrasanta

Fonte: repubblica.it

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.