LA STRAGE DI SASSOLEONE


«All’alba del 26 settembre siamo stati svegliati dal rumore di violente esplosioni: sono i mortai e le artiglierie tedesche che battono Sassoleone. Il bombardamento dura circa due ore, poi più nulla. Rimaniamo con il respiro sospeso, si vedono in lontananza le piccole belve nere delle S.S. che si aggirano per il paese, poi si ode un grande collettivo urlo che non ha più nulla di umano, seguito da alcune raffiche di mitragliatrice, quindi di nuovo silenzio.

Un quarto d’ora dopo ricominciano le esplosioni tutto il cielo è rossastro e un gran polverone si alza da Sassoleone: i tedeschi hanno minato il paese. Fra uno scoppio e l’altro, mentre la polvere si dirada, case, chiesa, edifici pubblici appaiono al nostro sguardo, completamente distrutti. Ma gli assassini tedeschi non son ancora soddisfatti, dopo qualche minuto grandi fiamme si alzano dai ruderi di Sassoleone; i briganti delle S.S. hanno appiccato il fuoco alle rovine del paese. Giungono intanto gli ultimi fuggiaschi che raccontano come quaranta fra vecchi, donne, ammalati, e bambini si fossero rifugiati nel campanile e come le bestie teutoniche, entrate nel paese, li avessero fatti uscire dal loro rifugio, allineati lungo il muro della Chiesa e finiti a colpi di mitraglia, incuranti delle grida e dei lamenti delle vittime».

Così scrive una Partigiana, e noi che leggiamo, piene di raccapriccio e di orrore le parole che descrivono la distruzione di un tranquillo paese e di una enorme popolazione, vorremmo chiudere gli occhi e gridare: Basta!

Queste parole ci fanno troppo male. Noi sappiamo che purtroppo altri paesi stanno seguendo ora la stessa sorte di Sassoleone, altre popolazioni stanno ora soffrendo pene inaudite, distruzioni, tormenti, uccisioni; ecco di che sono capaci i tedeschi, ecco la conseguenza di questa guerra fascista che ci ha messo in balìa delle belve germaniche, ma noi lo abbiamo gridato il nostro «basta», lo grideremo ancora più forte; sarà il ricordo di tante vittime innocenti, di tanti nostri fratelli assassinati che ci darà la forza di lottare ancora per liberare la nostra Patria.

Fratelli caduti vittime della barbarie tedesca, noi vi vendicheremo!

Articolo tratto da: LA VOCE DELLE DONNE  Organo del Comitato Centrale dei « Gruppi di Difesa della Donna e per l’assistenza ai Combattenti della Libertà » del 15 marzo 1945.

La cronaca dell’eccidio

Il 23 settembre1944 i partigiani della 62a brigata Camicie rosse Garibaldi attaccano un camion tedesco nei pressi dell’abitato di Sassoleone (Casalfiumanese).

Almeno 4 militari restano uccisi e 2 feriti. Il 24 un reparto di SS tedesche rastrella una cinquantina di persone: vecchi, donne e bambini.

Di queste, 23 o 24 sono trucidate a colpi di mitraglia, insieme a don Settimio Patuelli il quale, «dietro invito dei Superiori», aveva dovuto lasciare la sua parrocchia ad Osta ed assumere provvisoriamente quella di Sassoleone perché il titolare don Cassiano Ferri l’aveva abbandonata senza giustificazione.

La maggior parte delle persone viene uccisa nei pressi della chiesa e le altre vicino alle abitazioni. La chiesa e alcuni stabili sono fatti saltare. I resti delle vittime vengono sepolti  qualche settimana dopo, quando Sassoleone fu liberato dagli alleati.

Un cippo ricorda i martiri:

Giovanni Arcangeli

Margherita Cella in Wolf

Maria Dal Monte

Elsa Domenicali

Emilia Fiumi,

Fiorina Fiumi

Colomba Galassi

Luigi Gambetti

Giuseppina Ghini

Maria Lelli

Francesca Monti

Margherita Morini Fortuzzi

Mario Morini Fortuzzi

don Settimio Patuelli

Clotilde Poli

Vincenzo Prosperi

Giuseppe Scala

Angela Suzzi

Attilio Suzzi

Anna Maria Tarlazzi

Ettore Tonni

Onesta Turrini

Gisella Wolf in Morini Fortuzzi.

Una testimonianza dell’eccidio è nei ricordi di Giorgio Tonni 

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...