23 gennaio 1945 I fascisti giustiziano 11 partigiani al Poligono di tiro del Martinello Torino


Il 23 gennaio viene eseguita la condanna a morte per fucilazione di 11 partigiani precedentemente arrestati in diverse occasioni per delazioni o per rastrellamento. La sentenza era stata emessa il giorno precedente dal Tribunale Contro la Guerriglia, alcuni avevano chiesto la grazia che venne respinta.

Le vittime, fucilate da un plotone della Guardia Nazionale repubblicana, sono Luigi Savergnini, Orazio Barbero, Bruno Cibrario, Dino Del Col, Amerigo Duò, Pietro Ferreira, Enrico Martino, Ulisse Mesi, Luigi Migliavacca, Giovanni Moncalero e Giovanni Battista Zumaglino.

Alcune biografie

Luigi Savergnini

Nasce a Soncino (Cremona) il 19 agosto 1916. Dal Cremonese si era trasferito a Torino, dove si era sposato e faceva il magazziniere. Dopo l’armistizio, il giovane era entrato nella Resistenza e aveva ricevuto dal locale Comitato di Liberazione Nazionale,l’incarico di assistere gli ex prigionieri alleati intenzionati ad espatriare. Nel 1944 “Gino” (con questo diminutivo era conosciuto), entra come partigiano combattente nella Prima Divisione alpina di “Giustizia e Libertà” dislocata nel Cuneese e, nell’agosto, passa a Grenoble, dove entra in contatto con la Resistenza transalpina. Ritornato a Torino per una missione, quando già si profila la disfatta dei nazifascisti, Savergnini è tradito da un delatore che il 10 gennaio 1945 lo fa arrestare, con la moglie, dalla polizia repubblichina. Processato dal tribunale Co.Gu. (contro guerriglia), dopo quattro giorni di durissimi interrogatori “Piero” è condannato a morte.

Lettera alla moglie

23 Gennaio 1945 ore 5

Mia adorata moglie,
tante parole mi vengono in mente, ma la più grande e la più forte è il tuo amore, e il pensiero della possibile nascita del frutto di questo.
Tienilo Egle e ricordagli che il suo papà è stato un soldato che ha amato la sua Patria. Sii forte e non piangere, come non piango io.
Sappi che ti sorveglierò e ti aiuterò e questa benedizione ti giungerà da un’anima innocente, come tante altre che prima di me diano la loro vita per una giusta causa.
A te raggiante in volto venga il sole dell’avvenire, a te che il coraggio è cosa normale. Il mio cuore è rotto solo perché corre sulle ali del tuo dolore.
Ricordami sempre e se la creatura che doveva nascere verrà, sarà quella che ti tranquillizzerà e ti riporterà ciò che la mia vita amaramente ti tolse.
Un forte abbraccio dal tuo
Gino

Orazio Barbero

Nasce il 9 ottobre 1925 a Torino. Arruolato in Marina per un breve periodo, ottiene il congedo perché richiamato al lavoro. Nell’inverno 1943-1944 entra a far parte del movimento partigiano, nella 42ª Brigata Garibaldi, dislocata nelle Valli di Lanzo. Tra il settembre e il novembre 1944 rientra a Torino, e si unisce al movimento resistenziale cittadino nelle fila della 2ª Brigata SAP. Il 16 gennaio 1945 è sorpreso con il compagno Ulisse Mesi da alcuni agenti della Questura in azione di rastrellamento. Trovati entrambi in possesso di armi, vengono immediatamente arrestati. Imprigionato nelle carceri cittadine, Barbero è processato dal tribunale militare di guerra straordinario il 22 gennaio. Condannato a morte, presenta domanda di grazia, ma viene respinta. Alle 4,30 del mattino seguente, 23 gennaio 1945, viene prelevato dalla sua cella e condotto al Poligono del Martinetto assieme ad altri 10 detenuti.

Ultima lettera alla famiglia

Carissimi tutti,
Il Signore ha voluto che passassi la prova suprema.
Perdonatemi se sono la colpa di questo grande dolore, ma sappiate, babbo, mamma carissima, che vostro figlio, e voi Virgilio, Cesare, Matelda, ed Augusto, che il vostro Orazio è morto da cristiano e da buon italiano.
Un abbraccio ed un bacio, a Te, babbo, a Te, mamma; a Voi Virgilio, Cesare, Matelda, ed Augusto.
Sarò sempre a pregare per voi.
Viva l’Italia !
Orazio

Bruno Cibrario (Nebiolo)

Nasce il 26 agosto 1923 a Torino. Entrato a far parte della 9ª Brigata SAP di Torino, è nominato prima comandante di squadra, quindi, nel giugno del 1944, è promosso Commissario di distaccamento. Tradito da una delazione, è catturato il 16 gennaio 1945 dalla Squadra politica. Rinchiuso nelle Carceri nuove di Torino, il 22 gennaio è processato dal Tribunale Co.Gu (Contro Guerriglia) di Torino. Condannato a morte, il giorno successivo (23 gennaio) è prelevato dalla cella e condotto al Poligono di tiro del Martinetto con Orazio Barbero, Dino Del Col, Amerigo Duò, Pedro Ferreira, Enrico Martino, Ulisse Mesi, Luigi Migliavacca, Giovanni Moncalero, Luigi Savergnini e Giovanni Battista Zumaglino.

Ultima lettera alla madre

Mamma carissima,
perdonami il dolore che ti do.
Quello che ho fatto, chiunque non sia un vile lo avrebbe fatto. Mio padre non potrebbe che approvarmi. Lui che ha combattuto mi capisce. Io non sarò meno di lui.
Forse questa è l’ultima che scrivo. Sii forte per le bambine, esse non hanno che te.

Devi voler loro anche il bene che hai voluto a me.
Saluta da parte mia tutti gli zii, i cugini.
Io non posso scrivere loro.
Bacia tanto Magdala e Graziella.
Bruno

Amerigo Duò (Amerigo)

Nasce il 16 luglio 1923 a Villanova Marchesana, in provincia di Rovigo. Nel dicembre 1943 lascia la città e si unisce alle prime bande formatesi sulle montagne piemontesi. Nel marzo del 1944 è designato quale comandante di un distaccamento GL (Giustizia e Libertà), a capo del quale si distingue in particolar modo durante un combattimento a Chialamberto (provincia di Torino, nelle Valli di Lanzo), dove, con i suoi uomini, costringe alla fuga in intero reparto dell’esercito tedesco. Successivamente si sposta in Valle d’Aosta in compagnia del suo superiore Pietro Ferreira, e partecipa attivamente agli scontri di Cervinia, nel novembre 1944. Costituitosi per salvare la vita al fratello (a cui è stata amputata la gamba a causa di un congelamento), viene incarcerato ma liberato poco dopo grazie ad un’amnistia. Tornato a Torino, entra in contatto con le S.A.P. (Squadre di azione patriottica) cittadine, ma è arrestato nuovamente il 17 gennaio 1945, quando le Brigate Nere lo sorprendono nel bel mezzo di una riunione clandestina. Tradotto in carcere, il 22 gennaio è processato dal Tribunale di Co.Gu. (contro guerriglia) e condannato inizialmente a 25 anni di reclusione. A causa della sua appassionata difesa nei confronti dell’ex superiore Pietro Ferreira, sottoposto a giudizio assieme a lui, il verdetto è modificato in pena di morte. Il giorno successivo sia Ferreira che Duò sono prelevati dalle celle e condotti al poligono di tiro del Martinetto, dove vengono fucilati da un plotone composto da militi della GNR.

Ultima lettera alla famiglia

Mamma cara, e fratelli, parenti cari tutti, zii e zie
questo è il mio ultimo desiderio, fatevi coraggio come io ce l’ho pochi minuti prima della mia morte. Non maledite nessuno come non maledico io, questo è il mio destino.
Guardate di riavere il mio portafoglio che si trova in Via Asti; altra mia roba la troverete qui nelle carceri. Per il paltò e le scarpe ve le darà il frate che mi confessa.
Sembra impossibile che in un momento simile abbia così poche cose da dirvi, ma lo sapete che io sono di poche parole. Mamma, papà, Gina, Gino, Giovanni, state tranquilli non piangete la mia sorte mi raccomando, come non la piango io, desidero che siate forti, Mamma fa coraggio a tutti gli inquilini e a chi mi conosce. Non portate lutto per me.
Ora ho solo da abbracciarvi tutti senza una lacrima sul volto, sappiate solo che vostro figlio muore innocente, davanti a Dio e davanti agli uomini che hanno il mio ideale.
Fate a Gino i miei auguri che guarisca presto e che si faccia molto molto coraggio.
Amerigo

Pietro Ferreira (Pedro)

Nasce il 3 agosto 1921 a Genova. Allo scoppio della guerra si arruola volontario ed è inviato a Moncalieri, per frequentare la Scuola ufficiali. Nell’ottobre del 1941 si trasferisce a Modena, all’Accademia militare. Ottenuto il grado di sottotenente in servizio permanente effettivo, all’inizio del 1943 è assegnato al 25º Reggimento fanteria della Divisione Bergamo, impegnata nelle operazioni militari in Dalmazia. Il giorno in cui è annunciato l’armistizio si trova a Spalato, da dove rimpatria in seguito allo sbandamento dell’esercito e per evitare di essere catturato dai tedeschi. Unitosi in un primo momento alle bande partigiane del Friuli orientale, il 4 dicembre ritorna a Genova, ma vi si ferma solo per un breve periodo. Ripartito alla volta del Cuneese, si aggrega alla formazione GL “Italia Libera”, comandata da Duccio Galimberti. Il suo gruppo è dapprima dislocato in Valle di Lanzo (TO); poi, ai primi di maggio, viene spostato in Valle d’Aosta per esigenze strategiche. Qui Ferreira promuove ed organizza le Brigate Mazzini, che nell’estate successiva si uniscono per formare la VII Divisione alpina GL, di cui egli diventa subito il Comandante. L’8 agosto 1944 è arrestato da alcuni elementi dell’Ufficio politico investigativo (U.P.I.) mentre si trova a Torino, ma viene rilasciato grazie ad uno scambio di prigionieri. Tornato in libertà, nei mesi seguenti allaccia rapporti sempre più stretti con il comando generale del C.V.L. (Corpo volontari della libertà), ed in particolar modo con il generale Raffaele Cadorna, che ne è a capo. Il 31 dicembre 1944 si reca a Milano, meta ormai frequente dei suoi viaggi, per incontrare un presunto sostenitore della lotta partigiana, che ha promesso di consegnargli una grossa somma di denaro per finanziare la sua formazione. In realtà però si tratta di un tranello: Ferreira viene arrestato dai fascisti e consegnato all’Ufficio politico della Federazione dei Fasci repubblicani di Torino. Rinchiuso in carcere, il 22 gennaio è processato dal Tribunale di Co.Gu. (contro guerriglia) e condannato a morte. Il giorno successivo è prelevato dalla sua cella e condotto al poligono di tiro del Martinetto. Qui gli 11 detenuti vengono fucilati da un plotone composto da militi della GNR.

Il 4 novembre 1946 l’Università di Genova gli ha conferito la laurea ad honorem in scienze commerciali. Dopo la liberazione gli è stata assegnata anche la medaglia d’oro al valor militare alla memoria, con la seguente motivazione: “Fiera figura di partigiano, dopo avere combattuto contro il tedesco oppressore in terra straniera, accorreva sul patrio suolo per continuare la lotta di liberazione. Le valli di Lanzo, di Chialamberto e di Aosta conobbero la sua insonne attività che le trasformò in potenti baluardo contro l’avanzata nemica. Champercher, Bardonetto, Gressoney videro brillare il suo valore in audaci azioni che costituiscono luminose pagine della storia partigiana. Catturato una prima volta e liberato in seguito a scambio di prigionieri riprendeva il suo posto di combattimento finché, caduto per la seconda volta nelle mani dell’avversario, veniva condannato a morte. Nell’attesa dell’iniqua esecuzione scriveva il suo testamento spirituale dedicato ai compagni di lotta, e, al canto degli inni della Patria, con sul petto il distintivo di partigiano, affrontava il plotone di esecuzione e cadeva dopo avere comandato, eretto nella persona, il fuoco fratricida, gridando «Viva l’Italia». Torino, 23 gennaio 1945.”

Ultima lettera alla famiglia

Dalle carceri di Via Asti Torino,22.1.1945, ore 22

Carissimi Mamma, Papà, ed Ico,
quando vi giungerà questa mia lettera sarete già messi a conoscenza della sventura che si è abbattuta su di voi. Immagino il vostro dolore e la vostra disperazione; immagino le lacrime e la desolazione, ma dopo, quando gli occhi si saranno asciugati dal pianto, il singhiozzo vi si sarà calmato nella gola e non avrete più tremula la mano, vi verrà la forza di leggere queste righe.
Cari, cari, cari miei famigliari, quanti dolori e quante pene vi ho procurato in questo miei ventitré anni di vita! Quanto vi ho trascurato, quante legittime consolazioni non vi ho date; quante delusioni vi ho procurate ! Se domattina all’alba, quando impalato davanti al plotone di esecuzione, col volto irradiato di luce per la voluttà del martirio nell’attesa del segnale di “fuoco!” un’ombra di tristezza attraverserà lo schermo dei miei pensieri, quest’ombra di tristezza sarà non il rammarico di dover abbandonare la vita ventitreenne, ma il pensiero del dolore che la mia scomparsa procurerà a voi, miei cari, miei adorati; ed il rammarico di non aver fatto per voi tutto ciò che i miei doveri di figlio e di fratello mi imponevano di fare. Ed è per questo che poche ore prima che venga messa la parola fine a questa mia breve ma intensissima esistenza, voglio inginocchiarmi ai vostri piedi Mamma, Papà e Ico e chiedervi perdono del male che vi ho fatto e del bene che non vi ho procurato.

Mamma, cara Mamma, tu tanto buona, tanto cara, tanto dolce, tanto modesta e tanto semplice; la tua vita è stata un calvario e il tuo cammino un sentiero cosparso di sterpi e di spine. Avrei dovuto io metter fine alle tue fatiche, ai tuoi dolori, ai tuoi stenti e alle tue pene col consacrare a te tutto me stesso, col consolarti delle mie premure e del mio amore, e invece volli consacrarmi ad una carriera che mi avrebbe tenuto sempre lontano da te, e lontano sempre rimasi procurandoti l’amarezza ed il dolore della solitudine…
ed ora…… e tu, mio buon papà, tanto ruvido e semplice, ma tanto buono e generoso: ligio al dovere sino allo scrupolo; caro papà, come ti consolerai ?
….. E Ico, caro Ico, fratello mio, come posso rassegnarmi io al pensiero di farti piangere ancora? …
…….. Ma bisogna, bisogna reagire! Reagire onde possiate continuare la vostra vita anche nel dolore
e lasciar correre i giorni, i mesi e gli anni finché il tempo, come l’onda del mare che le pietre smussa, riduce e trasforma in sabbia, non attutirà il dolore e lo renderà sopportabile fino a trasformarlo in un doloroso ricordo. Ma maggiore sarà la possibilità di reazione al dolore se penserete che il vostro figlio e fratello è morto come i fratelli Bandiera, Ciro Menotti, Oberdan, e Battisti colla fronte rivolta verso il sole ove attinse sempre forza e calore; è morto per la Patria alla quale ha dedicato tutta la sua vita; è morto per l’onore perché non ha mai tradito il suo giuramento; è morto per la libertà e la giustizia che trionferanno pure un giorno quando sarà passata questa bufera e quando sulle campagne devastate e le città distrutte volerà la colomba recante l’ulivo della pace, dell’operosità e della concordia.

Ed ora vi saluto, mamma, papà ed Ico; mi accingo a prepararmi all’istante in cui dovrò comparire dinnanzi al tribunale di Dio ben più giusto del tribunale degli uomini. E quando sarò arrivato vicino
a Gesù, mamma, pregherò tanto per te, affinché il dolore non ti consumi e non peggiori la tua già mal ferma salute.

Vi unisco una lettera per Boccalero, Enrico ecc. e un’altra per Pierina, il mio primo amore, che potete consegnare a qualcuno dei miei amici il quale si incaricherà poi di farla recapitare.

Ed ora addio, miei cari, pregherò di lassù per la vostra felicità dopo il dolore.
Tanti baci ed abbracci vostro Pedro
ore 24

Luigi Migliavacca (Ombra)

Nasce il 2 novembre 1925 a Moasca, in provincia di Asti. Nel giugno del 1944 entra nelle fila della 105ª Brigata Garibaldi, divenendo ben presto commissario di distaccamento. Nel gennaio 1945 rientra a Torino per unirsi alle formazioni di città, ma il giorno 15 dello stesso mese viene sorpreso in possesso di armi da alcuni elementi dell’Ufficio politico investigativo. Immediatamente arrestato, viene rinchiuso nelle carceri Nuove e processato dal Tribunale militare, che lo condanna a morte. Il mattino del 23 gennaio 1945 Luigi Migliavacca è prelevato dalla sua cella e condotto al poligono di tiro del Martinetto.

Ultima lettera alla mamma

Cara mamma,
Fatti coraggio e cerca di star felice ormai per me tutto e finito non mi resta che augurarti tante
belle cose a te Odetta e Beppino e dirgli di star sempre bravo e ubbidiente.
Tanti bacioni
Luigi

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...