Euro-nazisti: l’Internazionale nera sfilerà a Roma


Crisi ucraina e Italia. Con Forza Nuova Alba Dorata e Svoboda.

«L’Europa risorge». La musica ha un tono solenne, le imma­gini molto meno. Una mani­fe­sta­zione di Alba Dorata, una, molto più pic­cola, di Forza Nuova, ban­diere dei neo­fa­lan­gi­sti spa­gnoli di Demo­cra­cia Nacio­nal alter­nate a qual­che croce cel­tica. Primi piani di Roberto Fiore, l’ex di Terza Posi­zione che guida i neo­fa­sci­sti ita­liani, e di Niko­laos Micha­lo­lia­kos, il füh­rer dei neo­na­zi­sti greci in pri­gione in seguito alle inchie­ste sull’assassinio del rap­per anti­fa­sci­sta Pavlos Fys­sas.

E’ que­sta l’Europa che, secondo gli intenti degli orga­niz­za­tori, dovrebbe risor­gere nel pome­rig­gio di sabato 1 marzo in quel di Roma, per la pre­ci­sione in un albergo del quar­tiere della Pineta Sac­chetti. Il video che lan­cia la pic­cola ker­messe dell’internazionale nera è stato postato in rete dagli spa­gnoli, ma da alcuni giorni i mani­fe­sti annun­ciano l’arrivo degli espo­nenti dei «par­titi fra­telli» di Forza Nuova: Nick Grif­fin per il Bri­tish Natio­nal Party, Manuel Can­duela per Demo­cra­cia Nacio­nal, Anto­nis Gre­gos per Alba Dorata.

L’iniziativa fa pen­sare ad un fronte comune del radi­ca­li­smo nero in vista delle ele­zioni euro­pee, anche se gli osta­coli ad un simile pro­getto sono molti.

In que­sti giorni, d’attualità in que­sto ambiente è anche il soste­gno espresso nei con­fronti dei neo­fa­sci­sti ucraini di Svo­boda, da tempo in con­tatto con Forza Nuova e che hanno incro­ciato il pro­prio per­corso anche con gli altri gruppi che par­te­ci­pano alla mani­fe­sta­zione romana all’inizio dello scorso decen­nio nell’ambito del cosid­detto Euro­pean Natio­nal Front, un pro­getto di net­work della destra radi­cale euro­pea poi abor­tito.

Denun­ciando «l’intervento di impor­tanti espo­nenti sio­ni­sti» e degli Stati Uniti nel far pre­ci­pi­tare la crisi di Kiev, lo stesso Roberto Fiore, rinun­ciando almeno in appa­renza alla tra­di­zio­nale linea filo-Putin della for­ma­zione neo­fa­sci­sta, ha dichia­rato la pro­pria vici­nanza all’«opposizione nazio­na­li­sta con­tro il governo Yanu­ko­vich» e «a Svo­boda in que­sto momento di gra­vis­sima dif­fi­coltà».

In realtà nes­suna delle for­ma­zioni coin­volte sem­bra in realtà godere di buona salute. La stessa Alba Dorata, for­ma­zione «faro» dell’ultradestra con­ti­nen­tale e che rap­pre­senta «l’ospite d’onore» della ker­messe, pur essendo accre­di­tata ancora di oltre il 9% delle inten­zioni di voto, potrebbe essere costretta ad adot­tare un’altra deno­mi­na­zione, forse quella di Alba Nazio­nale, per le pros­sime sca­denze elet­to­rali, men­tre su 18 par­la­men­tari che ha eletto nel par­la­mento di Atene nel 2012, 6 sono in galera e 3 inda­gati a piede libero.

A Roma, i neo­na­zi­sti greci man­de­ranno il depu­tato Anto­nis Gre­gos, un fana­tico delle armi. Anche Forza Nuova, che scom­mette da tempo sulla crisi eco­no­mica e l’euroscetticismo, non sem­brano pas­sar­sela troppo bene, dopo aver cer­cato di «caval­care», l’effimero movi­mento dei For­coni. Nelle poli­ti­che dello scorso anno ave­vano rac­colto meno di 90 mila voti, e per il voto euro­peo la strada appare tutta in salita.

Come rac­co­gliere infatti le 130 mila firme, 3000 in ogni regione, che ven­gono richie­ste a chi non vanta eletti nel par­la­mento nazio­nale o non ade­ri­sce ad alcun gruppo pre­sente a Bru­xel­les?

Non va meglio al Bri­tish Natio­nal Party che, invece, nel 2009, gra­zie al 9,8% dei con­sensi rac­colti nelle zone più povere del nord dell’Inghilterra con lo slo­gan «Bri­tish jobs for bri­tish wor­kers», in Europa aveva eletto due rap­pre­sen­tanti, tra cui il lea­der del par­tito Nick Grif­fin. Ora il Bnp è pros­simo alla ban­ca­rot­tae i son­daggi dicono che un suo ritorno nel par­la­mento Ue è in ogni caso escluso.

Nean­che la situa­zione di Demo­cra­cia Nacio­nal appare rosea; hanno appena «recu­pe­rato» Pedro Varela, nome tute­lare del neo­na­zi­smo ibe­rico degli ultimi decenni, e hanno affi­dato le loro spe­ranze a España en Mar­cha, il car­tello elet­to­rale dell’estrema destra lan­ciato il 20 novem­bre insieme ad Alianza Nacio­nal e alla Falange Española de las Jons, mai vera­mente decol­lato.

La minac­cia resta, ma forse in vista delle euro­pee, l’asse degli estre­mi­sti «sdo­ga­nati», l’alleanza Le Pen-Wilders-Lega, fa più paura di quella dei neo­fa­sci­sti irriducibili.

Di Guido Caldiron

Fonte: ilmanifesto.it

Advertisements

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...