Neri ma non solo


Estremisti di destra e criminalità organizzata. A Milano è storica la connivenza tra boss e fascisti locali. E sono molti, oggi, i personaggi indagati per traffico di droga. Saverio Ferrari – Il manifesto  –  14/03/2014

L’estrema destra a Milano si è sem­pre carat­te­riz­zata per le sue posi­zioni e le sue cam­pa­gne in favore di «legge e ordine». Così fu negli anni Set­tanta quando si mobi­litò con­tro la «vio­lenza rossa» e per l’introduzione della pena di morte. Nel con­tempo occu­pava con i pro­pri squa­dri­sti piazza San Babila e assal­tava le sedi dei par­titi di sini­stra. Non solo, come in seguito emerse da diverse inchie­ste giu­di­zia­rie, più di un suo espo­nente risultò traf­fi­care in stu­pe­fa­centi, orga­niz­zare rapine e fruire dei pro­venti del mer­cato della pro­sti­tu­zione. Una dop­piezza che già si infranse cla­mo­ro­sa­mente il 12 aprile 1973 in occa­sione di una mani­fe­sta­zione nazio­nale dell’Msi, nel corso della quale due suoi mili­tanti assas­si­na­rono un agente di poli­zia, Anto­nio Marino, lan­ciando bombe a mano con­tro i cor­doni delle forze dell’ordine.Ora, in un con­te­sto com­ple­ta­mente mutato, col­pi­sce il sus­se­guirsi di alcuni epi­sodi, a par­tire da un con­certo nazi­rock, il 16 dicem­bre scorso, pro­mosso da un coor­di­na­mento di sigle neo­fa­sci­ste per cele­brare il tren­ten­nale della scom­parsa, per inci­dente stra­dale, di Carlo Ven­tu­rino, il fon­da­tore degli «Amici del vento», gruppo musi­cale di estrema destra, tenu­tosi al Music Hall Madi­son, una sto­rica disco­teca situata in via Gio­vanni da Udine, peri­fe­ria nord ovest di Milano.

Il locale era già finito sulle pagine di cro­naca nel dicem­bre 2006, nell’ambito dell’inchiesta «Soprano», che portò alla sua chiu­sura. Il Madi­son era allora gui­dato da Vin­cenzo Fal­zetta, detto «O’ banana», che l’aveva acqui­sito per conto della fami­glia cala­brese dei Coco Tro­vato per rici­clare denaro e spac­ciare cocaina. Ria­prì solo nel 2009. Attual­mente a gestirlo è la Par, par­te­ci­pa­zioni alber­ghiere e risto­ra­zioni, una società a respon­sa­bi­lità limi­tata che risulta essere di pro­prietà di tre soci, gli stessi che l’hanno con­cesso in affitto ai pro­mo­tori del con­certo. Uno di que­sti, Anto­nio Luca Biasi, detto «Lulù», è rima­sto coin­volto nel feb­braio 2011 nell’operazione «Carpe diem», con­dotta dal Gico e dalla Dire­zione distret­tuale anti­ma­fia di Salerno: 35 arre­sti per traf­fico inter­na­zio­nale di droga con rela­tivo sman­tel­la­mento del clan di Giu­seppe Alfano alias «Peppe o’ squalo». Que­stioni di droga hanno riguar­dato in pas­sato anche Rodrico Gen­tile, altro pro­prie­ta­rio del Madi­son. Ai tempi dell’università, nel 1993 venne arre­stato per spac­cio di droga. Nel suo appar­ta­mento a Bag­gio fu tro­vato mezzo etto di sostanze stu­pe­fa­centi tra eroina e cocaina e otto milioni di lire in contanti.

La droga è risul­tata essere anche al cen­tro della vicenda che ha por­tato, l’11 dicem­bre scorso, al fermo, poi tra­mu­tato in arre­sto, da parte della pro­cura della Repub­blica di Giu­seppe Fla­chi, detto don Pepé, boss della ‘ndran­gheta lom­barda, e di diversi altri per­so­naggi coin­volti in traf­fici di stu­pe­fa­centi tra Ita­lia ed ex Jugo­sla­via. Dalle nume­ro­sis­sime inter­cet­ta­zioni è anche sal­tato fuori come uno dei lea­der mila­nesi degli Ham­mer, Dome­nico Bosa, alias Mimmo (già finito in car­cere per cocaina nel 2003), intrat­te­nesse stretti rap­porti con il nar­co­traf­fi­cante Milu­tin Tiodorovic.

Pochi giorni fa, infine, è emerso che la nuova sede, in zona Cer­tosa, tra via San Bru­none e via Pareto (gli stessi locali per qual­che tempo già di «Cuore nero»), appena inau­gu­rata da «Lealtà azione», ovvero l’associazione fian­cheg­gia­trice la rete neo­na­zi­sta di Ham­mer­skin, sia stata data in «como­dato d’uso gra­tuito» nien­te­meno che da Miche­lan­gelo Tibaldi, citato nel rap­porto della Com­mis­sione anti­ma­fia del 2012 che portò allo scio­gli­mento, nell’ottobre dello stesso anno, del comune di Reg­gio Cala­bria, come l’emissario del boss mafioso Santo Crucitti.Tibaldi, attual­mente inda­gato, figura come socio unico della Milasl srl, pro­prie­ta­ria degli spazi, pre­ce­den­te­mente nelle mani di Lino Gua­glia­none che nel 2007 ven­dette tutte le quote a Tibaldi, pur rima­nendo ammi­ni­stra­tore unico fino al marzo 2010. Guarda caso la sede della società in un primo momento era pro­prio in via Durini 14 (ora è a Reg­gio Cala­bria), ovvero allo stesso indi­rizzo della Mgim, lo stu­dio di com­mer­cia­li­sti di cui Lino Gua­glia­none è socio. Stu­dio sotto il quale il 17 set­tem­bre 2009 lo stesso Gua­glia­none fu foto­gra­fato dai cara­bi­nieri in com­pa­gnia di Paolo Mar­tino, con­si­de­rato uno dei più influenti capi della ‘ndran­gheta a Milano.

Di Pasquale «Lino» Gua­glia­none, si è già scritto e detto molto: ex teso­riere dei Nar (i Nuclei armati rivo­lu­zio­nari fon­dati nel 1977 dal ter­ro­ri­sta nero Giu­sva Fio­ra­vanti), con­dan­nato con sen­tenza defi­ni­tiva per asso­cia­zione sov­ver­siva e banda armata, can­di­dato nel 2005 per Alleanza nazio­nale alle regio­nali, com­mer­cia­li­sta, curio­sa­mente, non iscritto all’albo a Milano ma a Reg­gio Calabria.Forse non così casuale il con­ti­nuo sovrap­porsi, anche recente, fra estrema destra e cri­mi­na­lità orga­niz­zata. Solo un dato di continuità.

Fonte: osservatoriodemocratico.org

Advertisements

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...