Milano, raduno fascista al Monumentale. Il consiglio di Zona: “Li denunceremo”


Domenica al cimitero di Milano l’iniziativa dell’associazione di destra Memento sulla tomba del poeta futurista Marinetti. Un mese fa al Maggiore fu fatta rimuovere la bandiera della Repubblica di Salò

di FRANCO VANNI

Dopo il cimitero Maggiore, il Monumentale: l’associazione di destra Memento, che il mese scorso espose la bandiera della Rsi al campo 10 del cimitero di Musocco, per domani ha organizzato un presidio sulla tomba del poeta futurista Filippo Tommaso Marinetti. Ma l’arte c’entra poco: il volantino che convoca il picchetto — con tanto di aquila e fascio littorio — precisa che l’occasione da ricordare è «l’anniversario della fondazione dei fasci di combattimento a Milano in piazza Sepolcro».

Il 23 marzo 1919 Benito Mussolini tenne in piazza San Sepolcro il discorso agli ex combattenti in cui definì i valori del fascismo. «Renderemo omaggio ai martiri della rivoluzione fascista», si legge sul manifestino. Ma Simone Zambelli, presidente del consiglio di Zona 8, annuncia: «È una violazione alla legge Mancino, che vieta la propaganda fascista. Chiedo alla polizia locale di identificare chi prenderà parte alla manifestazione, di modo da poterli poi denunciare. Simili provocazioni sono insopportabili, tanto più che sono ripetute». Fu lo stesso Zambelli un mese fa a chiedere alla direzione del cimitero Maggiore di rimuovere la bandiera dell’Rsi. Proprio questa presa di posizione del Comune ha spinto le associazioni di nostalgici della Repubblica di Salò a unire gli sforzi in una «battaglia per l’onore dei vinti».

A firmare il volantino che convoca l’adunata di domani al Monumentale per le 15, oltre a Memento, sono l’Associazione nazionale arditi d’Italia e l’Unione nazionale combattenti della Rsi. Non si esclude che al picchetto possano prendere parte gli attivisti dell’associazione di estrema destra Lealtà Azione, vicina al mondo skinhead, che di recente ha aperto una sede in via Pareto, sempre in Zona 8. La preoccupazione che in quello spicchio di città si stia creando «un distretto ad alta presenza fascista», come denunciato dall’Anpi, trova concorde la Cgil. I vertici della Camera del Lavoro lunedì scorso hanno presentato un esposto al prefetto per denunciare le «violazioni delle leggi a tutela del bene giuridico più importante, vale a dire la nostra democrazia», con riferimento alle «frequenti e preoccupanti manifestazioni fasciste».

In particolare si chiede all’autorità di vigilare perché la manifestazione del prossimo 29 aprile in memoria di Sergio Ramelli (studente assassinato da estremisti di sinistra nel 1975) «non si trasformi in apologia del fascismo».

Fonte: repubblica.it

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...