Roma. Identificati gli aggressori dei tifosi del Napoli. Sono fascisti


Secondo il giornale sportivo La Gazzetta dello Sport, i quattro personaggi che insieme al fascista Daniele De Santis “Gastone” hanno partecipato all’assalto contro i tifosi del Napoli, sfociato poi nel ferimento di Ciro e Alfonso Esposito e Gennaro Fioretti, sarebbero stati identificati. Si tratta di giovani, con meno di trent’anni, appartenenti al mosaico neofascista della Capitale. Nelle prossime ore la Procura ritiene di poter chiarire se si tratti di “cani sciolti” o se il raid sia stato compiuto su mandato.

Questo è quanto riporta la Gazzetta dello Sport (mentre il quotidiano sportivo romano Corriere dello Sport continua fare il vago sulla vicenda). Per la Gazzetta gli aggressori sono “Giovani, romanisti, militanti dell’estrema destra. Hanno nomi, cognomi e soprannomi i quattro ultrà che hanno partecipato con Daniele De Santis all’assalto del pullman napoletano che transitava su via Tor di Quinto, dileguandosi un istante prima che la rissa sfociasse in sparatoria e lasciasse a terra Ciro e Alfonso Esposito e Gennaro Fioretti. La Digos è pronta a identificarli, presumibilmente lo farà all’inizio della prossima settimana. Non è stato facile risalire a questi quattro nomi: nessuno dei testimoni è stato in grado di riconoscerli né di fornire dettagli utili alla loro identificazione, poiché indossavano tutti dei caschi di tipo Jet ed, effettivamente, sono scomparsi velocemente dalla scena del crimine. Ma dopo giorni di controlli incrociati, ora gli investigatori sono in grado di dire a quale galassia del tifo e a quali ambienti politici appartengano. Sono tutti più giovani di De Santis, non dovrebbero superare la trentina, ma con Gastone condividono la passione per la Roma e l’appartenenza all’estrema destra. Secondo i pm che conducono le indagini, Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio, a differenza di De Santis, già da tempo allontanato dalla governance romanista, i quattro indiziati sarebbero tuttora riconducibili alla curva Sud, cioè al settore che guida il tifo giallorosso. Due avrebbero un passato in curva Nord, dove si annida l’ala oltranzista degli ultrà romanisti. Questo spiegherebbe perché l’11 maggio, ad una settimana dai fatti di Tor di Quinto e alla prima occasione pubblica (la sfida con la Juventus), le curve abbiano solidarizzato con De Santis e insultato i napoletani: una prova di forza (cui si è arrivati dopo laceranti riunioni) che chi gestisce l’ordine pubblico considera una vera dichiarazione di guerra, dagli effetti potenzialmente devastanti (di cui parliamo a lato). Stabilito che i quattro vanno rintracciati in Sud — che sta organizzando per il 7 giugno un torneo di calcetto con relativa colletta per De Santis —, nelle prossime ore la Procura conta di chiarire pure se siano solo dei «cani sciolti» o appartengano ad uno o più gruppi e, in questo caso, se abbiano agito all’insaputa dei loro capi o abbiano architettato l’imboscata su mandato di qualcuno”.

Fonte: contropiano.org

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...