Diario storico della II Brigata «Matteotti di città» Battaglione «Floriano Bassi»


Il nucleo originario di quella che doveva divenire la Brigata Matteotti di città fu costituito nell’aprile 1943. Il lavoro svolto si limitò al sabotaggio politico, in special modo nell’ambiente universitario.

Dopo I’8 settembre ’43 il nucleo, allargatosi, iniziò la sua attività politico-militare di carattere prevalentemente sabotatorio ed informativo militare.

L’attività fu molto limitata all’origine per cui si dà menzione dei fatti più salienti. La prima squadra ad entrare in azione fu la squadra P. (Petrini) (comandata da Gabriele Boschetti).

Settembre 1943

17. Azione notturna di recupero materiale bellico dalla polveriera oltre il Colle della Guardia (S. Luca); risultato negativo.

20. In seguito a minacce costretti il Podestà di Castenaso, Vandelli, ed il maresciallo dei Carabinieri a consegnare il grano alla popolazione; azione eseguita in collaborazione coi comunisti locali.

In seguito al bombardamento del 25 settembre 1943 il gruppo fu disperso.

Sotto il bombardamento trovarono la morte i compagni Elio Degli Esposti e Giuseppe Tridapali (quest’ultimo mentre si recava ad una riunione con il compagno Sergio Beccucci che rimaneva ferito).

Ricostituitosi il gruppo nell’ottobre con il reclutamento di nuovi elementi, furono formate tre squadre: Petrini, K. (Kid comandata da Luciano Proni), C. (Comandata da Dante Corazza), riunite in un’unica formazione al comando di Kid.

Non è possibile fornire dati precisi circa l’attività di questa formazione che ha agito fino al 6 luglio 1944, poiché in questa data furono arrestati i compagni Luigi e Gabriele Boschetti e Ugo Mocai; Kid (Luciano Proni) riuscì a sfuggire all’arresto riparando nelle brigate di montagna (36.a Bianconcini e successivamente 62.a Brigata Garibaldi di cui divenne il comandante). Nella fuga Kid distrusse tutti i documenti relativi all’attività militare ed informativa.

 

Comunque le azioni di maggior rilievo sono state le seguenti:

Squadra C. Incitamento, mediante diffusione di manifestini e propaganda orale, allo sciopero delle mondine (zona di Baricella) nel giugno 1944. Agitazione riuscita.

Ripetute affissioni di manifestini nelle zone dì Porta Saffi, Bolognina ecc. Lancio di manifestini di propaganda nella caserma dei carabinieri di via del Fossato.

 

Squadra P. Zona di azione di Castenaso: diffusione di manifestini incitanti allo sciopero dell’1 marzo 1944. Lancio di manifestini incitanti al sabotaggio della trebbiatura del grano in tutta la zona del comune; contemporaneamente le formazioni comuniste facevano saltare la ferrovia Veneta in tre punti presso la Stellina di Castenaso.

Due elementi della squadra con due elementi comunisti fanno saltare la ferrovia Veneta in due punti.

Diffusione di manifestini in tutta la zona del comune (fine di giugno ’44).

 

Squadra K. (Kid). Non è possibile fornire alcun elemento certo.

La formazione prese contatto con il Ten. pilota Achille Facchinetti del S.I.M., nel marzo ’44, il quale affidò alla nostra formazione l’organizzazione del Servizio Informazioni Militari nella zona di Bologna e Provincia. Responsabili di questo lavoro erano i compagni Proni Luciano (Kid) e Mocai Ugo. L’attività, intensissima, continuò fino al 6 luglio 1944.

 

Nel maggio del ’44 la formazione prese contatto con il Dr. Tullio De Stefano (Capaneo) del Gruppo Gianni di Milano (Servizio O.S.S. americano) in collegamento con il Consolato americano di Berna (Svizzera). Responsabili di questo lavoro i compagni Boschetti Gabriele (Petrini) e Luigi, che, a parte la forzata parentesi dal 6 luglio 1944 al 25 luglio 1944 in seguito al loro arresto, diedero la loro attività a questo servizio fino al 5 gennaio 1945, data dell’arresto di G. Boschetti che veniva deferito al Tribunale speciale per la Difesa dello Stato e liberato con l’arrivo degli alleati.

 

L’attività tanto con il S.I.M. quanto con l’O.S.S. diede ottimi frutti e fu intensissima.

Speciale attività conduceva il compagno Paride Pasquali in seno alla Polizia Ausiliaria Repubblichina (ufficio amministrazione) che procurò informazioni preziose e le fotografie degli agenti segreti di quell’organo di polizia.

Altro nostro elemento procurò a più riprese un centinaio di tesserini dell’Ufficio del lavoro (Arbeit Ausweis).

 

La squadra K. (Kid) aveva elementi in seno all’Ufficio Politico Investigativo della G.N.R. e nel giugno ’44 procurò due radio trasmittenti, comperate presso la ditta Gelosi, che furono consegnate al Ten. Leandro Monti.

Come più sopra citato la notte fra il 6 ed il 7 di luglio furono arrestati i compagni Mocai Ugo, Boschetti Gabriele e Luigi; sfuggirono all’arresto i compagni Proni Luciano (Kid) e Serra Sergio.

Mocai Ugo, deferito al Tribunale speciale per la difesa dello Stato sotto l’accusa di spionaggio militare, organizzazione di bande armate e propaganda sovversiva fu, dopo quattro mesi di detenzione in S. Giovanni in Monte, internato nel campo di concentramento di Bolzano da cui fu liberato con l’arrivo degli anglo-americani ed i fratelli Luigi e Gabriele Boschetti furono rilasciati dopo 18 giorni di arresto «per non provata reità».

 

Il compagno Paride Pasquali fu arrestato il 19 luglio 1944 in seguito a delazione di un renitente e fucilato il 21 luglio 1944.

Il compagno Floriano Bassi fu arrestato il 25 luglio 1944 e fucilato il 26 luglio 1944; le cause dell’arresto non sono note.

Il compagno Dante Corazza fu arrestato il 26 luglio 1944, torturato ed internato in Germania da cui è tornato il 24 novembre 1945 e deceduto il 12 dicembre 1945 per malattia contratta in prigionia; l’arresto è dipeso dalla faccenda Pasquali.

 

Nell’agosto 1944 fu nuovamente costituita la formazione al comando del compagno Dago (Dagoberto Degli Esposti); tale formazione era costituita da due squadre: squadra P. (Petrini) e squadra S. (Sergio).

Durante la prima metà di agosto l’attività fu prevalentemente di carattere propagandistico, in seguito si organizzarono vere e proprie azioni militari.

 

Agosto 1944

 

5. La squadra S. compie un’azione di sabotaggio tagliando i fili telefonici tedeschi in via Timavo.

12. La squadra S. compie un’azione di propaganda con scritte su muri e affissione di giornali nel rione Montello-Piave.

15. Squadra P. lancio e distribuzione di mille fogli volanti nei locali, ritrovi e negozi cittadini.

17. Affissione da parte della squadra S. di manifestini.

19. Idem.

25. Idem.

28. Azione di elementi delle squadre S. e P. per prelevare armi, munizioni e bombe a mano dal deposito del 3° Artiglieria. L’azione ha ottenuto un esito insperato. Tutto il materiale è stato depositato provvisoriamente in una casa sinistrata in via Col di Lana.

 

Settembre 1944

 

6. Squadra S. disarmo di una agente della C.A.S. nella sua abitazione in via Piave. Sono stati prelevati due moschetti.

7. Squadra S. spargimento di chiodi a quattro punte in via Emilia Ponente.

9. Squadra P. distribuzione e lancio di centinaia di manifestini per l’anniversario dell’8 settembre 1943 nella zona di Castenaso.

11. Squadra S. spargimento di chiodi nelle strade e scritte sui muri nel rione Vittorio Veneto.

20. Affissione manifestini da parte di elementi della squadra S.

21. Idem.

22. Idem.

26. Alcuni elementi della squadra P. tentano di organizzare uno sciopero fra i lavoratori alle fortificazioni militari tedesche nella zona di Castenaso. Esito parzialmente fallito, anche in seguito ad immediato intervento dei tedeschi.

 

Ottobre 1944

 

4. Ricupero da parte della squadra S. dalla direzione d’Artiglieria in via Emilia Ponente.

5. Idem.

9. Squadra S. recupero munizioni e affissione manifestini.

16. Azione collegata delle squadre P. ed S. per lancio manifestini. Fallita azione di disarmo notturno da parte di elementi della squadra P.

19. Spargimento chiodi a quattro punte in via Emilia P. da parte della squadra S.

21. Idem.

22. Idem.

 

Novembre 1944

 

2. Disarmo in via Marsili di un milite della G.N.R. da parte della squadra P., frutto dell’azione un moschetto.

7. Squadra S. sabotaggio delle linee telefoniche tedesche in via Asiago.

19. Disarmo in via Gorizia di un tedesco da parte della squadra S. Frutto dell’azione una pistola ed una bomba a mano.

26. Spargimento di chiodi in prossimità dello stadio da parte della squadra S.

27. Squadra P. disarmo di un milite della brigata nera alle 18,30 circa in via de’ Pepoli; l’azione procura un moschetto, due bombe a mano italiane e una pistola.

29. Durante un’azione di affissione di manifestini in via Gorizia un componente la squadra S., Di Grazia Gaetano, veniva ferito ad una gamba in seguito ad uno scontro con alcuni militi della G.N.R. di stanza in via Pasubio.

 

Dicembre 1944

 

8. Due compagni della squadra S., Gino Pierantoni e certo «Lino», sono arrestati. Il primo è successivamente stato internato in Germania.

13. Altri due componenti la squadra S., Guarnera Emilio e Carlo De Paulis, vengono arrestati e rilasciati dopo 15 giorni di detenzione.

21. La squadra P. lancia manifestini e giornali nelle vie centrali della città.

 

Gennaio 1945

 

5. Il compagno Petrini (Gabriele Boschetti) che con alcuni elementi della sua squadra studiava un piano di assalto alla caserma della Brigata Nera di via Borgolocchi, viene tratto in arresto in seguito a delazione di un milite della Brigata nera, Marangoni Otello, e deferito al Tribunale speciale per la difesa dello Stato. Viene liberato in seguito all’arrivo degli Alleati.

6. Squadra S. disarmo in via Camicie nere di un milite della G.N.R.; l’azione frutta un moschetto, una pistola ed una bomba a mano.

10. In seguito a delazione di un milite della G.N.R. vengono arrestati 5 componenti la squadra S., Sergio Degli Esposti, Buffa Rodolfo, Emilio Guarnera, Carlo De Paulis, Sergio Roncagli (rilasciato il giorno successivo). I primi quattro venivano rilasciati dopo circa un mese di detenzione. Dato lo smembramento prodottosi nella formazione in seguito all’arresto dei sopraelencati partigiani, la formazione cessò per circa 20 giorni la propria attività. Frattanto la squadra P. passava al comando del compagno Beppe (Giuseppe Verna).

 

Febbraio 1945

 

4. Squadra P. tentativo di sabotaggio sul lavoro nella zona di fortificazione di Castenaso. Esito parzialmente favorevole.

11. Distribuzione di manifestini e giornali in cui erano date istruzioni agli operai affinchè scioperassero da parte di elementi della squadra P.

15. Recupero di bombe a mano e di una pistola in una casa sinistrata di via Roma; squadra P.

21. Lancio di manifestini.

 

Nel frattempo, rilasciati alcuni dei componenti la squadra S., si procede alla riorganizzazione di detta squadra su scala minore.

 

Marzo 1945

 

7. Squadra S. disarmo in casa di un milite della Milizia ferroviaria in via Podgora; frutto dell’azione un moschetto, una pistola e due bombe a mano tedesche.

11. In seguito a segnalazione di un patriota, alcuni elementi della squadra P. si recano in un campo sito nei pressi di via Orioli dove recuperano parte di una notevole quantità di munizioni e bombe a mano.

13. Squadra S. affissione di manifesti.

20. Squadra P. recupero della rimanente quantità di materiale bellico nascosta nei pressi di via Orioli.

 

Aprile 1945

 

1. Squadra P. disarmo di un maggiore dell’esercito repubblichino in via Mazzini; recuperata una pistola.

13. In seguito all’arresto del comandante di formazione Dago, le due squandre rimasero per alcuni giorni inattive per mancanza di ordini e di collegamento.

19. Squadra P. disarmo di un tedesco in via Roma; l’azione frutta un fucile tedesco ed una bomba a mano tedesca.

 

Fonte: NAZARIO SAURO ONOFRI – DOCUMENTI DEI SOCIALISTI BOLOGNESI SULLA RESISTENZA – I diari delle 3 brigate Matteotti – EDIZIONI LA SQUILLA

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...