Roma Blitz di Borghezio e Casa Pound nella scuola degli immigrati


ROMA. L’aggressione in un quartiere della periferia capitolina

Un blitz raz­zi­sta in piena regola, quello del 28 otto­bre scorso alla Scuola Media ex Lom­bardo Radice. Un gruppo di per­sone di Casa Pound e Lega Nord, capeg­giati da Mario Bor­ghe­zio, sono entrati nelle due aulette «pre­state» al IV Cen­tro ter­ri­to­riale per­ma­nente per l’età adulta (CTP) di Roma, nel quar­tiere peri­fe­rico di Casal­ber­tone, e hanno impe­dito a un gruppo di stu­denti immi­grati di fare lezione. L’eurodeputato leghi­sta — inda­gato dalla pro­cura di Milano per raz­zi­smo e con­dan­nato per aver dato fuoco, insieme ad altri, ai letti di alcuni migranti a Torino — era accom­pa­gnato anche da un sedi­cente avvo­cato e da una tele­ca­mera, che ha ripreso l’aggressione della squa­dra nei con­fronti dei due docenti pre­senti e degli alunni, postando poi in rete le facce. «Un fatto gra­vis­simo — come ha com­men­tato una delle inse­gnanti — – per­ché molti dei nostri alunni sono rifu­giati, per­sone che nel loro paese rischiano la vita, vit­time di tratta ecc. e quindi devono essere, per legge, tute­late e le loro imma­gini non pos­sono essere dif­fuse».

L’aggressione è avve­nuta intorno alle 16.15: «Sono entrati con la forza inter­rom­pendo le lezioni e spa­ven­tan­doci, hanno comin­ciato a urlare, a offen­dere, chia­ma­vano gli stu­denti «que­sti cosi» e «negroni» li minac­cia­vano e minac­cia­vano noi, fino a che hanno but­tato a terra i divi­sori che sepa­ra­vano le due aule del Ctp dal resto della scuola. Dan­neg­giando un bene pub­blico. Non è solo inter­ru­zione di pub­blico ser­vi­zio, ma sospen­sione della demo­cra­zia. Un fatto che ricorda quanto acca­deva durante il fasci­smo, quando agli ebrei era vie­tato di stu­diare senza la stella di David attac­cata addosso e poi nean­che con quella. Il diritto allo stu­dio è san­cito dalla Costi­tu­zione e non può essere messo in discus­sione, la scuola è sacra». Non è la prima volta che il IV CTP di Casal­ber­torne è sotto attacco, già la set­ti­mana pre­ce­dente lo stesso gruppo di per­sone, ma senza Bor­ghe­zio, si era pre­sen­tato davanti scuola e per ben tre giorni aveva impe­dito agli alunni di soste­nere il test di ita­liano per stra­nieri, obbli­ga­to­rio per legge. Come già aveva detto allora la refe­rente del Plesso, Angela Pla­te­rotti, le accuse di que­sti geni­tori (non iden­ti­fi­ca­tisi però in alcun modo) è di «pro­mi­scuità», ovvero affer­mano che i bam­bini delle medie divi­dono lo stesso cor­ri­doio con gli adulti, ma que­sto non è vero si tratta aule ben distinte e non comu­ni­canti con quelle della scuola media, anche gli ingressi sono sepa­rati, non­ché i ser­vizi igie­nici. «Quelle mat­tine sono state un’eccezione per­ché ave­vamo gli esami di cer­ti­fi­ca­zione lin­gui­stica per stra­nieri. Sono cin­que anni che fac­ciamo lezione in que­sta sede e non c’è stato mai un pro­blema del genere».

Ora però i geni­tori chie­dono un muro e la pre­side Adal­gisa Mau­ri­zio non è dispo­sta a con­ce­derlo e, anzi, ha pre­sen­tato un espo­sto alla Pro­cura sull’accaduto.
Lo stato obbliga i migranti a seguire un corso di lin­gua ita­liana e di edu­ca­zione civica per il rin­novo del per­messo di sog­giorno a lungo ter­mine, senza il quale non potreb­bero per­ma­nere rego­lar­mente sul nostro Paese. La Lega nord era al governo quando è stato isti­tuito quest’obbligo.
Asso­cia­zioni e cen­tri sociali di zona si sono mossi in soste­gno della scuola, ma è impos­si­bile sapere quando Casa Pound e Lega Nord ’attac­che­ranno’ di nuovo, anche se hanno pro­messo che acca­drà.
«Gli stra­nieri che ven­gono nelle nostre scuole sono i migliori — spiega un’altra delle docenti del Ctp — per­ché vogliono inte­grarsi, lavo­rare, impa­rare, sono curiosi, por­tano ric­chezza cul­tu­rale e soldi per la scuola, visto che pagano la tassa di iscri­zione. Capiamo la pre­oc­cu­pa­zione dei geni­tori per la pro­mi­scuità adulti bam­bini, ma non è quello che accade da noi e l’interruzione vio­lenta di una lezione non è la solu­zione, ma la sospen­sione del diritto anche per i loro figli. Se vogliono un futuro migliore per loro dovreb­bero anzi richie­dere mag­giori pos­si­bi­lità di inte­gra­zione: un mondo più istruito è anche un mondo più sicuro». Bor­ghe­zio e gli altri aggres­sori hanno richie­sto, oltre al muro divi­sore, anche che gli utenti por­tas­sero un car­tel­lino iden­ti­fi­ca­tivo; richie­sta giu­sta, a detta dei docenti, ma «ci manca addi­rit­tura il com­pu­ter per le iscri­zioni, come pen­sano che pos­siamo stam­pare i car­tel­lini» – dicono – «se vogliono posso col­la­bo­rare con la scuola e aiu­tarci a miglio­rarla, non distrug­gerla ancora di più». Non divi­derla con un muro.

Fonte: ilmanifesto.info
http://ilmanifesto.info/blitz-di-borghezio-e-casa-pound-nella-scuola-degli-immigrati/

 

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

One thought on “Roma Blitz di Borghezio e Casa Pound nella scuola degli immigrati”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...