Aggiornamento sul caso della medaglia alla memoria ad un fascista


Medaglia a un repubblichino, l’ira di Anpi, Sel e l’Altra Emilia-Romagna: ”Vergogna”. Del Rio: se c’è un errore, sarà revocata

L’associazione dei partigiani: “Ennesima brutta figura, le Istituzioni spieghino”

BOLOGNA – “Domani chiederò che il governo si scusi, che quella medaglia venga ritirata e che i membri di quella commissione vengano destituiti da ogni incarico”. Lo scrive in una nota il parlamentare di Sel Giovanni Paglia, a proposito del riconoscimento che il governo ha dato alla memoria di Paride Mori, ex repubblichino e ufficiale del Battaglione Mussolini. L’onorificenza è stata proposta da una specifica commissione che fa capo alla presidenza del Consiglio.

“C’è un’unica memoria che i fascisti meritano oggi come domani, quella della loro ignominia” attacca Paglia, mentre sull’argomento interviene anche la sezione bolognese dell’Anpi: “Le Istituzioni della Repubblica hanno molto da spiegare, e l’ennesima brutta figura per cui chiedere scusa a Partigiani ed Antifascisti”. “Si alzi ancora più forte la protesta di tutti gli antifascisti! Nessuna medaglia della Repubblica a Mori e fascisti come lui” scrive il Comitato antifascista e per la memoria storica di Parma.

L’Altra Emilia-Romagna: “Vergogna”. “Il governo Renzi non si smentisce ed anche in questa occasione prova a scimmiottare Berlusconi nella riabilitazione dei nazi – fascisti divenuti legittimi e magari valorosi combattenti – dice il capogruppo in Regione Piergiovanni Alleva –  Che questo accada proprio a Parma, che è forse la capitale dell’ antifascismo italiano, costituisce un’assoluta vergogna sotto la quale dovrebbe davvero restare seppellito il renziano sottosegretario Del Rio che essendo di Reggio Emilia non poteva non conoscere la vicenda per filo e per segno”. Mentre Cristina Quintavalla, portavoce del partito, si chiede: “Perché tale riabilitazione? E’ forse la ricerca dei consensi della destra, l’erosione dell’elettorato berlusconiano?  E’ la ricerca della pacificazione coi fascio-leghisti?

In cambio di che cosa?  A nostro parere, si tratta del tentativo,  fino ad ora riuscito, della restrizione degli spazi democratici e dell’agibilità politica delle piazze e  dello stravolgimento della Costituzione italiana”.
In serata, un tweet del sottosegretario Del Rio: “Se la commissione che ha vagliato centinaia di domande ha valutato erroneamente, il riconoscimento dovrà essere revocato. #giornataricordo”.

Fonte: repubblica.it

Advertisements

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...