16 Agosto 1944 Rimini


Nella piazza principale di Rimini vengono impiccati tre partigiani.

I tre giovani partigiani, attivi nella Resistenza riminese sin dai primi giorni successivi all’Armistizio, nell’estate del 1944 facevano parte del medesimo Distaccamento della 29ª Brigata GAP”Gastone Sozzi”.

Il 13 agosto 1944 decise, insieme agli altri gappisti del suo distaccamento (Cristoforo Greppi, Sergio Giorgi, Alfredo Cecchetti, Gino Amati, Adelio Pagliarani e Luigi Nicolò) la cui base era situata nella caserma di via Ducale, di incendiare una seconda trebbiatrice dopo un analogo sabotaggio riuscito il giorno precedente. Prima di partire i giovani decisero di scattarsi alcune fotografie. Il rullino fu affidato a Giorgi che insieme ad Amati e Cappelli si avviarono verso l’entroterra in bicicletta. Lungo la strada si dovettero fermare a Spadarolo poiché Giorgi aveva un’infezione al piede che avrebbe potuto pregiudicare l’azione. Stabilirono di passare la notte presso la casa di Greppi dove era stato approntato un nascondiglio sicuro.

Nel frattempo la trebbiatrice fu incendiata dagli altri gappisti insieme a un certo Leo Celli che fu riconosciuto dal proprietario della macchina. Denunciato, Celli fu arrestato dai tedeschi e indotto a confessare l’identità dei suoi compagni. Fu fatto il nome di Cecchetti e l’indirizzo della base partigiana.

Alle ore 17.30 del 14 agosto la base fu accerchiata da fascisti e nazisti. Si trovavano al suo interno Pagliarani, Nicolò e Capelli che nel frattempo era rientrato in città. I tre gappisti furono arrestati e nella notte furono condotti nella sede del Comando tedesco di polizia IC (Ufficio politico) per essere interrogati. Nonostante le torture i tre giovani non misero a repentaglio i loro compagni di lotta.

La mattina del 15 agosto si riunì la Corte marziale, presieduta dall’oberstleutnant Christiani, del 303º reggimento della 162º divisione di fanteria turkmena comandata dal generale Ralph von Heygendorff. I tre furono condannati a morte per impiccagione sulla pubblica piazza, l’esecuzione doveva essere eseguita entro 24 ore. Trascorsero la notte nel convento delle Grazie sul Covignano dove era stato trasferito il comando dei carabinieri. Ebbero modo di scrivere gli ultimi messaggi ai famigliari e di consegnarli al sacerdote Giovanni Callisto di Vecciano che aveva ottenuto il permesso di incontrarli prima dell’esecuzione. Nell’avviso pubblico, affisso il 16 agosto 1944, firmato dal Commissario straordinario Ughi si legge che i tre giovani furono accusati di «ammassamento clandestino di armi e munizioni a fine terroristico e di reati di sabotaggio e attentati contro cose e persone» e che la loro impiccagione pubblica doveva servire da «esempio e di remora a chiunque».

Le vittime

Mario Capelli

Di anni 23, lucidatore di mobili. Nato a Rimini il 21 aprile 1921, qui residente, secondo di tre figli, celibe, è stato riconosciuto partigiano della 29ª Brigata GAP «Gastone Sozzi» con ciclo operativo dal 11 novembre 1943 al 16 agosto 1944. Entrato da subito nelle fila partigiane dopo l’8 settembre 1943, fu dapprima operativo nella zona di San Leo fino per poi inserirsi, una volta rientrato a Rimini, nel 2º distaccamento del battaglione di Rimini della 29ª Brigata GAP

 

Lettera di Mario Capelli ai genitori scritta in data 16-08-1944

Carissimi genitori,
vengo a voi in un momento di grande sciagura e perché ritroviate in voi, tutta la fede ed il coraggio che essa può darvi: di non disperarvi, di non piangere, di non rimproverare nessuno, perché io stesso attraverso la mia fede a tutti ho perdonato, ma mi è di conforto estremo, il vostro perdono. Carissimi! È un colpo fatale, tra poco sarò fucilato; ma sono purificato come prima; la mia fede, la mia coscienza, mi hanno dato la forza di vivere ed ora mi danno la forza di morire con estrema tranquillità. Carissimi, vorrei che anche voi attraverso la vostra fede, perdonate coloro che mi hanno condotto alla morte, perché esiste un Dio.
Vostro Mario

Luigi Nicolò

Di anni 22, falegname. Nato a Rimini l’8 giugno 1922, qui residente, celibe, è stato riconosciuto partigiano della 29ª Brigata GAP «Gastone Sozzi» con ciclo operativo dal 1 gennaio al 16 agosto 1944. Dopo l’8 settembre 1943 entrò ben presto nelle fila partigiane distinguendosi nei combattimenti dell’8ª Brigata a San Paolo in Alpe. Catturato a Santa Sofia, fu deportato in Germania ma riuscì a fuggire dal treno. Rientrato a Rimini, si inserì tra i partigiani del 2º distaccamento del battaglione di Rimini della 29ª Brigata GAP.

Lettera di Luigi Nicolò a Sorella e nipoti scritta in data 16-08-1944

Carissima sorella e nipoti,
l’ultimo momento della vita lo dedico a voi, e tu devi promettere di non disperarti troppo per me perché mi recheresti un altro dispiacere. Io come i miei cari amici moriamo molto sereni e non l’abbiamo mia temuta la morte, mi spiace di non avervi potuto vedervi ma forse è stato meglio non so se avrei resistito a non piangere. Ines tu e Netti promettetemi di andare sempre d’accordo ed io non avrò altro da pensare. In questi ultimi pochi minuti ricordo anche tutti i parenti e amici che prego tanto di salutarmeli. I baci più cari ai miei nipoti ed a te che non dimenticherò.
Nicolò Luigi

Adelio Pagliarani

Di anni 19, contadino. Nato a Rimini il 28 aprile 1925, qui residente, secondo di quattro figli, celibe, è stato riconosciuto partigiano della 29ª Brigata GAP «Gastone Sozzi» con ciclo operativo dal 1 novembre 1943 al 16 agosto 1944. Dopo l’8 settembre 1943 entrò nella Resistenza locale animando sin dalla sua costituzione il 2º distaccamento del battaglione di Rimini della 29ª Brigata GAP. 

Lettera di Adelio Pagliarani alla Madre scritta in data 16-08-1944

Cara mamma,

l’ultimo piacere che io ti domando, non piangere tanto, la mia fine è arrivata ma sempre pieno di coraggio e di fede io muoio ma da uomo. Mi sono confessato e il frate che viene ti dirà che io muoio sempre col pensiero più grosso per te. Dunque fatti una decisione non piangere né te e mio babbo, credo che mi farete questo favore, da voi perdonatemi di quanto mi dicevi che dovevo stare a casa, che non ti stavo ascoltare, ora mi è toccata a me e mi dovete promettere che non dovete piangere per me: è l’ultimo favore. Te Palin guarda di non fare arrabbiare la mamma, i genitori, io muoio e state ad ascoltare quello che dicono che è la verità, guarda di consolarla e che si aiuta che gli vinca. Gisto anche tu fagli consolazione alla mamma che quello che dice è la verità, io sono pentito che non l’ascoltavo, ma sono contento che muoio della mia idea. Pepo ci vedremo all’altro mondo, saluta tutti i parenti e quelli che ti chiedono di me. Mamma mi sono confessato e muoio di coraggio e di fede. Cari miei tutti l’ultimo favore che vi domando non piangete per me se potete e se vi fanno portatemi al cimitero di Vergano. Si vedremo all’altro mondo saluti da vostro figlio Lilio. Mamma l’ultimo favore che ti domando, non piangere, saluti a Maria un bacio.

Fonti:

https://it.wikipedia.org/wiki/Tre_Martiri

http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca=71

Advertisements

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...