26 ottobre 1944 eccidio del Senio a Lugo (RA)


Il 20 ottobre 1944, nella zona tra Lugo e Cotignola, Brigatisti Neri e Nazisti organizzano un rastrellamento senza che azioni recenti contro di loro diano il pretesto della rappresaglia viene catturato un gruppo di giovani partigiani delle frazioni di Barbiano, Zagonara e del sud del Lughese.

Poco più che adolescenti si erano impegnati fino ad allora in azioni di sabotaggio e di recupero armi per aiutare la resistenza locale. Prelevati in nove dalle loro abitazioni vengono portati dapprima nella Casa del Fascio, dalla quale uno riesce ad evadere, poi detenuti e torturati nella Rocca di Lugo per qualche giorno.

La mattina del 25 ottobre uno di loro, Carlo Landi, viene trovato massacrato sulla scalinata d’ingresso della Rocca. Poi i brigatisti, dopo aver rapinato tutto il denaro contante della Banca d’Italia, consegnarono gli ostaggi ai tedeschi e si danno alla fuga verso Nord. Mentre le famiglie dei ragazzi, convinte che fossero stati presi dalla TODT, continuavano ancora a portare cibo e vestiti di ricambio al custode delle carceri, all’alba del 26 ottobre i tedeschi conducono i sette ragazzi rimasti sull’argine del Senio e lì, legati a gruppi, li fucilano con una mitragliatrice contraerea, a poche centinaia di metri dal ponte della San Vitale, occultandone i corpi nel fiume.

Il cadavere martoriato di Giorgio Folicaldi riaffiorò dalla melma il 2 dicembre 1944, quelli di Renzo Berdondini, Giovanni Dalmonte e Gianni Montanari vennero ritrovati il 30 maggio 1945 da parenti e amici volontari, che scandagliarono l’alveo del Senio fino ad Alfonsine, rischiando di incappare nelle mine lasciate dal fronte.
Di Domenico Facciani, Luigi Ballardini e Floriano Montanari non si è trovata più traccia.

Le vittime

Luigi Ballardini (Gigetto), 18 anni, di Barbiano, che lavora a Lugo come apprendista meccanico ed e’ responsabile del Fronte della Gioventù comunista del suo paese.

Renzo Berdondini, di 17 anni, contadino, che risiede nella periferia di Lugo, in via Madonna di Genova, ed e’ stato uno dei primi ad entrare nella Resistenza, subito dopo l’8 settembre ’43. Organizza distribuzione di propaganda, azioni di sabotaggio e recupero di armi disarmando nemici, dimostrando notevoli capacità organizzative e politiche, fino a diventare Comandante della 3° sottozona GAP, SAP e del Fronte della Gioventù di Cotignola, Budrio, Barbiano, Zagonara e del Lughese del sud. Crede nel valore della cultura, “Impossessiamoci di una preparazione culturale e politica che ci permetta di essere maggiormente utili”, diceva, e cerca di abituare i suoi compagni allo studio, oltre che all’azione. Ammalato, viene prelevato dal letto di casa.

Giovanni Dalmonte, 18 anni, di Lugo, meccanico, Caposquadra partigiano. E’ attivo nelle azioni di propaganda e sabotaggio, delle quali va fiero, quando s’accorge del pericolo incombente cerca di dare l’allarme e di distruggere carte compromettenti per altri compagni.

Domenico Facciani (Minghì), 20 anni, di Lugo, contadino. Semplice e taciturno, resiste con coraggio alle torture inflitte.

Giorgio Folicaldi, 15 anni, di Lugo, apprendista. Orfano dei genitori, viene strappato dalla casa degli zii, e, nonostante la giovanissima età, sa sopportare con forza d’animo le sevizie nazifasciste.

Carlo Landi (Matto), 20 anni, di Lugo, segantino. Esuberante e ardito, sempre pronto a partecipare alle azioni individuali e collettive, su di lui i repubblichini lughesi sfogano la loro ferocia, torturandolo orribilmente. Quindi lo uccidono, il 25 ottobre, ai piedi della Rocca, lasciandolo esposto come ammonimento del loro lugubre sadismo.

Floriano Montanari (Sestri), 23 anni, di Lugo, meccanico, Caposquadra partigiano.

Gianni Montanari, 17 anni, fratello di Floriano, studente e partigiano.

Fonti:

http://www.ravennatoday.it/cronaca/lugo-martiri-senio-26-ottobre-2015-commemorazione-eccidio-nazifascista.html

http://resistenzamappe.it/regione-pianura-martiri_del_senio_lugo.all

http://www.nelseniodellamemoria.it/pagina.asp?s=7&p=23

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...