Persecuzione dei gay nei campi di sterminio, mille firme online contro lo spettacolo a Pisa


L’assessora non molla: “Bent è per i ragazzi delle scuole e si farà”. A Pistoia proteste leghiste per la pièce sull’identità di genere di LAURA MONTANARI

Più di mille firme contro “Bent” che parla della persecuzione degli omosessuali nei campi di sterminio. Una petizione online (su CitizenGo) da parte del Comitato Famiglia Scuola Educazione di Pisa. Chiedono al Comune di sospendere lo spettacolo in programma al Teatro Verdi questa mattina alle ore 10 e destinato alle scuole nel quadro delle iniziative della Giornata della Memoria.

Altra città, Pistoia, altro teatro, il Bolognini, un copione simile: lì, “Fa Afafine. Mi chiamo Alex e sono un dinosauro” finisce sotto il tiro della Lega Nord che protesta e annuncia un presidio. “Fa’ Afafine” tratta insieme a temi che vanno dal bullismo al mondo interiore di un bambino – di identità di genere. Risultato: delle cinque classi di studenti alle elementari alle superiori che si erano prenotate, dopo le proteste di Lega e di altri gruppi di centro destra e di estrema destra (Forza Nuova) “sull’opportunità di mostrare” lo spettacolo ai ragazzi delle scuole “con l’intento di sdoganare l’abberrante idea di un genere fluido” (testuale nel comunicato della Lega Nord ndr), ne sono rimaste due. Tre insegnanti dell’istituto gestito dalle suore Mantellate hanno preferito rinunciare. “Fa Afafine” previsto per questa mattina è stato annullato, in compenso se ne farà una replica alle ore 21 (ingresso 7 euro), mentre è confermato quello di domani (non c’entra col Giorno della memoria rientra in un’altra programmazione). “Abbiamo molto faticato a raccogliere adesioni per questo lavoro teatrale” ammettono da Pistoia.

A Pisa “Bent”, scritto da Martin Sherman, affronta il tema della persecuzione degli omosessuali nei campi di sterminio nazisti e in genere delle violenze che venivano commesse in quei luoghi: andrà regolamente in scena questa mattina. “Annullarlo? Non ci penso nemmeno – risponde secca l’assessora Marilù Chiofalo – anzi invito i genitori a venirlo a vedere per giudicarlo. Difendo la scelta che abbiamo fatto perché è un progetto educativo che prevede anche l’inquadramento storico da parte di una docente dell’università di Firenze, Micaela Frulli”. “Bent” prodotto dall’Associazione culturale Masaccio, per la regia di Lorenzo Tarocchi è già stato rappresentato in numerosi teatri e città e – da Lucca a Bologna a San Giovanni Valdarno – per le scolaresche.

“Noi – sostiene Aldo Ciappi del Comitato Famiglia Scuola Educazione – contestiamo che i genitori non siano stati avvertiti e poi che quella tematica sia inserita nella Giornata della Memoria”. Scusi, ma gli omosessuali sono stati perseguitati nei campi di concentramento. “Sì, ed è una cosa gravissima. – risponde Ciappi – Ma il massacro degli ebrei è numericamente molto superiore e deve essere centrale nelle iniziative “. L’assessore Chiofalo che ha messo a punto 15 giorni di iniziative fuori e dentro le scuole risponde così: “Abbiamo la testimonianza delle sorelle Bucci sopravvissute ad Auschwitz, quella di Vera Vigevani la cui figlia Franca è stata vittima della dittatura argentina e molti altri appuntamenti”. Eppure quello che disturba è “Bent” anche se alcuni dei firmatari della petizione ammettono di non averlo visto, ma scrivono: “Leggendo la trama si incontrano situazioni totalmente inadatte a un pubblico minorenne esposto a scene dal dubbio valore educativo”.

Fonte: repubblica.it

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...