Forza Nuova, nella sede di Milano festeggia con la svastica sulla torta


Interrogazione al ministro dell’Interno sull’adunata all’Arco della Pace. Bubbico: “Non risultano pronunce giurisdizionali che abbiano accertato la riorganizzazione del disciolto partito fascista”. Ma dimentica le due sentenze della Cassazione che definiscono la formazione “nazifascista”
di PAOLO BERIZZI

Una torta con la svastica e la scritta “Sieg Heil”, il motto (letteralmente: “saluto alla vittoria”) che risuonava nelle adunate naziste ai tempi del Terzo Reich.  Al “Presidio” di piazza Aspromonte, sede milanese di Forza Nuova, si festeggia così. I camerati del partito di Roberto Fiore si sono ritrovati qualche giorno fa per il sessantesimo compleanno di un loro dirigente, Ettore Sanzanni, segretario provinciale di FN a Lodi: uno che la svastica ce l’ha tatuata sul braccio insieme alla scritta “Adolf Hitler” e un’aquila del Terzo Reich. Uno che ha definito gli immigrati “animali che devono essere trattati da animali” e che a Lodi ha ispirato il giro di vite sulla sicurezza (ronde, telecamere, norme anti-velo) voluta dalla giunta Forza Italia-Lega.

Al compleanno di Sanzanni c’era anche Mirko Viola detto “BioMirko”, 48 anni, canturino, già componente del gruppo neonazista Stormfront che attraverso un sito incitava alla discriminazione e all’odio razziale contro gli ebrei (per questa vicenda Viola fu arrestato due volte e condannato a 2 anni e 8 mesi). Le immagini della festa al “Presidio” – con al centro la torta con la svastica e bottiglie di spumante –  sono state postate sui social dai camerati della federazione forzanovista di Milano. La sede di piazza Aspromonte è la sede operativa di FN nel capoluogo lombardo e ospita da anni incontri, dibattiti, conferenze sui temi cari all’ultradestra di matrice cattolica: le tesi revisioniste sul ventennio nazifascista, la lotta all’immigrazione, il contrasto alle teorie gender e omosessuali, l’opposizione al mondialismo economico e finanziario.

L’ultima iniziativa di Forza Nuova a Milano (“Per la sovranità in piazza”) aveva sollevato molte polemiche: 14 gennaio scorso, nella piazza dell’Arco della Pace. Duecentocinquanta militanti hanno sfilato al grido “l’Italia agli italiani… L’Europa agli europei..”. La manifestazione doveva svolgersi – secondo le indicazioni di questura e prefettura – “in forma statica”. In realtà i neofascisti di FN erano arrivati in piazza in corteo sventolando bandiere e gridando slogan. Era stato il sindaco Giuseppe Sala a chiedere che la prova muscolare di FN non si svolgesse: e comunque non in un luogo simbolo come l’Arco della Pace. Ma questura e prefettura avevano dato il via libera al raduno.

Proprio prendendo spunto dalla manifestazione del 14 gennaio, il deputato di Sinistra italiana, Giovanni Paglia, ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno, Marco Minniti. Il parlamentare, richiamando l’attenzione su una serie di aggressioni e episodi violenti che hanno visto protagonisti negli ultimi anni esponenti di Forza Nuova, ha chiesto al governo il motivo per cui “viene ancora consentito a questa formazione politica di tenere comizi e manifestazioni nelle piazza italiane”. La risposta è arrivata dal vice ministro Filippo Bubbico. Il quale ha precisato che su Forza Nuova non “risultano pronunce giurisdizionali che abbiano accertato il concretizzarsi nella fattispecie della riorganizzazione del disciolto partito fascista”. Già. Ma a proposito di pronunce giurisdizionali, Bubbico pare dimenticare, però, o forse ignora, che ben due sentenze della Cassazione (2010 e 2011) hanno definito Forza Nuova una formazione “nazifascista”.

Colpisce anche un altro passaggio della risposta di Bubbico: riguarda l’ammissione che “nel movimento (Forza Nuova, ndr) o in ambienti vicini a esso, sono presenti elementi inclini all’uso della violenza coinvolti in risse e aggressioni contro elementi di opposto orientamento politico e in altre condotte illegali”. Ma soprattutto che tra il 2011 e il 2016 ben “240 sono stati i deferimenti all’Autorità giudiziaria e 10 gli arresti nei confronti di militanti o persone contigue a Forza Nuova”.

Considerando un arco di tempo di 65 mesi – dato che siamo solo agli inizi di giugno – risulterebbero quattro episodi al mese in poco più di cinque anni, ovvero uno a settimana, che hanno comportato denunce nei confronti del partito di Fiore. “Sarebbe interessante che il ministero dell’Interno rendesse pubblici i dati complessivi dei deferimenti e degli arresti da quando Forza Nuova ha iniziato a operare nel 1997 – incalzano dall’Osservatorio sulle nuove destre -. Ma nonostante le numerose interrogazioni avanzate in questo senso, il Ministero non lo ha mai fatto. Perché? Il dubbio è che, sul tema, esista una sorta di buco nero scomodo da far conoscere”.

Fonte: repubblica.it

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...