No alla pastasciutta antifascista perché “Anti è divisivo”, l’ultimo oltraggio ai fratelli Cervi


Quello che non è riuscito a fare Violante lo sta realizzando la lega. Una “pacificazione” forzata dove le vittime sono messe sullo stesso piano dei carnefici.

Continua a leggere “No alla pastasciutta antifascista perché “Anti è divisivo”, l’ultimo oltraggio ai fratelli Cervi”

Annunci

Quando la Storia è un peso per la società


Accade in Italia esattamente a Sesto San Giovanni, un comune dell’interland milanese dove una giunta di destra decide di vendere all’asta alcuni edifici del patrimonio comunale, Continua a leggere “Quando la Storia è un peso per la società”

Cancellare la memoria


Non è la prima e non sarà l’ultima volta.

Filmati che lasciano depressi, frastornati, con l’amaro in bocca. Continua a leggere “Cancellare la memoria”

Tecniche di produzione della propaganda


Mai come quest’anno il fascismo in Italia ha alzato la testa, difeso da un governo compiacente che ha dato spazio a movimenti, gruppi che secondo la COSTITUZIONE non dovrebbero essere presenti sulla ribalta politica della nazione.

Continua a leggere “Tecniche di produzione della propaganda”

IL 24 e 25 APRILE IL FESTIVAL DI SANT’ANNA DI STAZZEMA


Cara cittadina, caro cittadino,

quando decisi di istituire l’anagrafe antifascista, ormai oltre un anno fa, partii dalla considerazione che qualcosa stesse succedendo nel nostro Paese, ma non solo. Stavamo cogliendo il diffondersi di sentimenti di rabbia, discriminazione nella società ed in questo anno le cose se possibile sono ancora peggiorate. Continua a leggere “IL 24 e 25 APRILE IL FESTIVAL DI SANT’ANNA DI STAZZEMA”

Alfredo Vecchi


Nasce il 2 maggio 1920 a S. Giovanni in Persiceto. Presta servizio militare in artiglieria in Grecia e in Francia dal 12 aprile 1940 allʼ8 settembre 1943.

Continua a leggere “Alfredo Vecchi”

9.000 euro per la maglietta del disonore


Il decreto penale del tribunale di Forlì di condanna di Selene Ticchi che a Predappio indossò una t-shirt con una caricatura del luogo simbolo della Shoah. Continua a leggere “9.000 euro per la maglietta del disonore”