Rastrellamenti di Amola del Piano


Amola del Piano è una frazione di S. Giovanni in Persiceto, da non confondere con Amola del Monte, una frazione di Monte S. Pietro. Nella zona operava un btg della 63a brg Bolero Garibaldi. Tra i partigiani di questo btg vi erano 2 tedeschi disertori: Hans e Fritz o Fred. Fred, in seguito, fu ucciso; invece di Hans si sono perse le tracce.

Continua a leggere “Rastrellamenti di Amola del Piano”

Annunci

Antonio Falchieri una vita avventurosa


ANTONIO FALCHIERI è nato nel Comune di Pianoro, a Carteria, il 1 marzo 1912, secondogenito di Alberto e Augusta Ventura, successivamente a Emma (nata il 04/05/1910) e precedendo Elena (nata il 18/01/1914).

La Prima Guerra Mondiale chiamò sotto le armi, in fanteria, il padre Alberto, che morì eroicamente il 14/11/1916, lasciando sola la moglie con i tre figli piccolissimi.

Continua a leggere “Antonio Falchieri una vita avventurosa”

Diana Sabbi si racconta


Alla Resistenza ho aderito perché la mia famiglia era antifascista.
Due fratelli di mia madre, Aldo e Armando Benni, entrambi comunisti, nel 1933 furono arrestati e condannati dal Tribunale speciale: in particolare dal loro ritorno i discorsi sul fascismo, sulla guerra, sul socialismo erano cosa di ogni giorno. La fiducia nell’ideale socialista e la costanza nel lavoro clandestino che animava i miei zii, nonostante le sofferenze materiali (mancanza di lavoro, mai un soldo in tasca, continua sorveglianza speciale) divenne la mia fiducia e la mia speranza.

Continua a leggere “Diana Sabbi si racconta”

Prode la testimonianza di un pianorese che visse la guerra e l’internamento in Germania


Sono nato a Pianoro nello stesso anno che il fascismo uccideva Giacomo MATTEOTTI (1924), in pratica all’inizio del ventennio della dittatura fascista; nei primi giorni di gennaio del 1925, infatti, Mussolini dichiarava in Parlamento di assumersi tutte le responsabilità di quanto si era e si sarebbe verificato nel Paese.

Continua a leggere “Prode la testimonianza di un pianorese che visse la guerra e l’internamento in Germania”

Quirino Rocca


Sono nato il 16 settembre 1927 a Pianoro da Rocca Vincenzo e Tedeschi Bernardina. Questo cognome di mia madre mi ha portato fortuna. Quando la 62a brigata fu praticamente disfatta e tentarono di passare il fronte e gli spararono contro sia gli americani che i tedeschi, Oscarone, Oscar Franceschini, venne lì nel rifugio dove eravamo noi e era morta sua sorella con una cannonata.

Continua a leggere “Quirino Rocca”