Laszlo e gli altri boia di Hitler. Decrepiti, protetti, impuniti


L’ex SS di 97 anni scovato a Budapest: poche speranze di estradizione.

La procura di Budapest ha confermato ieri che è in corso dal settembre 2011 un’inchiesta giudiziaria a carico del criminale di guerra Laszlo Csatary, in base a una denuncia di Efraim Zuroff, direttore del Centro Wiesenthal di Gerusalemme. Csatary, 97 anni, è stato fotografato dai reporter britannici del ‘Sun’ (a destra): vive in un quartiere elegante di Budapest, e non è stato ancora interrogato dalla procura. Alcuni storici si mostrano scettici sulla possibilità di collaborazione da parte del governo ungherese, guidato dal nazionalista di destra Viktor Orban. Ex ufficiale di polizia a Kassa (oggi Kosice, in Slovacchia), Csatary svolse un ruolo determinante nella reclusione in un ghetto di olyre 15mila ebrei, nella requisizione dei loro beni e nella supervisione, nel 1944, del loro invio ad Auschwitz.

È una corsa contro il tempo. I criminali nazisti sono ormai tutti oltre i novant’anni, e molti di loro probabilmente sono morti, ma fino a quando la loro fine non è certa, il Centro Simon Wiesenthal non sospende la caccia. Come per il numero uno della lista, il Doktor Tod, il boia di Mauthausen: Aribert Heim avrebbe oggi 97 anni, e secondo alcune voci sarebbe deceduto al Cairo nel 1992, dove viveva nascosto sotto il nome di Tarek Farid Hussein.
Continua a leggere “Laszlo e gli altri boia di Hitler. Decrepiti, protetti, impuniti”

il Governo aspetta…… le piogge torrenziali: Il sottosegretario Polillo e le ferie


Sabato – 16 giugno – c’è stata a Roma la grande manifestazione sindacale che richiedeva: investimenti, sviluppo, lavoro. Di Domenico Stimolo

A poco meno di quarantotto ore è arrivata la risposta del Governo Monti. Per bocca del sottosegretario all’economia Gianfranco Paolillo.
Una risposta molto sobria e serena, pressappoco così : “ Nel brevissimo periodo, per aumentare la produttività del Paese lo choc può venire dall’aumento dell’input di lavoro, senza variazioni di costo; lavoriamo mediamente 9 mesi l’anno e credo che ormai questo tempo sia troppo breve”…. se noi rinunciassimo ad una settimana di vacanza avremmo un impatto sul Pil immediato di circa un punto”.
Continua a leggere “il Governo aspetta…… le piogge torrenziali: Il sottosegretario Polillo e le ferie”

È morta la madre di Fabio Di Celmo; non era nessuno


È morta ieri la signora Ora Bassi Di Celmo, mamma di Fabio, che ieri avrebbe compiuto 47 anni. Fabio di Celmo non c’è più dal 1997, da quando il ragazzo genovese fu assassinato da una bomba piazzata in un hotel dell’Avana dall’agente della CIA Luís Posada Carriles.
Continua a leggere “È morta la madre di Fabio Di Celmo; non era nessuno”

Lettera a un partigiano


Caro Pierino,

non mi conosci, ne potremmo mai conoscerci. Siamo di due generazioni diverse, forse oggi saresti un nonno felice attorniato dai tuoi nipoti, ma non hai avuto la fortuna di vivere per vedere cosa sarebbe successo.
Già perché tu hai donato la tua vita per noi come molti altri partigiani, la tua esistenza si è fermata nell’ottobre del 1944, quando le ss tedesche e le brigate nere fasciste iniziarono l’eccidio di Marzabotto. Hai combattuto fino all’ultimo ma non c’è l’hai fatta, sei rimasto ferito e da allora non si hanno più notizie.

Continua a leggere “Lettera a un partigiano”