Libreria Indispensabile


Fotocronaca completa del processo Tartarotti
condannalo a morte mediante fucilazione alla schiena dalla Corte d’Assise Straordinaria di Bologna Continua

Gli Arditi del popolo. La prima lotta armata al fascismo 1921-22
“Armateci pure o uomini sanguinari che l’ora della riscossa è suonata anche per noi”. Gli Arditi del popolo: dalle trincee della Grande Guerra all’antifascismo armato. Continua

Uomini e gesta della Banda Corbari-Casadei
Un giorno sarà scritta la storia dei partigiani di Romagna. Dall’Appenino al mare, nelle gole dei monti e nella scoperta pianura, nelle città devastate e nei borghi raccolti intorno agli antichi castelli, la nostra gente ha dimostrato di saper lottare e soffrire per il riscatto della Patria italiana. Continua

Lo spartiacque della Resistenza femminile
Torna sui banchi delle librerie, a quarant’anni dalla sua prima edizione per La Pietra e a tredici dalla sua prima ristampa, sempre per Bollati Boringhieri, un testo che all’epoca segnò, e per molti versi segna ancora, uno spartiacque per la narrazione e la ricostruzione delle vicende sociali, politiche e militari connesse alla Resistenza Continua

Eccidio Civitella Val di Chiana – Diario di un sopravvissuto
Da un mio articolo precedentemente pubblicato è nata una corrispondenza con Guido Centeni-Romani, figlio di Enrico Centeni-Romani che assistette all’eccidio compiuto dai nazisti a Civitella Val di Chiana il 29 giugno 1944. Gentilmente mi ha inviato il diario che suo padre scrisse in quei giorni tremendi, diario che troverete in questa pagina. Lo considero un bellissimo omaggio Continua

Risorse (in)umane: la rigenerazione della forza lavoro tedesca nei lager nazisti
«Giuro che sarò fedele e obbedirò ad Adolf Hitler, capo del Reich e del popolo tedesco, e che svolgerò coscientemente e disinteressatamente i miei doveri di servizio». Continua

“Andonno e l’ammazzonno”: Padule di Fucecchio, 23 agosto 1944
La strage di Fucecchio è la quinta, per ordine di grandezza, fra quelle compiute in Italia dalle truppe tedesche di occupazione. 174 morti accertati e di quelle attribuibili direttamente alla Wermacht, e non alle SS, è la maggiore. Continua

ALLA PROSSIMA SEDUTA! DISSE L’ONOREVOLE MATTEOTTI
Questo opuscolo fu stampato clandestinamente dal partito socialista, e diffuso clandestinamente nel periodo del regime fascista. Continua

Arrigo Boldrini – Diario di Bulow
Chi voglia conoscere che cosa sia stata la nostra guerra partigia­na, come l’abbiamo organizzata e condotta, che uomini abbiano dato vita alle nostre formazioni e come, nel lavoro quotidiano e nel combattimento, altri ancora siano stati formati come uomini nuovi capaci di essere guide ed esempio, deve leggere questo libro Continua

Guerra alle donne. Partigiane, vittime di stupro, «amanti del nemico» 1940-45
Guerra alle donne raccoglie e intesse tra loro “microscopici frammenti di un conflitto mondiale”, racconti, memorie, lettere di donne che aprono a chi legge una visione nuova della guerra entro un’ottica di genere; testimonianze Continua

Un odissea partigiana. Dalla Resistenza al manicomio
«Triangoli della morte», «foibe», «vendette partigiane», «scie di sangue». Sono questi i termini in cui, negli ultimi anni, è stato presentato il difficile passaggio dell’Italia tra la guerra e il dopoguerra. La Resistenza comunista è stata sottoposta a un continuo revisionismo storico: se la «liberazione» è continuata a essere un momento a cui tutto il mondo politico e tutti i media si rifanno, almeno a parole, essa è stata confinata e sminuita in una dimensione di unità nazionale contro il nemico nazista. Continua

Banden! Waffen Raus!
Willy Beckers ha scritto il suo lungo racconto in italiano, direttamente, come se si trattasse di raccontarlo agli amici e non di farlo passare attraverso la penna e sotto le regole della sintassi. L’editore ritiene che sia giusto non intervenire apportando correzioni che andrebbero inevitabilmente a scapito della freschezza e della velocità espressiva del racconto. continua

1943: la Resistenza nel Sud – Cronaca per testimonianze
Questo libro è importante per due ragioni. La prima, che il suo autore, Aldo De Jaco, è testimone degli avvenimenti che narra non solo e non tanto perché li ha vissuti ma per la sua passione civile con cui ha dapprima aderito al grande movimento popolare della Resistenza e continua

Io sono l’ultimo. Lettere di partigiani italiani
Le pagine che avete davanti sono indirizzate ai giovani. A loro i partigiani raccontano, a loro intendono affidare così un “testimone” che sia forza di futuro, continuità di sogno e impegno continua

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...