20 marzo


1945

Villa Bagno (RE) 

Per stroncare l’attività partigiana lungo la via Emilia il Comando tedesco decide di far uccidere 5 ostaggi prelevati dalle carceri cittadine (Nino Ibatici di Casina, Paolo Monzani di Castelnuovo Rangone, Antonello Mondaini di Rimini, Benedetto Franchini di Fiorano Modenese, Ermanno Colombini di Formigine).

Annunci

Anna Donini


Anna Donini (nome di battaglia) Maria, nasce a  Pianoro il 16.8.1926.
Alla fine del 1943, insieme con il fratello Guido, che riuscì a salvare dai fascisti grazie alla sua prontezza di spirito, si aggregò al dist Pellirosse della 9.a brg S.Justa, operante nelle colline attorno al borgo delle Ganzole (Sasso Marconi).
Per la sua conoscenza dei luoghi venne utilizzata come tramite dei vari dist della brg.

Continua a leggere “Anna Donini”

Brigata 9a Santa Justa


Questa brigata si costituì nella primavera-estate 1944, su iniziativa di Pino Nucci “Santa Justa”, uno studente di medicina che dopo l’8 settembre 1943 decise di organizzare i primi gruppi di soldati sbandati e scelse come nascondigli alcu­ni luoghi nel comune di Sasso Marconi dove esercitava, in qua­lità di medico condotto, suo fratello Gino.

Continua a leggere “Brigata 9a Santa Justa”

La strage di Valmozzola (PR)


Il 17 marzo 1944 a Valmozzola (PR) vengono fucilati per rappresaglia 7 partigiani catturati in un scontro con i nazifascisti e due disertori russi che si erano uniti alle forze partigiane.

Continua a leggere “La strage di Valmozzola (PR)”

Le fosse di San Ruffillo 16 marzo 1945


Il 16 marzo avviene la seconda ondata di fucilazioni a San Ruffillo, nei pressi della stazione ferroviaria. Dalle carceri un nuovo gruppo di prigionieri vengono prelevati e portati al luogo del precedente eccidio. Con i continui bambardamenti degli alleati nei pressi della stazione vi sono profonde buche sull’orlo delle quali vengono uccisi.

Continua a leggere “Le fosse di San Ruffillo 16 marzo 1945”

15 marzo


1896

Nasce a S. Lazzaro di Savena  Mezzini Ugo. Ex combattente nella prima guerra mondiale ed ex prigioniero, per la sua attività politica e sindacale all’interno del PSI, fu più volte minacciato dai fascisti e gli furono sparati contro colpi di rivoltella, andati a vuoto.

Continua a leggere “15 marzo”

Eugenio Banzola


Primogenito di una numerosa famiglia contadina, aveva quattro fratelli. Dopo aver compiuto gli studi elementari iniziò ad aiutare la famiglia nel lavoro dei campi e nella cura del bestiame. Si trasferì quindi nella frazione di Manzano di Langhirano dove la famiglia aveva assunto la conduzione di un fondo a mezzadria.

Continua a leggere “Eugenio Banzola”