Ascoli, saluto romano sotto la curva dopo ogni gol. Anpi: “Oltraggio alla città”


L’attaccante dei bianconeri Leonardo Perez festeggia col braccio teso dopo ogni rete realizzata. Silenzio da società marchigiana, Lega Pro e Figc, il diretto interessato dice: “Non è un gesto politico”. Gli unici a prendere posizione sono i partigiani di | 24 febbraio 2015

Continua a leggere “Ascoli, saluto romano sotto la curva dopo ogni gol. Anpi: “Oltraggio alla città””

Attivista di Casapound condannato per lesioni invitato a parlare di pace


L’associazione onlus Solidaritè Identites ha deciso d’invitare Alberto Palladino, condannato in primo grado, all’evento organizzato in uno spazio comunale a Sciacca (Agrigento) . Il Movimento 25 aprile: “Il comune non può dare il patrocinio”. Il sindaco: “Se è così, in effetti è un paradosso” di Giuseppe Pipitone | 3 dicembre 2014

Continua a leggere “Attivista di Casapound condannato per lesioni invitato a parlare di pace”

Foggia, pestano a sangue due prostitute. Uno degli aggressori è un fascista


Mentre erano in auto sulla Statale 16, nei pressi del deposito della TNT, quattro balordi foggiani, di cui due ancora in corso di identificazione, hanno notato due prostitute romene. A quel punto si sono fermati, sono scesi e le hanno aggredite con spranghe di ferro, piedi di porco e bastoni. Il pestaggio non si è fermato neanche quando una delle due ragazze – di 21 e 22 anni – ha urlato di essere incinta e al quinto mese di gravidanza.

Continua a leggere “Foggia, pestano a sangue due prostitute. Uno degli aggressori è un fascista”

Corteo fascio-leghista a Roma, Borghezio a braccetto con Casapound


Che ci faceva l’ultrà della Padania Mario Borghezio assieme ai camerati – per definizione nazionalisti italiani – di Casapound nelle vie del quartiere romano dell’Esquilino?

Continua a leggere “Corteo fascio-leghista a Roma, Borghezio a braccetto con Casapound”

Pestaggi e minacce: Casapound semina il terrore a San Benedetto del Tronto


C’è chi continua ad affermare che ‘il fascismo è morto’ e che essere antifascisti nel 2014 sia un esercizio di settarismo o quantomeno di arretratezza rispetto all’evoluzione del mondo. Sarà, ma le notizie che continuano ad arrivare dai nostri territori sembrano dire esattamente il contrario (senza contare che i fascisti non sono proprio ‘morti’ visto che hanno imposto al paese una festa nazionale – il Giorno della Memoria – a loro uso e consumo). Continua a leggere “Pestaggi e minacce: Casapound semina il terrore a San Benedetto del Tronto”

Casa Pound Germania


Si stringono i rapporti tra i neofascisti nostrani e i neonazisti dell’Npd che “importano” il modello di Casa Pound
di Valerio Renzi Elia Rosati

Continua a leggere “Casa Pound Germania”

Festa di Casa Pound sulle montagne della Resistenza. I partigiani: “Indegna provocazione”


Casa Pound Parma sta organizzando una festa a Pellegrino Parmense e già fioccano le proteste da parte delle associazioni partigiane. Perché Pellegrino è uno dei territori dove la Resistenza combatté con valore fra il 1943 e il 1945, un tratto dell’Appennino che fu scenario di accese battaglie fra partigiani e nazifascisti.

La sezione parmigiana di Casa Pound ha rimesso a posto una vecchia casa in pietra in montagna e ora invita tutti i simpatizzanti del movimento neofascista ad una tre giorni di conferenze e musica. La riunione inizierà il 30 agosto e terminerà il 1° settembre.

“È con preoccupazione e sdegno – scrivono la Cgil di Fidenza-Salso e l’Anpi di Salsomaggiore Terme – che apprendiamo dell’imminente svolgimento di un presunto “Revolution Party”, organizzato da CasaPound Parma nel sedicente “avamposto non conforme” di Pietranera 53, nel territorio comunale di Pellegrino Parmense, comunità decorata al valore militare per il tributo di sangue offerto  alla Resistenza”.

“Non è dato sapere se l’iniziativa rivesta carattere pubblico ovvero, come appare dopo alcune prime verifiche, privato. Ma questo non modifica di una virgola il senso di orrore che si prova nel sapere “occupato” da queste novelle “camicie nere della rivoluzione” un territorio che ogni poche centinaia di metri vede collocato un cippo a ricordo dei numerosi partigiani e civili patrioti caduti per la Liberazione, molti dei quali nemmeno ventenni”.

Cgil e Anpi auspicano “che il loro sdegno sia condiviso da tutto il consorzio civile e che le preposte autorità facciano piena luce sulla legittimità della provocatoria iniziativa”.

Fonte: ParmaQuotidiano.it