Montanari Secondo


Nasce il 3 febbraio 1901 a Bologna. Iscritto al Partito Comunista Italiano dal 1921. Il 22 aprile 1927 fu arrestato con l’accusa organizzazione comunista e il 25 maggio assegnato al confino per 3 anni a Lipari (TP).

Continua a leggere “Montanari Secondo”

Falzoni Sostegno


Nasce il 23 aprile 1903 a Molinella.
Iscritto al Partito Socialista Italiano e in seguito al Partito Comunista Italiano.
Il 4 settembre 1921, con numerosi altri militanti socialisti, prende parte a uno scontro a fuoco con i fascisti a Mezzolara (Budrio). Un socialista e un fascista restano uccisi.

Continua a leggere “Falzoni Sostegno”

Armando Pilati (Nome di battaglia Nino)


Nasce il 2 marzo 1906 a Bologna. Falegname. Iscritto al Partito Socialista Italiano nel 1921, diventa componente del comitato direttivo della federazione giovanile. Nel 1926, insieme ad un gruppo di giovani socialisti bolognesi, aderisce al Partito Comunista Italiano. Fra il 1927 e il 1928 presta servizio militare in artiglieria. Il 25 marzo 1929, per aver distribuito, con Orfeo Curti e Cesare Cristi, dei volantini contro il plebiscito indetto dal regime fascista, è arrestato insieme a tutta la sua famiglia a causa dell’arresto il padre si suicidò. Continua a leggere “Armando Pilati (Nome di battaglia Nino)”

Aldo Aflitti


Nasce il 21 febbraio 1911 a Imola. Nel 1928 aderisce al Partito Comunista Italiano. Il 6 dicembre 1930 viene arrestato a Osteriola (Imola) a seguito della scoperta dell’organizzazione comunista imolese avvenuta in novembre. Continua a leggere “Aldo Aflitti”

Marino Serenari antifascista vittima del regime


Nasce il 20 ottobre 1906, a Casalecchio di Reno. Si iscrive, giovanissimo al movimento comunista, diventando in seguito dirigente della FGCI bolognese. Dopo ad una vasta affissione di manifestini, a Casalecchio di Reno, a Bologna e in altri comuni circostanti, per il sesto anniversario della nascita del PCI, è arrestato il 21 gennaio 1927, con molti altri compagni. Continua a leggere “Marino Serenari antifascista vittima del regime”

Ermelinda Bersani antifascista e staffetta


Nasce il 4 gennaio 1908 a Castel S. Pietro Terme. Si iscrive al Partito Comunista Italiano nel 1929, segue il marito Giovanni Nardi confinato a Lipari (ME). Rientrata a Castel S. Pietro Terme, viene assunta come operaia all’ombrellificio Sassi dove nel 1934 organizza la lotta per gli aumenti salariali, contro il cottimo e per una riduzione dell’orario di lavoro. Continua a leggere “Ermelinda Bersani antifascista e staffetta”

Walter Nerozzi (Nome di battaglia Negrini Bruno)


Nasce il 30 settembre 1913 a Bologna. Si iscrive al Partito Comunista Italiano nel 1932. Dopo essere espatriato in Francia, rientra in Italia per incarico del partito. Membro dell’organizzazione comunista bolognese che nel 1936-37 svolse un’attività illegale e, insieme a questa, sfruttò le possibilità legali all’interno dei sindacati fascisti, nell’università e con articoli critici su giornali di regime, viene deferito al Tribunale Speciale il 2 novembre 1938. Continua a leggere “Walter Nerozzi (Nome di battaglia Negrini Bruno)”

Reggiani Luigi


Nasce il 30 marzo 1891 a Pieve di Cento. A Bologna il 14 ottobre 1920 nel corso di una manifestazione che sfocia con l’assalto al Casermone delle Guardie Regie, viene fermato e trascinato in caserma dove subisce violente percosse alla testa da parte dei militari.
Continua a leggere “Reggiani Luigi”

Cotti Marino (Nome di battaglia Urtlan)


Nasce il 29 marzo 1903 a S. Giovanni in Persiceto.
Nel febbraio 1918 si iscrive al circolo giovanile socialista di S. Giovanni in Persiceto.
Il 5 aprile 1920 partecipa al comizio anarchico che si conclude nell’eccidio di Decima. Alla costituzione del PCI passa nel movimento giovanile del nuovo partito. Nel 1921 entra negli Arditi del popolo e prende parte a numerosi scontri con i fascisti.
Continua a leggere “Cotti Marino (Nome di battaglia Urtlan)”

Mazzoni Arturo


Nasce il 12 marzo 1898 a Molinella. Si trasferisce nel 1905 a Bologna con la famiglia, nel 1923 emigra in Francia per motivi di lavoro.
In Francia non nasconde le sue idee politiche così le autorità consolari lo denunciano nel 1932, Continua a leggere “Mazzoni Arturo”