Giornata della Memoria 2020 in ricordo gli ebrei bolognesi


I nomi in corsivo sono incisi nella lapide murata sulla facciata della sinagoga in via Finzi.

Pertanto si tratta di membri della Comunità israelitica bolognese, anche se alcuni di essi non figurano nell’elenco della polizia del 1942. Gli ebrei sicuramente bolognesi sono 84. Gli altri 30 sono ebrei non bolognesi ma catturati o uccisi a Bologna o ebrei non considerati più tali. I non bolognesi come risulta dagli elenchi consultati sono sicuramente 18. Gli altri 12 sono forse ebrei non considerati più tali. In totale i morti sono 114. Quando è stato possibile abbiamo indicato la causa.

Continua a leggere “Giornata della Memoria 2020 in ricordo gli ebrei bolognesi”

Dove sono gli anticorpi?


Sono passati 75 anni dalla liberazione del campo di Auschwitz, di cui abbiamo saputo, conosciuto, pianto quello che una infame ideologia ha fatto sugli ebrei, zingari, detenuti politici, omosessuali abbiamo detto MAI PIU’.

Continua a leggere “Dove sono gli anticorpi?”

In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 – La caccia agli ebrei


Gli ebrei bolognesi non erano rimasti nelle loro case ad attendere l’arrivo delle SS. Salvo alcune persone anziane o ammalate e poche altre che fidavano nel battesimo ricevuto, la fuga era stata generale. Pochi furono quelli presi nel loro letto, mentre la maggior parte degli arresti avvenne casualmente o a seguito di delazioni. Continua a leggere “In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 – La caccia agli ebrei”

In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 I fascisti consegnano gli ebrei ai nazisti


Mentre gli ebrei si immergevano nel vasto e per loro sconosciuto mondo contadino, alla ricerca disperata di una ipotetica, ma possibile salvezza, a Bologna il comandante dello SD — il maggiore Fehmers — non aveva perso tempo. Continua a leggere “In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 I fascisti consegnano gli ebrei ai nazisti”

In attesa della “Giornata della Memoria” 2020


L’università allontana 51 docenti di “razza inferiore”

Il 14 ottobre 1938 il professore Alessandro Ghigi — rettore dell’università e ornitologo di fama nazionale — firmò undici lettere tutte uguali. Questo il testo: “In seguito alle disposizioni a Voi già note, Vi comunico che con la data del 16 corr. dovrete sospendere la Vostra attività presso questa Università. Vi ringrazio per l’opera scientifica e didattica svolta in questo Ateneo e Vi porgo il mio saluto”.

Continua a leggere “In attesa della “Giornata della Memoria” 2020″

Il revisionismo storico è già cominciato


Il giorno dei funerali di Piero Terracina, il TG2 nel suo servizio dice che Auschwitz è stata liberata dagli americani. Continua a leggere “Il revisionismo storico è già cominciato”

Quando l’ignoranza entra nelle stanze del potere.


Sicuramente un titolo un po’ forzato, ma l’ignoranza storica e politica dilaga in questa nazione. Dai grandi ai piccoli comuni, un epidemia che lentamente cancella le nostre radici per una pacificazione senza un vero processo.

Continua a leggere “Quando l’ignoranza entra nelle stanze del potere.”