Efrem Benati


Benati Efrem «Gianni» nasce il 23 gennaio 1926 a San Giovanni in Persiceto.

Combatte nel distaccamento «Tarzan» della 7a brigata Garibaldi GAP «Gianni» ad Anzola dell’Emilia.

Continua a leggere “Efrem Benati”

Annunci

Giuseppe Barbieri (Nome di battaglia Mimmo)


Nasce il 21 gennaio 1923 a Modena. Studente universitario. Iscritto al Partito d’Azione. Dopo lʼinizio della Resistenza, combatte nelle bande armate che vengono organizzate sul Monte Falterona e sullʼAppennino tosco-emiliano.
Continua a leggere “Giuseppe Barbieri (Nome di battaglia Mimmo)”

Rocco Sacchetti


Rocco Sacchetti nasce il 16 agosto 1869 a San Pietro in Casale. La sera del 18 gennaio 1922 mentre si trovava in una osteria a Galliera insieme a Luigi Cantelli viene a diverbio con alcuni fascisti. Lo scontro continua fuori dal locale. Sacchetti e Cantelli vengono seguiti dai fascisti lungo la strada del rientro. La mattina del 19 gennaio vengono ritrovati morti nei pressi dell’abitazione di Sacchetti.

Ti piacciono gli articoli che leggi? Vuoi sostenere questo blog?
Lascia un contributo anche solo per un caffè cliccando sul link sotto.

https://paypal.me/storiedimenticate

Emilio Bassi


Nasce nel 1872 a Castel dʼAiano. Bracciante agricolo. A causa delle sue posizioni politiche ucciso il 16 settembre 1921 a Sasso Marconi a colpi di pistola davanti alla moglie e ai suoi due figlioli da alcuni fascisti che avevano invaso la sua abitazione a Torre di Jano.

Continua a leggere “Emilio Bassi”

Il partigiano ritrovato


Pasquale Martino
IL PARTIGIANO RITROVATO
Una storia della Resistenza
Manni Editore.

 

Continua a leggere “Il partigiano ritrovato”

FOTOCRONACA COMPLETA DEL PROCESSO TARTAROTTI


condannalo a morte mediante fucilazione alla schiena dalla Corte d’Assise Straordinaria di Bologna
Continua a leggere “FOTOCRONACA COMPLETA DEL PROCESSO TARTAROTTI”

Arrigo Boldrini – Diario di Bulow


Arrigo Boldrini – Diario di Bulow

Vangelista Editore

Prefazione di Giancarlo Pajetta

Chi voglia conoscere che cosa sia stata la nostra guerra partigiana, come l’abbiamo organizzata e condotta, che uomini abbiano dato vita alle nostre formazioni e come, nel lavoro quotidiano e nel combattimento, altri ancora siano stati formati come uomini nuovi capaci di essere guide ed esempio, deve leggere questo libro. E chi, in questo contesto generale che non è soltanto quello della 28a brigata Garibaldi «Mario Gordini», vuole conoscere un uomo che tutti stimano per la sua sobrietà e modestia, per il suo rigore, capacità di comprensione, voglia di vivere e saper vivere, ma che forse pochi conoscono nel suo profondo, insomma chi voglia sapere chi è Arrigo Boldrini, deve cercarlo attraverso queste pagine. E la cosa mi pare valga la pena di essere fatta.

Si tratta di un diario di guerra particolare; non il racconto delle proprie memorie né quello dell’esperienza come altri ci hanno consegnato — per citare alcuni esempi illustri Io e gli alpini di Jahier o Un anno sull’altopiano di Lussu. Quello di Arrigo Boldrini è piuttosto una sorta di mattinale. Giorno per giorno, o riassunti nel giro breve di pochi giorni, ci vengono consegnati i fatti di una vita quotidiana che forse è eroica proprio perché non è fatta Continua a leggere “Arrigo Boldrini – Diario di Bulow”