Bruno Tosarelli


Il 5/10/1944 viene ucciso per strada dai fascisti, era di ritorno da una riunione dei comandanti partigiani a Bologna. E’ riconosciuto e immediatamente fermato, viene fucilato sul posto.

Tosarelli Bruno nasce l’11/12/1912 a Castenaso. Membro dell’organizzazione comunista bolognese attiva nel 1930 (centinaia furono gli arrestati), accusato di ricostituzione del PCI e propaganda sovversiva, con sentenza del 30/6/31 fu prosciolto per non luogo a procedere. Espatriò clandestinamente nel gennaio 1937 per raggiungere la Spagna.

Appartenne alla brg Garibaldi. Ebbe il grado di tenente. Fu ferito due volte, a Farlete e sullʼEbro. Lasciò la Spagna nel febbraio 1939. Venne internato nei campi di concentramento francesi di Saint-Cyprien, di Gurs e di Vernet-dʼAriège. Nelle organizzazioni del campo svolse intensa attività politica.
Arrestato in Francia nell’aprile 1941 e tradotto in Italia venne rinviato al Tribunale speciale senza emissione di sentenza istruttoria e condannato, il 13/6, a 15 anni di carcere per l’attività politica svolta a Bologna fino al 1937.

Liberato nel luglio 1943, partecipò alla riorganizzazione del PCI.
Dopo l’armistizio contribuì alla formazione delle organizzazioni gappiste e sappiste. Fu commissario della 63a brg Bolero Garibaldi prima, e comandante del 6° raggruppamento sappisti poi. Organizzò e partecipò a numerose e rischiose azione contro i nazifascisti.

Il 10 settembre a Marano di Castenaso partecipa alla manifestazione dove viene occupato il Comune dove vengono bruciati i registri di leva e i ruoli delle tasse. Tiene un breve comizio con Luciano Romagnoli mentre 35 sappisti proteggono l’azione.

È stato decorato di medaglia d’oro con la seguente motivazione:
«Apostolo della propria idea, già valoroso combattente garibaldino in terra straniera, organizzava i primi nuclei partigiani per la lotta contro l’oppressore della Patria. Commissario politico di una Brigata combatteva vittoriosamente a Monte Vignola, Monte S. Pietro, Monte Capra. Comandante della 6° zona della città di Bologna, faceva sempre ovunque rifulgere le sue belle virtù di uomo di azione, di organizzazione e di trascinatore. Arrestato e seviziato trovava nella morte la liberazione dal martirio che aveva fatto scempio del suo corpo. Fulgido esempio di fede e di eroismo».
Bologna 9/9/43 -5/10/ 44.

Gli sono state intitolate una strada a Bologna e Castenaso.

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.