Mario Anderlini (Nome di battaglia Franco)


Nasce il 10 ottobre 1916 a Bazzano. Presta servizio militare in artiglieria sul fronte albanese dal 1937 allʼ8 settembre 1943. Nel gennaio 1944 è fra gli organizzatori di uno sciopero alla Ducati di Bazzano. Continue reading “Mario Anderlini (Nome di battaglia Franco)”

L’Italia renziana si astiene sulla risoluzione ONU contro la glorificazione del nazi-fascismo


L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato lo scorso 22 novembre una mozione presentata dalla Russia che condanna i tentativi di glorificazione dell’ideologia del nazismo e la conseguente negazione dei crimini di guerra commessi dalla Germania nazista. Continue reading “L’Italia renziana si astiene sulla risoluzione ONU contro la glorificazione del nazi-fascismo”

Nessuno può portarti un fiore


Ricevo e pubblico la notizia di questo bellissimo progetto dedicato alle donne che hanno combattuto per la libertà. Continue reading “Nessuno può portarti un fiore”

FOTOCRONACA COMPLETA DEL PROCESSO TARTAROTTI


condannalo a morte mediante fucilazione alla schiena dalla Corte d’Assise Straordinaria di Bologna
Continue reading “FOTOCRONACA COMPLETA DEL PROCESSO TARTAROTTI”

Intervista con il dott. Marco Passega “Spig” (2 aprile 2005)


Da Uomini contro. Storie di uomini nella Resistenza bresciana, Quaderni della biblioteca comunale don Lorenzo Milani di Cazzago San Martino, 2006
Continue reading “Intervista con il dott. Marco Passega “Spig” (2 aprile 2005)”

Lo spartiacque della Resistenza femminile


Anna Maria Bruzzone – Rachele Farina, La Resistenza taciuta. Dodici vite di partigiane piemontesi, prefazione di Anna Bravo, Bollati Boringhieri 2016, pp. 314, € 25,00

“Io sarò sempre ribelle, è una parola che mi piace, lo sarò sempre…” (Elsa Oliva “Elsinki”)

di Sandro Moiso

Continue reading “Lo spartiacque della Resistenza femminile”

La “Rivoluzione” interrotta


Pino Tripodi, Per sempre partigiano. L’insurrezione di Santa Libera, DeriveApprodi, Roma 2016, pp. 243, € 16,00

Non si sono ancora del tutto spenti gli echi della festa d’aprile del 1945 che numerosi proletari, semplici combattenti – tra cui comandanti di brigata e commissari politici – per convinzione e non per convenienza, intuiscono ciò che si sta programmando, annusano l’aria, colgono l’atmosfera: è solo un cambio d’abito. Chi tira le fila, e continua a condurre le danze, sono i soliti profittatori di sempre.

Continue reading “La “Rivoluzione” interrotta”