In evidenza

Viaggio nel tempo


C’era una volta……  la tipica frase dell’inizio di una favola, di una storia. In questo blog non racconterò le solite favole, racconterò storie vere, storie di persone, di paesi, di città. Storie che stanno sbiadendo nelle nebbie della memoria. Il martellare costante degli avvenimenti quotidiani cancella immediatamente la memoria del giorno precedente. Non sappiamo più da dove veniamo, quale è stato il nostro passato e lentamente la nostra storia si cancella. Queste pagine parleranno di persone comuni che nel loro piccolo hanno contribuito a costruire la nostra società. Perché è vero la storia è fatta dai grandi personaggi, ma è altrettanto vero che la storia siamo noi con le nostre piccole o grandi scelte scelte.

Ho pubblicato La Resistenza per le vie di Pianoro, un ricordo dedicato ai partigiani pianoresi a cui sono state intitolate le strade, le piazze del piccolo paese nella provincia di Bologna e lo si può acquistare in formato ebook a soli 5€ cliccando su lulu.com.

La Resistenza per le vie di Pianoro

Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

La strage neonazista di Hanau: investiamo sui giovani per sconfiggere il neonazismo


Da Anagrafe Nazionale Antifascista.

Cara Cittadina, Caro Cittadino,

Hanau, città di 90.000 abitanti situata nel Land dell’Assia in Germania, ad una ventina di chilometri da Francoforte, è stata teatro di un’efferata strage di matrice neonazista e razzista. Continua a leggere “La strage neonazista di Hanau: investiamo sui giovani per sconfiggere il neonazismo”

Il fascismo appartiene ai libri di storia


Il fascismo appartiene ai libri di storia ultimamente è il nuovo mantra di una parte, non troppo piccola, della politica italiana. Superare le differenze tra destra e sinistra si legge in diversi siti, si vuole far passare per ragazzate di pochi le aggressioni, l’imbrattamento e il danneggiamento di lapidi dedicate ai partigiani.

Continua a leggere “Il fascismo appartiene ai libri di storia”

Giornata della Memoria 2020 in ricordo gli ebrei bolognesi


I nomi in corsivo sono incisi nella lapide murata sulla facciata della sinagoga in via Finzi.

Pertanto si tratta di membri della Comunità israelitica bolognese, anche se alcuni di essi non figurano nell’elenco della polizia del 1942. Gli ebrei sicuramente bolognesi sono 84. Gli altri 30 sono ebrei non bolognesi ma catturati o uccisi a Bologna o ebrei non considerati più tali. I non bolognesi come risulta dagli elenchi consultati sono sicuramente 18. Gli altri 12 sono forse ebrei non considerati più tali. In totale i morti sono 114. Quando è stato possibile abbiamo indicato la causa.

Continua a leggere “Giornata della Memoria 2020 in ricordo gli ebrei bolognesi”

Dove sono gli anticorpi?


Sono passati 75 anni dalla liberazione del campo di Auschwitz, di cui abbiamo saputo, conosciuto, pianto quello che una infame ideologia ha fatto sugli ebrei, zingari, detenuti politici, omosessuali abbiamo detto MAI PIU’.

Continua a leggere “Dove sono gli anticorpi?”

In attesa della “Giornata della Memoria 2020”. Un giorno


Tratto dal libro: “Finchè avrò voce” di Armando Gasiani. Libro dove Gasiani racconta la sua vita e l’internamento a Mauthausen.

Biografia: Armando Gasiani, «Bolero», da Giuseppe e Rita Degli Esposti; nato il 23 gennaio 1927 a Castello di Serravalle. Nel 1943 residente ad Anzola Emilia. Licenza elementare. Colono.

Continua a leggere “In attesa della “Giornata della Memoria 2020”. Un giorno”

In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 – La caccia agli ebrei


Gli ebrei bolognesi non erano rimasti nelle loro case ad attendere l’arrivo delle SS. Salvo alcune persone anziane o ammalate e poche altre che fidavano nel battesimo ricevuto, la fuga era stata generale. Pochi furono quelli presi nel loro letto, mentre la maggior parte degli arresti avvenne casualmente o a seguito di delazioni. Continua a leggere “In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 – La caccia agli ebrei”

In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 I fascisti consegnano gli ebrei ai nazisti


Mentre gli ebrei si immergevano nel vasto e per loro sconosciuto mondo contadino, alla ricerca disperata di una ipotetica, ma possibile salvezza, a Bologna il comandante dello SD — il maggiore Fehmers — non aveva perso tempo. Continua a leggere “In attesa della “Giornata della Memoria” 2020 I fascisti consegnano gli ebrei ai nazisti”