Il triangolo nero


L’estrema destra in Lombardia, in particolare nelle città di Milano, Brescia e Varese, quale erede diretta dell’ultima tragica stagione del fascismo, fin dall’immediato dopoguerra ha assunto caratteristiche di durezza e intransigenza che hanno avuto conferme ed evoluzioni significative fino ai nostri giorni. Passando dai progetti eversivi degli Anni ’70, alle attuali derive apertamente razziste e neonaziste

Il neo­fa­sci­smo mila­nese e lom­bardo fin dall’immediato dopo­guerra ha assunto carat­te­ri­sti­che di durezza e intran­si­genza. Quale erede diretto dell’ultima tra­gica sta­gione del fasci­smo, rap­pre­sen­tata dalla Repub­blica sociale, ha visto subito river­sarsi tra sue fila molti degli sche­rani pro­ve­nienti dai suoi tanti corpi mili­tari e dalle sue innu­me­re­voli poli­zie pri­vate. Un sostan­ziale filo di con­ti­nuità in una città come Milano, che fu la vera capi­tale della Rsi, e in una regione dove, sulle sponde del lago di Como, si con­sumò il suo ultimo dram­ma­tico destino.
Da qui il for­marsi degli ini­ziali gruppi diri­genti mis­sini e delle stesse prime orga­niz­za­zioni ter­ro­ri­sti­che, a par­tire dalle Sam (Squa­dre d’azione Mus­so­lini), che già alla fine del 1945 ope­ra­rono tra Milano, Monza e Como, ben oltre l’attentato dimo­stra­tivo, assal­tando le sedi dei par­titi di sini­stra e cau­sando più di una vittima.

Il retro­terra degli anni Settanta

Quest’impronta e que­sti tratti si sono poi tra­man­dati negli anni. È a Milano, già alla metà degli Cin­quanta, che prende corpo quel nucleo di Ordine nuovo che ritro­ve­remo poi come orga­niz­za­zione stra­gi­sta alla fine degli anni Ses­santa, respon­sa­bile dell’eccidio di piazza Fon­tana. Ed è sem­pre a Milano che si ten­gono, tra il 1958 e il 1967, ben tre riu­nioni di quella Inter­na­zio­nale nera che prese il nome di Noe, acro­nimo di Nuovo ordine euro­peo, fero­ce­mente raz­zi­sta e anti­se­mita. Il fatto stesso che la Lom­bar­dia abbia rap­pre­sen­tato il tea­tro prin­ci­pale della stra­te­gia della ten­sione non è stato certo un caso.
Ben tre sono state le stragi in que­sta regione (in piazza Fon­tana a Milano, il 12 dicem­bre 1969, e davanti alla que­stura, il 17 mag­gio 1973, a Bre­scia, in piazza della Log­gia. il 28 mag­gio 1974), diverse altre quelle ten­tate (a Varese dove la si cercò in piazza Maspero, ancor prima di Bre­scia, il 28 marzo 1974). Il tutto nel con­te­sto di un’impressionante esca­la­tion di vio­lenze squa­dri­ste. In un dos­sier pub­bli­cato nel 1975 dalla giunta regio­nale (Rap­porto sulla vio­lenza fasci­sta in Lom­bar­dia), tra il gen­naio 1969 e il mag­gio 1974, si con­teg­gia­rono: 180 aggres­sioni, 46 deva­sta­zioni, 36 lanci di bombe a mano o ordi­gni simi­lari, 63 lanci di bombe molo­tov, 14 esplo­sioni di bombe carta, dieci atten­tati con dina­mite o tri­tolo, 25 casi di ritro­va­menti di armi o esplo­sivi, 35 aggres­sioni a colpi di pistola, dieci accol­tel­la­menti e 30 incendi. In nean­che cin­que anni e mezzo.
È in que­sto trian­golo (tra Milano-Brescia-Varese) che l’estrema destra mise i suoi pic­chia­tori al ser­vi­zio dei set­tori più rea­zio­nari della bor­ghe­sia per rom­pere i pic­chetti ope­rai e attac­care gli stu­denti. Varese, spesso pas­sata in secondo piano, è stata invece una città che, cor­ro­bo­rata da uno «zoc­colo duro» di impren­di­tori e pro­fes­sio­ni­sti dispo­ni­bili a for­za­ture ever­sive, forag­giò e spal­leg­giò neo­fa­sci­sti di ogni risma. Qui l’Msi toccò la soglia del 10%, ben oltre la media nazio­nale, Qui si svi­lup­pa­rono for­ma­zioni ter­ro­ri­sti­che, dalla Costi­tuente nazio­nale rivo­lu­zio­na­ria ad Avan­guar­dia nazio­nale alle Squa­dre d’azione Ettore Muti, fino a Ordine nero, che si resero pro­ta­go­ni­ste di siste­ma­ti­che azioni squa­dri­ste e dinamitarde.
Ed è nuo­va­mente tra Milano, Bre­scia e Varese, che biso­gna tor­nare a guar­dare in que­sti anni. In una regione dove accanto alle for­ma­zioni pre­senti sul ter­ri­to­rio nazio­nale ne sono cre­sciute altre a livello locale.

Forza Nuova

Forza nuova, la più vec­chia tra le orga­niz­za­zioni post-missine, nata nel 1997 e rico­no­sciuta come «nazi­fa­sci­sta» da una sen­tenza del 2010 della Cas­sa­zione, si è svi­lup­pata in Lom­bar­dia attra­verso pic­coli nuclei, con sedi a Milano, Monza, Bre­scia, Ber­gamo, Pavia e Como. Ulti­ma­mente l’attività ha teso a pri­vi­le­giare i temi clas­sici dell’ultradestra cat­to­lica, dalla can­cel­la­zione della legge sull’aborto alle cam­pa­gne omo­fo­bi­che, strin­gendo alleanze con alcune asso­cia­zioni inte­gra­li­ste, tra le altre Le sen­ti­nelle in piedi, col­la­te­rali ad Alleanza cat­to­lica, la più antica tra que­ste realtà, da sem­pre ricet­ta­colo di estre­mi­sti di destra.
Un secondo ter­reno è quello del con­tra­sto all’immigrazione e alla «società mul­ti­raz­ziale». Qui il ten­ta­tivo è di sca­val­care a destra la stessa Lega con ini­zia­tive e slo­gan ancor più radi­cali in nome di un nazio­na­li­smo becero ed esasperato.
Fun­zio­nale a que­sto scopo è stato anche il varo di un’associazione (Soli­da­rietà nazio­nale) impe­gnata a rac­co­gliere ali­menti e generi di con­forto per gli ita­liani in dif­fi­coltà sul modello di Alba dorata in Gre­cia. In alcune città Forza nuova è con­fluita, facendo blocco, in orga­ni­smi «uni­tari», è il caso di Bre­scia ai bre­sciani, che ha pro­vato anche ad attac­care fisi­ca­mente il 28 marzo scorso un cor­teo di immi­grati scon­tran­dosi con la polizia.
Dato il numero esi­guo di mili­tanti, non più di 150 com­ples­si­va­mente, il metodo è di farli con­fluire nelle ini­zia­tive prin­ci­pali per disporre di un minimo di massa critica.

Casa Pound

Dopo vari ten­ta­tivi andati a vuoto di inse­dia­mento nelle prin­ci­pali città lom­barde, sfrut­tando l’alleanza con la Lega, ora Casa Pound prova a rilan­ciarsi. È pre­sente al momento con pro­prie sedi in un quar­tiere popo­lare di Milano (Quarto Oggiaro), a Varese e a Cre­mona, realtà quest’ultima pro­ta­go­ni­sta a gen­naio di un’aggressione cri­mi­nale ai danni del cen­tro sociale Dor­doni. A Bre­scia (San Vigi­lio), causa con­tra­sti interni, ha aperto ma anche subito chiuso i bat­tenti. Sem­pre a Milano, nei pressi della sta­zione cen­trale, con l’intento di auto­fi­nan­ziarsi, ha aperto un pic­colo risto­rante spe­cia­liz­zato in cucina romana, l’Osteria Angelino.
L’attività prin­ci­pale si incen­tra al momento sull’attacchinaggio di mani­fe­sti e stri­scioni in alcuni quar­tieri sui temi della crisi eco­no­mica e sociale, sulla pro­mo­zione di pre­sidi in favore dei «due Marò», di pic­coli con­certi e con­fe­renze a carat­tere interno per lo più rie­vo­ca­tivi del futu­ri­smo marinettiano.
Il modello al quale guar­dare, anche qui, è quello del primo movi­mento fasci­sta del 1919–20. Il suo momento più alto è stato indub­bia­mente il 18 otto­bre scorso, quando, in occa­sione della prima mani­fe­sta­zione nazio­nale della Lega dell’era Sal­vini, sfi­la­rono a Milano in cami­cia nera, fianco a fianco con le cami­cie verdi, fino a piazza Duomo, due­mila suoi ade­renti affluiti da tutta Italia.
Pra­ti­ca­mente nulla la pre­senza del Blocco stu­den­te­sco negli isti­tuti supe­riori della regione. Anche in que­sto caso il corpo mili­tante non supera le 150 unità.

Lealtà Azione

Accanto alle orga­niz­za­zioni nazio­nali sono pre­senti in Lom­bar­dia almeno altre due for­ma­zioni locali degne di nota. La prima, Lealtà azione, nata come asso­cia­zione nell’ambito del cir­cuito Ham­mer­skin, è cre­sciuta velo­ce­mente nel giro di pochi anni fino a diven­tare la realtà più con­si­stente della regione con circa tre­cento ade­renti. Aper­ta­mente neo­na­zi­sta (i suoi ade­renti amano tatuarsi stemmi e inse­gne del Terzo Reich) è stata pro­mo­trice di raduni e con­certi anche a carat­tere internazionale.
Il mee­ting più impor­tante è stato cer­ta­mente quello del 15 giu­gno 2013 alla peri­fe­ria di Milano, presso Rogo­redo, con dele­ga­zioni nazi­ste da mezza Europa ed espo­nenti del Ku Klux Klan.
Lealtà azione ha inau­gu­rato sedi a Milano (quar­tiere Cer­tosa), a Bol­late (deno­mi­nata Ski­n­house), a Lodi e a Monza, in pieno cen­tro, con una dipo­ni­bi­lità di risorse finan­zia­rie deci­sa­mente supe­riori a tutte le altre orga­niz­za­zioni d’area, in parte pro­ve­nienti da atti­vità com­mer­ciali e di risto­ra­zione di alcuni dei suoi soci.
Strut­tu­ra­tasi con asso­cia­zioni col­la­te­rali a tema: I lupi danno la zampa (a favore di cani e gatti), I lupi delle vette (per l’escursionismo mon­tano), Branco (con­tro l’aborto e la pedo­fi­lia), dedica gran parte del pro­prio tempo, anche attra­verso l’associazione Memento, al recu­pero e alla cura nei cimi­teri delle tombe dei caduti repub­bli­chini e degli squa­dri­sti degli anni Venti. Fuori dalla Lom­bar­dia Lealtà azione si è nel frat­tempo gemel­lata con altre espe­rienze, ad Ales­san­dria con Arca­dia e a Firenze con La Fenice.

I Dodici Raggi

La Comu­nità mili­tante dei «dodici raggi» opera invece da qual­che anno in pro­vin­cia di Varese alter­nando la pro­pria deno­mi­na­zione con Varese ski­n­heads. La base è situata a Cai­date (fra­zione di Sumi­rago) dove dispone di ampi locali attrez­zati gra­zie ai quali ha pro­mosso raduni e intes­suto rela­zioni con il varie­gato arci­pe­lago nazi-skin, facendo da perno per altre realtà, da Pavia a Ber­gamo a Torino.
Do.Ra, que­sto il suo acro­nimo, è da tempo pene­trata nella curva dello sta­dio di Varese (mischian­dosi con Blood&Honour) e nella tifo­se­ria della squa­dra di pal­la­ca­ne­stro attra­verso gli Arditi.
Un cen­ti­naio i mili­tanti e due le osses­sioni: cele­brare ogni 20 aprile il com­pleanno di Adolf Hitler, il più delle volte con con­certi pro­pa­gan­dati con imma­gini rie­vo­ca­tive (due anni fa l’evento si tenne a Mal­nate con 400 teste rasate giunte da tutta Europa), e oltrag­giare il sacra­rio par­ti­giano di Monte San Mar­tino sulle Pre­alpi dell’alto vare­sotto (tea­tro di una bat­ta­glia tra il 13 e il 15 novem­bre 1943), omag­giando, insieme al Mani­polo d’avanguardia di Ber­gamo (i loro gemelli oro­bici), i caduti repub­bli­chini con l’infissione nel ter­reno di decine di Toten rune, il sim­bolo con il quale si ono­ra­vano le spo­glie delle SS.

Saverio FERRARI – (dal “Manifesto” del 22 aprile 2015)

 

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...