Le fucilazioni in massa di detenuti politici a Bologna negli ultimi mesi di occupazione tedesca


Andrea Ferrari, Paolo Nannetti

Le fucilazioni in massa di detenuti politici a Bologna negli ultimi mesi di occupazione tedesca

per gentile concessione degli autori.

Dalle esecuzioni pubbliche agli eccidi occultati

Scopo di questo breve intervento è quello di fornire qualche anticipazione su di una inchiesta, tuttora in corso, avente come oggetto gli eccidi di detenuti politici e partigiani avvenuti ad opera delle forze nazifasciste a Bologna a partire dal dicembre 1944, e più in generale, della politica punitiva attuata nei confronti dei detenuti nel territorio bolognese durante l’occupazione tedesca. L’indagine attuale trae origine da una ricerca sull’eccidio di San Ruffillo che nel 1983 ci fu affidata dal Quartiere Savena di Bologna, insieme alla locale ANPI, e che fu poi riassunta in una piccola pubblicazione (“L’eccidio di San Ruffillo. Repressione nazifascista a Bologna nell’inverno 1944-45” a cura del Comitato per le onoranze ai caduti di San Ruffillo, Bologna 1987 (1).

Di quell’avvenimento, così come del resto dell’eccidio di Sabbiuno di Paderno, considerato l’eccidio-simbolo fra quelli bolognesi di partigiani, esisteva all’epoca una memoria storica lacunosa, ancora inesatta circa il numero effettivo delle vittime e le date di esecuzione. Attraverso un lungo lavoro di archivio, a partire dagli schedari dell’ANPI e dal confronto tra questi e l’archivio anagrafico, ricostruimmo la quasi totalità delle biografie delle vittime e le circostanze del loro arresto, giungendo ad ipotizzare un nome per le 23 salme che all’epoca del ritrovamento delle fosse, nei primi giorni del maggio ‘45, non erano state riconosciute.

Successivamente, grazie alla collaborazione con Alberto Preti, che stava lavorando ad una ricostruzione dell’eccidio dì Sabbiuno di Paderno (2) ci fu offerta la preziosa opportunità di accedere all’archivio dell’ex-carcere bolognese di San Giovanni in Monte, per consultare i registri di entrata-uscita dei detenuti nel periodo bellico. In tale occasione abbiamo trascritto i dati quasi integrali riguardanti il movimento del settore maschile tra la fine del gennaio 1945 e la Liberazione.
Sì è potuto così verificare la posizione di circa 450 detenuti entrati e usciti dall’1 febbraio al 21 aprile 1945 e di altri 150 entrati da ottobre-novembre 1944 e usciti dal febbraio 1945 in avanti. Inoltre, al fine di quantificare statisticamente i movimenti dei detenuti abbiamo trascritto gli estremi dei numeri di matricola dei mesi che vanno dal settembre 1943 alla Liberazione, raccogliendo così una importante documentazione circa l’effettivo utilizzo del carcere bolognese.

mese da matricola a matricola registrati mese da matricola a matricola registrati
settembre 43 7.925 8.033 108 luglio 44 11.156 11.487 311
ottobre 43 8.034 8.230 196 agosto 44 11.488 11.769 281
novembre 43 8.231 8.646 415 settembre 44 11.770 11.980 210
dicembre 43 8.647 8.926 279 ottobre 44 11.981 12.185 204
gennaio 44 8.927 9.355 428 novembre 44 12.186 12.367 181
febbraio 44 9.356 9.650 294 dicembre 44 12.368 12.824 456
marzo 44 9.651 10.198 547 gennaio 45 12.825 13.146 321
aprile 44 10.199 10.635 436 febbraio 45 13.147 13.368 221
maggio 44 10.636 10.910 274 marzo 45 13.369 13.671 302
giugno 44 10.911 11.155 244 aprile 45 13.672 13.849 177

La fonte si rivelata estremamente precisa quando é stata incrociata con gli accertamenti, presso le anagrafi dei vari comuni di residenza dei detenuti, e confrontata con le pubblicazioni di memorie, testimonianze, storie locali dei vari comuni delle province di Bologna, Modena e Ferrara.

Un’ altra importante verifica é venuta dal confronto con il Dizionario biografico degli antifascisti (3) non solamente per quanto concerne le biografie delle vittime degli eccidi, ma anche per tutti quegli appartenenti alla Resistenza che dal carcere sono transitati con altre destinazioni e altri destini.
La meticolosa precisione burocratica di questi documenti, le firme degli inconsapevoli condannati a morte che di li a pochi minuti sarebbero stati trucidati, e non trasferiti come fatto credere dai loro aguzzini, rappresentano una drammatica testimonianza e una importantissima fonte attraverso la quale ricostruire le tragiche vicende umane di quei giorni e ci forniscono una medita prospettiva dalla quale osservare lo scenario complessivo della repressione degli antifascisti nel territorio bolognese.

Nel corso della nostra ricerca su quel tragico capitolo della occupazione tedesca abbiamo individuato due fasi distinte.

La prima, che potremmo definire delle esecuzioni pubbliche, comprende tutto il ciclo di fucilazioni ed eccidi che fino alla metà del dicembre 1944 vengono compiuti materialmente ad opera di militi della GNR o delle brigate nere, coinvolgendo partigiani o appartenenti a vario titolo alla Resistenza locale, quasi tutti provenienti dal carcere cittadino di San Giovanni in Monte o da altri luoghi di detenzione presso caserme delle varie polizie e milizie fasciste.
Luogo di esecuzione privilegiato è il Poligono di tiro cittadino dove in almeno una dozzina di date vengono uccisi circa novanta prigionieri, solo in parte dopo formali processi e condanne. In una data di inizio aprile, ma soprattutto fra il giugno e l’agosto ‘44, un’altra quarantina di vittime vengono fucilate con modalità sommarie in alcune piazze centrali della città, come piazza Nettuno – che diventa in questo periodo il “posto di ristoro dei partigiani” -, e davanti ai muri del cimitero della Certosa (4).

Caratteristica distintiva di questa serie di fucilazioni è la prevalente logica di rappresaglia nella quale può essere inscritta, sia in risposta ad attentati a esponenti fascisti, come nel caso dell’esecuzione di 8 detenuti politici fucilati il 27 gennaio 1944 (a seguito della uccisione del segretario federale Facchini), sia in conseguenza ad attentati contro militari tedeschi, su decisione del comando delle forze occupanti.
Non mancano i casi di fucilazioni di detenuti condannati come renitenti e di esponenti dell’opposizione politica antifascista.

Significativo è il fatto che nella maggior parte dei casi viene data informazione dell’avvenuta esecuzione, attraverso manifesti murali e/o soprattutto comunicati, specie a cura della Prefettura, sulle pagine del quotidiano bolognese “Il Resto del Carlino”, nei quali vengono riportati in modo dettagliato le generalità dei condannati (5).
L’ultima di queste esecuzioni avviene, fra le poche a non essere pubblicizzata, il 13 dicembre 1944 presso il Poligono di tiro, con il coinvolgimento di quattordici partigiani catturati alcuni giorni prima in seguito alla scoperta di una infermeria clandestina nella quale erano in cura, fra gli altri, parte dei feriti delle battaglie di Porta Lame e della Bolognina.
Proprio il giorno successivo, 14 dicembre, avviene invece la prima di un’altra lunga serie di fucilazioni, con caratteristiche alquanto diverse da quelle del ciclo su menzionato, e che inaugura una fase del tutto nuova, che potremmo definire degli eccidi occultati.

Si tratta della prima esecuzione sul ciglio del calanco di Sabbiuno di Paderno, nella collina bolognese, a cui farà seguito una seconda il 23 dicembre, per un totale di almeno 58 vittime, partigiani e antifascisti prelevati dal carcere di San Giovanni in Monte.
I prelevamenti dal carcere vengono effettuati da militari tedeschi SS, come risulta con chiarezza dai registri, dalle celle del braccio riservato ai prigionieri di loro competenza, con modalità tali da lasciar credere ad un probabile trasferimento verso la Germania, cosa che in effetti avviene per un contingente di diverse decine di detenuti in data 22 dicembre 1944, con destinazione finale Mauthausen.
Le esecuzioni a Sabbiuno di Paderno avvengono segretamente e i corpi delle vittime vengono fatti cadere dalla dorsale della collina nei calanchi sottostanti, e in seguito trascinati verso il basso dalle piogge, per rimanere poi semi-nascosti dalla naturale erosione del terreno fino all’agosto 1945, quando vengono rinvenuti.

Alcuni mesi prima, nel maggio 1945, c’era stato un altro importante ritrovamento, il primo nel suo genere dopo la Liberazione, nei pressi della piccola stazione di San Ruffillo, semidistrutta dai bombardamenti alleati, alla periferia sud di Bologna.
Nelle fosse comuni, ricavate dalle buche prodotte dai bombardamenti aerei intorno alla linea ferroviaria, vengono rinvenuti 96 corpi, per buona parte riconosciuti nei partigiani prelevati in varie date del febbraio e marzo 1945 dalle celle del carcere di San Giovanni in Monte a Bologna.
Anche nel caso delle esecuzioni a San Ruffillo, il registro del carcere testimonia che tutti i detenuti prelevati sono affidati ad appartenenti del comando tedesco SS, con modalità tali da far pensare, ad una deportazione verso il Reich.
E anche in questo caso un reale trasferimento avviene il 28 febbraio di circa 110 detenuti, che dopo una tappa a Verona, arriveranno al lager di Bolzano e lì si fermeranno, sopravvivendo in gran parte.

Il primo prelevamento di prigionieri destinati ad essere fucilati a San Ruffillo avviene il 10 febbraio 1945, sicuramente quello che coinvolge il maggior numero di prigionieri.
Secondo il registro del carcere sono 55 i detenuti che vengono affidati al “Comando tedesco SS”.
Il 10 febbraio è data di prelevamento, ma anche data di ingresso di altri gruppi che verranno fucilati successivamente. Infatti il 20 febbraio i registri del carcere riferiscono di un avvenuto “Rilascio in seguito a ordine comando SS” per sette prigionieri, di cui quattro risultano fucilati a San Ruffillo, mentre gli altri sono liberati.
Altri 5 partigiani registrati il 10 febbraio verrano condotti alla esecuzione in data 1 marzo insieme con altri 5 entrati in varie date e sempre prelevati da soldati del comando tedesco SS.
Passano appena ventiquattro ore, e il 2 marzo, i registri riferiscono di 11 rilasci “in seguito a ordine comando SS”.
Erano entrati in carcere tutti tra il 26 e il 27 febbraio.
La condanna in questo caso viene eseguita quasi immediatamente e la motivazione del rilascio non lascia presagire l’imminente tragedia.
Poi per quasi due settimane il movimento del carcere si riduce al minimo, appena una decina le uscite a vario titolo, sempre però ad opera di militari tedeschi.

Il 16 marzo invece l’attività torna frenetica, sia per i numerosi prelievi che per il positivo esito di una audace evasione di alcuni detenuti (6).
La sorte è invece segnata per un gruppo di 9 partigiani che figurano affidati a generici “agenti tedeschi”, e i cui corpi verranno riconosciuti fra le salme dissepolte a San Ruffillo.
Ultima data in cui abbiamo notizia di un prelevamento di detenuti che sono poi stati fucilati nei pressi della stazione alla periferia di Bologna, è quella del 21 marzo 1945, giorno nel quale il registro riferisce della consegna a “Sottufficiale tedesco SS” di tre prigionieri rinvenuti nelle fosse.

Abbiamo con chiarezza accertato che, in altre date del mese di aprile 1945, altri 39 detenuti furono prelevati dal carcere ad opera di militari SS, e di essi si perde ogni traccia, risultando a tutt’oggi ufficialmente dispersi.
Già nel corso delle nostre prime indagini sull’eccidio di San Ruffillo, ci aveva particolarmente colpito che dei tanti nomi di partigiani dispersi dopo essere stati prelevati nell’aprile 1945 nessuno era mai stato ufficialmente riconosciuto fra le salme ritrovate nelle fosse della stazione, nonostante per taluni si fosse immaginato il coinvolgimento in quell’ eccidio.

Da questa constatazione erano derivati approfondimenti che ci avevano portato ad ipotizzare che alle ultime esecuzioni compiute in marzo a San Ruffillo ne fossero seguite altre, con caratteristiche simili, ma in luogo, o luoghi, diversi, rimasti ancora sconosciuti.
L’accesso alla fonte del registro del carcere tende a confermare questa ipotesi, consentendoci di chiarire il calendario di questi ultimi prelevamenti e l’identità delle vittime.
Il primo di questi eccidi avviene il giorno 4 aprile, data in cui i registri segnalano la consegna ad “Agenti Comando Tedesco SS” di 17 persone, più altre 2 consegnate a “Comando Tedesco SS”, ad oggi tutti dispersi.
Il gruppo più consistente proviene dal comune di Bondeno, in provincia di Ferrara, dove un rastrellamento delle brigate nere porta all’arresto, nella frazione di Burana, di un gruppo di attivi sappisti locali, a metà del febbraio 1945.

Tradotti inizialmente nel carcere dì Finale Emilia, dal 16 marzo risultano entrati a San Giovanni in Monte.
Sempre il 4 aprile, vengono prelevati 3 partigiani attivi a Malalbergo, arrestati all’inizio di marzo.
Nella stessa data escono dal carcere anche altri attivi membri della Resistenza cittadina bolognese e della provincia come Remo Nicoli, che dal dicembre 1944 aveva assunto il comando della brigata garibaldi “Irma Bandiera”, fino all’arresto, nella sua base di via Bertiera, avvenuto il 13 marzo.

Sul registro figurano anche le firme di uscita di due partigiani provenienti dalla montagna modenese, arrestati il 13 marzo 1945 in un rastrellamento a Montalto, e di un gappista di Crespellano, arrestato il 28 febbraio. Risulta inoltre affidato ai militari tedeschi anche un certo Righi Gigino, di Forlì, probabile falsa identità dichiarata da Rossi Ivano arrestato il 15 marzo. Infatti Righi Gigino risulta sconosciuto nell’anagrafe di Forlì e Gigino era il nome partigiano di Rossi che tra l’altro, per effetto del suo lavoro, aveva vissuto proprio nella cittadina romagnola.
Da rilevare come tutti i 19 prelevati del 4 di aprile risultano entrati in carcere dal 14 marzo in avanti.

Secondo i registri di San Giovanni in Monte le altre due date certe di prelevamenti in aprile sono il 9 e il 17, otto i partigiani prelevati nella prima data e dispersi, dodici nella seconda.
La lettura di questa ultima serie di dati risulta tuttavia complicata dal fatto che, parallelamente all’avvio dei condannati all’eliminazione in luogo sconosciuto, da parte tedesca inizia una differente gestione della popolazione dei detenuti.
Se fino alla fine di febbraio l’alternativa era ancora fra segreta fucilazione e deportazione, dal mese di marzo, quando per l’evolversi della situazione militare questa opzione ormai non è più praticabile, si era cominciato ad inviare gruppi di lavoro forzato nelle zone ove si svolgevano opere di fortificazione.
Un gruppo di prigionieri avviati a compiti di posa delle mine dopo essere stati affidati ad “agenti tedeschi” è sicuramente rintracciabile già nelle registrazioni del 22 marzo (7).

Ma è soprattutto la giornata del 9 aprile ad essere particolarmente indicativa di questa nuova esigenza nella gestione dei prigionieri, in quanto gruppi di detenuti diversi, prelevati a poche ore di distanza, sono destinati il primo all’utilizzo per lavori verso la linea del fronte, il secondo invece condotto alla eliminazione (8).
Il primo gruppo, di quasi una ventina di detenuti, risulta affidato ad “agenti tedeschi”, l’altro al “comando tedesco SS” e include 8 partigiani provenienti da Sala Bolognese e da altre località della provincia.
Dopo i prelevamenti del 9 aprile i movimenti del carcere diventano per alcuni giorni quasi inesistenti, poi il giorno 17 inizia l’ultima grande operazione del comando tedesco SS che entro il 19 porterà praticamente al suo completo svuotamento.

Di tale decisione troviamo eco in un un rapporto inviato a “Dario”, comandante del CUMER, circa una riunione svoltasi presso il comando SS pochi giorni prima della Liberazione, durante la quale fra le varie misure da adottare in vista dell’arrivo degli alleati in prossimità della città, il capitano delle SS Hugo Gold avrebbe affermato che “tutte le carceri devono essere pulite; è stato deciso di inviare i detenuti di San Giovanni in Monte a vari campi di lavoro. Solo per i detenuti politici di una certa importanza si è provveduto altrimenti”.(9)
Nel giorno 17 aprile i registri del carcere riferiscono del prelievo di 142 detenuti, in parte affidati ad “agenti tedeschi”, in parte a “comando tedesco SS”; fra questi il gruppo dei 12 dispersi.

Altri 95 detenuti verranno prelevati ad opera del “comando tedesco SS” il giorno 19 e, da quanto risulta, sono tutti sopravvissuti.
Ricorda Gabriele Boschetti, detenuto nell’infermeria del carcere, che nel pomeriggio del 17 aprile “arrivarono le SS che vuotarono le celle della loro sezione e divisero i prigionieri in due gruppi, uno dei quali composto da quattordici partigiani (…) tutti gli altri furono trasferiti temporaneamente, mi si disse, alla caserma dell’artiglieria in Viale Panzacchi, dalla quale avrebbero dovuto essere portati oltre il Po”(lO).
Il tentativo di trasferire verso nord almeno una parte dei prigionieri usciti il 17 aprile sembra confermato da alcune altre testimonianze, secondo le quali tuttavia l’impresa fallisce grazie ad un provvidenziale bombardamento aereo sulla colonna in marcia che offre agli ex-detenuti l’opportunità di fuggire”.(11)

Nel gruppo degli ultimi 12 condannati a morte, ad appena 4 giorni dalla Liberazione, è innanzitutto da segnalare la probabile presenza di Adelfo Maccaferri (Brunello) vice comandante della 63.a brigata “Bolero” Garibaldi, forse il partigiano bolognese più ricercato, ma che al momento della cattura, avvenuta nel Marzo 1945 a Castelcampeggi di Calderara di Reno non viene evidentemente identificato e si dichiara alla matricola del carcere con il nome di persona nata e residente a Forlì, ma in realtà sconosciuta all’anagrafe di quella città.
Con lui era stato arrestato Ottavio Serra, registrato con le sue vere generalità subito dopo il numero di matricola del detenuto proveniente da Forlì.

In totale quindi risultano a tutt’oggi dispersi, dopo essere stati prelevati nelle tre date di aprile, 39 detenuti.
Dispersi dove?
Quale può essere stato l’ultimo teatro di segreta fucilazione, dopo Sabbiuno di Paderno e San Ruffillo, nel quale sono rimaste nascoste le spoglie degli ultimi contingenti di prigionieri ritenuti “degni di morte”?
L’interrogativo ci ha accompagnato per molti anni, senza risposta, fino a quando, a margine di una commemorazione dell’eccidio di San Ruffillo, un ex-partigiano ci ha segnalato alcuni vecchi articoli di stampa locale.

Rastignano di Pianoro, maggio 1974

“Ieri durante i lavori di scavo per fare le fondamenta di un nuovo ed a Rastignano di Pianoro, in via Don Minzoni, le ruspe hanno portato alla luce i resti di 17 persone sepolte in quel luogo, con ogni probabilità durante l’ultima guerra. Stando ai primi accertamenti, sembra che si tratti di persone passate per le armi. Sugli scheletri infatti, sarebbero stati trovati i segni lasciati da pallottole di mitra. Nei pressi del luogo del triste rinvenimento, c’era un comando delle truppe tedesche. Il fronte, come è noto, nell’inverno del 1944 si trovava a pochi chilometri di distanza”.

Così riferiva il quotidiano L’Unità del 14 maggio 1974, commentando la casuale scoperta compiuta dagli operai di una impresa edile nel corso dei lavori di scavo per le fondamenta di una palazzina nella località Il Pero, a Rastignano, la prima frazione del comune di Pianoro che si incontra lasciando il quartiere San Ruffillo di Bologna, poco dopo il ponte sul torrente Savena.
L’area interessata era in un piccolo lotto di terreno sulla Via Don Minzoni, una corta strada che corre parallela fra la statale della Futa, da un lato e la massicciata della ferrovia Bologna-Firenze dall’altro, in quel tratto molto rialzata.

Avvisate le autorità competenti i lavori di scavo vennero temporaneamente sospesi per consentire le prime indagini e l’esumazione degli scheletri rinvenuti, eseguita la quale, ripresero alla ricerca di eventuali altre fosse adiacenti. Ed infatti, a pochi metri ne apparve una seconda, più piccola.

“Proseguendo negli scavi di via Don Minzoni, alla periferia dì Rastignano, in comune di Pianoro, gli operai della impresa che deve preparare le fondamenta di un nuovo ed hanno recuperato, presenti i carabinieri di Pianoro, altri sei scheletri. Da un primo esame anche questi sembra siano stati uccisi e buttati in una fossa comune dalle truppe tedesche che a poca distanza dal luogo del ritrovamento avevano un loro comando. Sono state reperite ossa perforate e fratturate da proiettili, presumibilmente di mitragliatrice. Anche in questo secondo rinvenimento gli scheletri apparterebbero a civili. Sono stati trovati vari bottoni, un orologio da polso, nessuna piastrina di riconoscimento o altri oggetti utili alla identificazione delle vittime della ferocia nazista”. (12)

In totale vennero quindi rinvenuti ventitré scheletri, ad alcuni metri di profondità nel terreno, che raccolti in 9 scatole furono inviati all’Istituto di Medicina Legale di Bologna.
Esauritasi ormai la cronaca dei ritrovamenti, nei giorni successivi Il Resto del Carlino e L’Unità continuarono, nelle loro pagine locali, ad occuparsi della vicenda nel tentativo di fornire qualche ipotesi plausibile circa il contesto dell’eccidio. Alcuni elementi interessanti scaturirono da interviste che i giornalisti riuscirono ad avere con gli ex-proprietari del fondo e con altri residenti della zona.

“Le fosse comuni scoperte per caso a Rastignano non sono altro che voragini prodotte dalle numerosissime bombe sganciate nel 1944 nei pressi della linea ferrata. Alcune buche vennero richiuse mentre gli abitanti del luogo erano sfollati a Bologna. Dopo la liberazione, gli abitanti della zona tornarono alle loro case, ma nessuno fece caso alle voragini richiuse. Non le aveva notate neanche Umberto Colombari, il contadino padrone del podere “Fornacina” sul quale erano cadute quelle bombe. La scoperta degli altri scheletri fa pensare che nella zona sia avvenuto un vero e proprio eccidio: tutto fa ritenere infatti che gli altri lavori di scavo faranno rinvenire altre decine di resti. Chi sono gli uomini e le donne trucidati ? Quasi sicuramente civili, visto che le scarpe le fibbie e tutto ciò che é stato trovato fra gli scheletri sono resti di abiti civili e non di divise militari (…) Don Giorgio Serra parroco anche nel 1944 della parrocchia di Rastignano, ha escluso che si tratti di gente della zona “i nostri morti – ha detto – sono stati tutti ritrovati e seppelliti assieme agli altri caduti”. Le ventitré persone trucidate saranno probabilmente state portate a Rastignano da altre località e lì giustiziate con colpi d’arma da fuoco sparati a bruciapelo alla testa, come dimostrano eloquentemente i fori nella calotte craniche fin qui rinvenute.”(13)

Sulla possibile identità delle vittime invece gli orientamenti dei due quotidiani si andarono differenziando, evocando scenari alquanto diversi.
Da un lato Il Resto del Carlino metteva in grande risalto una serie di articoli con i quali si tendeva ad accreditare la strage come l’esecuzione di alcuni civili dispersi abitanti nella zona e di un gruppo di piloti alleati tenuti prigionieri in un comando tedesco SS che durante l’estate-inizio autunno 1944 era insediato proprio in una villa che sorgeva vicino al luogo di rinvenimento della strage.
Con minor enfasi, ma forse con maggior realismo, l’Unità suggeriva invece un ponte tra i ritrovamenti delle nuove fosse e i partigiani ancora dispersi dopo il prelevamento dal carcere di San Giovanni in Monte nell’ultimo periodo bellico proponendo, sia pur nei limiti delle poche informazioni disponibili, un parallelo con l’eccidio di San Ruffillo.
E in verità gli elementi comuni fra i due tragici avvenimenti apparivano significativi.

“Intanto la macabra “tecnica” dei massacri aperti sui crateri delle bombe d’aereo usata dagli assassini della “brigata nera” e della SS; alla stazione di San Ruffillo infatti, decine e decine di partigiani ed ostaggi furono buttati nella fossa comune nel Febbraio e seppelliti senza che alcun testimone civile avesse potuto essere presente o vedere: solo con il bombardamento a tappeto dell’Aprile, che segnò l’inizio dell’offensiva finale, la terra venne nuovamente sconvolta, mettendo a nudo l’orribile carneficina.

Dall’elenco dei prelevati dal carcere, sempre in quei giorni, mancano da trent’anni altre decine di partigiani, un folto gruppo dei quali portati via a bordo di camion. Le buche di Rastignano sono distanti pochi chilometri da San Ruffillo e tale elemento ha suggerito ai compagni la possibile eventualità che le varie fosse siano legate dall’unico terribile filo dell’atrocità nazifascista”. (14)
L’ipotesi che i resti umani rinvenuti nel 1974 a Rastignano siano quelli di detenuti prelevati da San Giovanni in Monte scaturì dunque già in quei giorni fra gli ex compagni di lotta e di carcere, alcuni dei quali si recarono ad esaminare i resti e gli oggetti rinvenuti, nella speranza di poter fornire qualche informazione utile. Ma invano: nessuna identificazione ufficiale fu possibile, l’inchiesta venne archiviata e l’eccidio venne di fatto dimenticato.

Seguendo tuttavia il filo di quella suggestione va rilevato come alla luce dell’esame dei registri del carcere la possibilità che si tratti almeno in parte di contingenti di detenuti prelevati nel corso dell’aprile 1945 appaia del tutto verosimile.
E’ vero, non c’é complessivamente una perfetta coincidenza fra il numero degli scheletri ritrovati a Rastignano e il numero dei partigiani rimasti dispersi nelle tre date, ma questa differenza potrebbe derivare dal mancato ritrovamento di parte delle vittime dell’eccidio.
Il lotto di terreno nel quale fu effettuato lo scavo delle due fosse fu probabilmente l’ultimo ad essere costruito.
Potrebbero esserci altre fosse rimaste ignote nelle proprietà confinanti, già edificate, che quindi non fu possibile cercare. Oppure in una delle date di prelevamento potrebbe essere stato scelto dagli esecutori tedeschi un diverso luogo di strage, ad una distanza più o meno grande da quello in oggetto.

Non esistono oggettivamente elementi sufficienti, sulla scorta delle informazioni attualmente disponibili, né per confermare né per smentire l’attendibilità di quella ipotesi. Noi ci limitiamo a segnalarla come degna di estremo interesse auspicandone se possibile un ulteriore approfondimento.
L’analisi dei registri del carcere di San Giovanni in Monte ci ha dunque consentito, attraverso l’integrazione con altre fonti, una ricostruzione pressochè completa dell’elenco delle vittime dei vari eccidi di detenuti compiuti in diverse località bolognesi a partire dal dicembre 1944.
Complessivamente almeno undici esecuzioni che nel corso degli ultimi cinque mesi di occupazione tedesca hanno coinvolto circa duecento prigionieri; undici episodi legati da una tragica continuità e da una sostanziale omogeneità nei modi di attuazione, che inducono a considerare il complesso di quegli avvenimenti in modo unitario, riferendoci ad essi come agli “eccidi di San Giovanni in Monte”, poiché se diverse sono state le mete di quei fatali ultimi trasferimenti, certamente unico ne è stato il luogo di partenza.

Sui criteri di scelta dei diversi teatri di strage si possono immaginare una serie di ragioni, attinenti in primo luogo alla possibilità di un rapido occultamento delle vittime, alla sicurezza e alla segretezza dell’esecuzione.
La decisione di trasferire dalla collina alla periferia cittadina la sede delle fucilazioni potrebbe rispondere all’esigenza di operare in una zona più facilmente accessibile nell’avanzata stagione invernale, in presenza di abbondanti nevicate.
Quella di spostare in altro luogo ancora le esecuzioni dei prelevati in aprile potrebbe giustificarsi con l’eventuale saturazione dei crateri disponibili, oppure con l’avvenuto bombardamento degli stessi.
La scelta di Rastignano, se trovasse conferma l’ipotesi del suo utilizzo per almeno parte delle ultime fucilazioni, appare così perfettamente coerente: zona isolata, caratterizzata dalla presenza di numerosi crateri fra la strada e i resti della massiciata ferroviaria, e di alcuni edifici o ruderi, da utilizzare eventualmente in appoggio alle esecuzioni. (15)

Continuità dunque nelle caratteristiche organizzative degli eccidi, e nei criteri di scelta dei luoghi in cui attuarli ed occultarli. Prima ancora, continuità nei criteri della attenta selezione che veniva effettuata all’interno dei nuovi contingenti di arrestati e rastrellati in arrivo al carcere del capoluogo dalle varie caserme di polizie della RSI e dagli altri carceri minori della provincia e oltre, con la quale si tendeva a distinguere fra i membri attivi del movimento resistenziale e quelli che rimanevano classificati come semplici simpatizzanti, destinati in genere alla deportazione. Di fatto il profilo di coloro che dall’inverno vengono destinati alla segreta esecuzione non differisce molto da quello che nei mesi dell’estate-autunno 1944 caratterizzava i detenuti i cui nomi entravano nelle liste di “decimazione” da utilizzare nelle rappresaglie.

Cambiano semmai le proporzioni. Dalla fine della primavera del 1944 all’autunno inoltrato funziona infatti la cosiddetta “operazione-carceri” che in tutta l’Italia occupata provvede a svuotare periodicamente le prigioni dai detenuti politici, deportati verso i lager del Reich per essere utilizzati come manodopera per l’industria chimica e degli armamenti. (16)
Ne rimangono esclusi quei partigiani ed esponenti più in vista dell’opposizione politica che vengono condannati a morte dai tribunali speciali o utilizzati direttamente come ostaggi per le rappresaglie.

Quali sono invece dall’inverno 1944 le percentuali dei condannati a morte e dei deportati rispetto al totale dei detenuti bolognesi? I dati in nostro possesso sulla popolazione carceraria maschile in entrata a San Giovanni in Monte fra i primi giorni del dicembre 1944 e la Liberazione sono incompleti circa i movimenti di gennaio; tuttavia una stima realistica per quel periodo può indicare in non meno di 1450 i detenuti in entrata, a fronte dei quali risultano documentati i circa 200 nominativi delle vittime delle varie esecuzioni e i circa 150-200 deportati fra il 22 dicembre 1944 e il 28 febbraio 1945 (17).

Questi dati tendono però a far sottostimare la severità della selezione avviata dalle SS sui nuovi gruppi di politici in ingresso da dicembre. Se infatti consideriamo il campione di detenuti entrati dopo arresti e rastrellamenti fra il 10 gennaio 1945 e il 10 marzo successivo, data dell’ultimo ingresso di detenuti poi uccisi a San Ruffillo, verifichiamo come la percentuale di “candidati alla morte” sia maggiore: su 230 circa ingressi, 80 vengono deportati il 28 febbraio, 80 avviati alle fosse, i restanti 70 liberati, di cui però più di 40 solo dopo il 19 aprile.

E’ significativo inoltre il fatto che le due ultime deportazioni da Bologna di detenuti politici siano avvenute proprio il giorno prima di una esecuzione, a riprova della stretta relazione fra le due pratiche repressive, per le quali, all’interno del medesimo contingente esaminato, venivano destinati prigionieri di diversa “qualità”.
La vicinanza delle date di deportazione e di quelle di esecuzione tende inoltre ad escludere che la situazione di sovraffollamento del carcere – peraltro documentabile per il mese di dicembre, ma non per quelli successivi, fino ad almeno la fine di marzo – possa essere stata di incentivo agli eccidi.
La lettura dei registri consente anche di verificare come i movimenti di detenuti in uscita, al di là delle date di esecuzioni, di deportazioni e, più tardi, di invio ai lavori forzati, siano veramente minimi e quasi esclusivamente affidati a militari tedeschi: tra il 10 febbraio e il 19 aprile i prigionieri rimessi in libertà o affidati ad agenti di polizia o della GNR sono quasi una trentina.

Aussenkommando Bologna

Ma chi materialmente effettuava la selezione dei detenuti? Chi decideva le condanne a morte? Era nella sede del comando SS di Bologna che, secondo Cipriano Tinti, responsabile del servizio informazioni del CUMER fino al suo arresto, nel dicembre ‘44, e in seguito a sua volta detenuto a San Giovanni in Monte fino quasi alla Liberazione, “un tribunale composto da tre ufficiali decideva della sorte dei catturati”. (18) Tinti non ci dice di più, ma la sua indicazione, per quanto generica, appare verosimile.

Chi potrebbero essere i tre ufficiali indicati da Tinti? Il comando SS bolognese non è mai stato oggetto di studi specifici, e manca per il momento una ricostruzione precisa del suo organigramma. Secondo Klinkhammer, nell’aprile 1945 il distaccamento disponeva ancora di 70 impiegati, tra i quali 38 militari SS: 6 ufficiali, 23 sottufficiali e 9 soldati. (19)
E’ ben noto invece che fu in una palazzina al n.6/2 di Via S. Chiara – una tranquilla strada residenziale situata al margine del grande parco cittadino dei Giardini Margherita, fra l’altro a poca distanza da San Giovanni in Monte – che, fino alla notte precedente l’arrivo degli alleati, rimase insediato il comando distaccato del Comandante della Polizia di Sicurezza e del Servizio di Sicurezza (SD), Befehlshaber der Sicherheitspolizei und des Sicherheitdienst, cioè l’Aussenkommando Bologna.

Alla sua direzione, da una data imprecisata dell’estate 1944, viene nominato l’SS Hauptsturmfuhrer (capitano) Hugo Gold, nato a Mammendorf, il 7.10.1894. Con questo nuovo incarico a Gold veniva data l’opportunità di mettere a frutto l’esperienza acquisita prima presso l’Aussenkommando di Genova, dove fino al febbraio ‘44 era stato vice di Engel come responsabile della sezione IV e V (Gestapo, Kripo), e in seguito presso il distaccamento di Firenze, dove avendo ricoperto le stesse mansioni, si era ritrovato a lavorare a fianco della “banda Carità”(20).

Con l’arretramento del fronte e la liberazione del capoluogo toscano, molti membri dell’Aussenkommando di Firenze vengono ridislocati in parte a Parma, in parte a Bologna. Fra questi l’SS-Obersturmfuhrer (tenente) Karl Weissmann, austriaco, uno degli ufficiali che, secondo gli elementi emersi fino ad ora, ha sicuramente rivestito funzioni di responsabilità nella direzione della IV sezione, della Gestapo, alla quale era demandata, secondo il preciso schema di organizzazione del lavoro comune a tutti i distaccamenti Sipo-SD, la funzione di repressione anti partigiana. (21)

Secondo alcune fonti, molti componenti dell’organico SS bolognese, come già a Firenze, erano di origine alto-atesina. Fra questi probabilmente anche il sergente Hermann Prader. Nonostante il suo nome non ricorra in alcuna delle tantissime testimonianze rilasciate dopo la guerra da ex-resistenti transitati nelle stanze di interrogatorio del comando SS o del carcere cittadino, la sua figura viene dipinta come simbolo di ferocia nelle pagine del Giornale dell’Emilia dell’agosto 1946, quando ne viene annunciato l’avvenuto riconoscimento, da parte del capitano Galli dell’ufficio politico della questura bolognese, fra gli internati del campo di prigionia di Rimini.

“Il Prader, spietato e feroce come pochi, era inviso ai suoi stessi commilitoni; egli dopo aver soppresso le sue vittime, le spogliava degli oggetti di valore che poi rivendeva in città”; per queste sue doti “era chiamato dai tedeschi “leichenflederer”, cioè: iena.” (22)
Ma ciò che rende particolarmente interessante la sua biografia, è il fatto che, sempre secondo il giornalista del quotidiano bolognese, “era lui che provvedeva a prelevare dalle carceri di San Giovanni in Monte gli appartenenti alle forze della resistenza; era lui che ordinava, spesso eseguendole, le fucilazioni. Era diventato a suo tempo, il terrore di Bologna.” (23)

Negli stessi articoli in cui si sottolineava il presunto ruolo di Prader nella gestione delle esecuzioni di detenuti, si informava anche della attiva ricerca di un altro ufficiale SS ritenuto coinvolto in molte violenze contro prigionieri partigiani, il tenente Wemer Haftmann.
Quelli di Gold, Weissmann e Haftmann sono dunque fra i nomi più probabili dei componenti l’organismo di selezione che all’interno dell’Aussenkommando di Bologna decideva della sorte dei nuovi detenuti in entrata sotto la giurisdizione tedesca SS. Prader forse ne era solo un fedele ed entusiasta esecutore. Ma quelle specifiche responsabilità rimangono interamente da verificare. Ugualmente, rimangono da approfondire anche le precise competenze e articolazioni territoriali dell’Aussenkommando Bologna, e le loro progressive modifiche nel tempo. Sappiamo infatti che dal distaccamento bolognese dipendevano anche gli Aussenpost, sezioni locali, di Modena e Ferrara. E proprio a Ferrara è da segnalare un episodio, che fino ad ora è stato considerato nel suo contesto locale, ma che invece alla luce di quanto è emerso in merito agli eccidi di San Giovanni in Monte, si configura come una possibile anticipazione, su scala minore, di quei tragici avvenimenti.

All’alba del 17 novembre 1944 nel carcere di via Piangipane, situato nel centro del capoluogo estense, vengono prelevati da militari SS un gruppo di 7 prigionieri politici, già appartenenti alla dirigenza della Resistenza ferrarese, lì imprigionati dopo gli arresti avvenuti fra il settembre e l’ottobre precedenti. Sul registro dei detenuti, accanto a ciascuno dei loro nomi, compare la dicitura “inviato in Germania per il lavoro”. Dal gruppo dei sette manca il nome di Carlo Zaghi, depennato all’ultimo momento per intervento del prefetto Altini, come risultato delle coraggiose azioni intraprese dalla moglie del prigioniero. Ed è Carlo Zaghi, sopravvissuto dopo essere stato trasferito nel carcere di Padova, che molti anni dopo in un’opera autobiografica ricostruirà gli eventi di quel giorno. (24)

Dopo il prelevamento i sette detenuti vengono fatti salire su un torpedone messo a disposizione dalla Questura, che lasciato il centro del capoluogo imbocca la statale Ferrara-Venezia, per fermarsi però solo a pochi chilometri, nei pressi del Caffè del Doro, chiuso e disabitato. L’area era stata preventivamente circondata da un reparto di SS italiane, per chiuderne gli accessi. Ad una cinquantina di metri dalla strada, in mezzo a un campo, si trova un vasto cratere. I detenuti vi vengono condotti ed uno alla volta uccisi con un colpo di pistola alla nuca, la cui eco viene attutita dal motore mandato su di giri. Dopo, appena un velo di terra, che sarà tuttavia sufficiente a nascondere i corpi fino all’estate del 1945, quando proprio l’autista del torpedone, un italiano impiegato dalle SS in quella mansione, dopo la sua cattura vi accompagnerà le autorità. Nell’agosto del 1945 si terrà il processo, nel corso del quale oltre alle responsabilità dei funzionari di polizia fascisti nella gestione della fase precedente il prelievo, si appurerà che a premere il grilletto della pistola di esecuzione vi era quel giorno un certo Gustavo Pustowska, maresciallo SS, appositamente giunto dal comando SS di Bologna, dove “operava”.

Annota il Zaghi come “fino allora le esecuzioni di detenuti politici arrestati in Ferrara e provincia dagli organi della polizia repubblichina erano prerogativa esclusiva di dette autorità, che prelevavano, arrestavano, fucilavano in piena autonomia, senza chiedere il permesso a nessuno. (…) Con l’eccidio di Caffè del Doro si cambia tattica. I detenuti vengono affidati dalla Questura al braccio secolare della Germania nazista: cioè le SS, abituate da sempre ad andare per le spicce e a considerare eccessivi gli scrupoli giuridici formali e burocratici delle pubbliche autorità fasciste”. (25)

Si conferma dunque, al di là di ogni dubbio, il ruolo di primo piano avuto dall’Aussenkommando Bologna nella pratica dei prelievi di prigionieri dal carcere da destinare poi a segreta fucilazione e non solo nell’ area bolognese, ma in tutto il territorio di sua competenza. Tale ruolo, sebbene già noto ai tempi dei ritrovamenti delle fosse di San Ruffillo, non sembra essere stato oggetto di specifiche inchieste giudiziarie o di polizia di una qualche rilevanza. Siegfried Friederich Engel, in qualità di comandante dell’Aussenkommando di Genova, per gli efferati eccidi che da quella sede furono organizzati (26), e Theodor Saevecke, come comandante dell’SD a Milano, per la fucilazione di 15 detenuti antifascisti il 10 agosto 1944 a Piazzale Loreto (27), sono stati processati e condannati appena pochi anni or sono. Né Hugo Gold, che nell’Aussenkommando di Bologna rivestiva le stesse responsabilità direttive svolte da Engel e Saevecke, né alcuno dei suoi sottoposti, sono stati processati, né ormai lo saranno.

Riteniamo tuttavia importante che questi temi possano essere oggetto di ulteriori approfondimenti non tanto per arrivare a stabilire le eventuali singole responsabilità giuridiche quanto per chiarire meglio il contesto nel quale quelle esecuzioni si resero possibili, la logica nella quale comprenderle, gli ordini e la catena di comando attraverso cui vennero decise ed attuate. Siamo fino ad ora riusciti a meglio illuminare quegli eventi, le loro vittime, forse gli autori, ma ancora molto lavoro rimane da fare intorno alle possibili cause.

Dalla rappresaglia allo sterminio

Un primo contributo in tale direzione parte da una constatazione: gli eccidi di San Giovanni in Monte rappresentano, nel panorama della gestione dei detenuti politici nella RSI durante il periodo posteriore all’autunno 1944, un caso probabilmente eccezionale, sia in termini quantitativi che, soprattutto, per la sistematicità con cui vennero praticati. Casi di eccidi di detenuti che non siano giustificabili all’interno di una logica di rappresaglia o come esecuzione di condanne da parte di tribunali speciali, sono riscontrabili in tante altre località del nord occupato nel medesimo periodo, ma in genere rimangono eventi abbastanza isolati, ad eccezione forse solo dei massacri perpetrati nella Zona d’operazione Litorale Adriatico, fra Trieste e l’Istria, in una situazione dunque non direttamente confrontabile.

Ciò che sembra verificarsi nel territorio bolognese si configura come un passaggio da una fase caratterizzata dal binomio deportazione-rappresaglia ad una fase invece nella quale assistiamo ad una radicalizzazione di una logica di silenzioso sterminio, dove, fin quando possibile, la deportazione continua ad integrarsi.
Ma se nell’ultimo inverno di guerra, a fronte della preziosa occasione offerta dall’arresto della spinta militare alleata sull’Appennino, i caratteri di un generale inasprimento della politica repressiva tedesca nei confronti delle formazioni partigiane tendono ovunque a connotarsi con metodi sempre più brutali, nello specifico caso di Bologna, quel processo di radicalizzazione delle procedure di sistematica ma nascosta eliminazione si accompagna invece ad una sostanziale cessazione delle rappresaglie e delle altre forme di esecuzione.

L’approfondimento delle possibili cause di tale nuovo indirizzo nelle politiche punitive adottate nei confronti degli appartenenti alle bande catturati, non può a nostro avviso non tenere conto anche della particolare situazione politica che dal novembre 1944 si verifica a Bologna in conseguenza del nuovo comando militare tedesco di operazioni assunto dal generale Von Senger.

L’anomalia Von Senger

Il generale Frido Von Senger und Etterlin giunge a Bologna verso la fine dell’ottobre 1944 al comando del XIV corpo corazzato, dislocato a difesa del settore a sud del capoluogo. Ufficiale della Wehrmacht per molti aspetti anomalo, di tradizioni aristocratiche e cattoliche, di sentimenti anti-hitleriani, con amici nella cerchia degli alti ufficiali che attenteranno alla vita del Fuhrer, Von Senger è però un brillante stratega, protagonista della strenue difesa di Cassino, e questo gli sarà sufficiente, insieme alle indubbie doti diplomatiche, a mantenere il suo ruolo di comando fino alla fine, nonostante i vari tentativi di Hitler di farlo destituire. Critico verso i “metodi spicci” del suo predecessore, Von Senger ritiene “quello di pacificare e governare Bologna (…) un problema politico di primo ordine”. “Così delicato – annota nelle sue memorie – che mi autonominai comandante della città di fatto, se non di nome, stabilendo entro il suo perimetro un mio ufficio (28), al quale assegna un ufficiale di fiducia.

Ma il suo stile moderato, dovrà ben presto misurarsi con una situazione d’ordine pubblico sempre più incandescente: dopo le battaglie di porta Lame e della Bolognina, dopo il proclama Alexander, è in pieno svolgimento la controffensiva antipartigiana, caratterizzata da un crescendo terroristico ad opera dei reparti armati di polizia fascista, e in special modo delle brigate nere, animate dalla guida estremista di Franz Pagliani.

Alla fine di novembre l’uccisione di quattro noti professionisti antifascisti – i cui corpi vengono fatti trovare in strada, mentre un quinto scompare – provoca lo sdegno generale e innesca una serie di interventi da parte dell’ala più moderata dell’amministrazione civile e politica bolognese che daranno infine a Von Senger l’occasione per un intervento decisivo. Il giorno 21 dicembre 1944 si trovano infatti convocati in prefettura il Capo della Provincia, il Questore, un rappresentante del comando della GNR e il federale Torri, ai quali viene chiesto conto degli ultimi gravi episodi di violenza, fra cui anche l’esecuzione sommaria di 9 disertori della GNR. Insoddisfatto delle risposte evasive ricevute e approfittando delle affioranti divisioni all’interno della dirigenza di Salò, Von Senger, dopo aver chiesto di individuare e punire i responsabili delle violenze, decreta l’immediato assoggettamento operativo di tutti i reparti armati di polizia fascista al comando tedesco, ed ottiene, come avverrà formalmente dal gennaio, l’allontanamento della brigata nera mobile “Pappalardo”, del suo comandante Franz Pagliani, del federale Torri, e del questore Fabiani.

Il successo della manovra politica di Von Senger sul versante fascista è indubbio, e i suoi effetti misurabili: a partire dalla fine di dicembre le pratiche di esecuzioni sommarie ad opera di reparti fascisti vanno praticamente esaurendosi. Uniche eccezioni, le uccisioni di alcuni partigiani per lo più in scontri a fuoco nel corso di operazioni di arresto, e il ritrovamento, verso la fine di marzo, nella centrale via Falegnami, dei corpi seviziati di due partigiani tratti in arresto da brigatisti neri pochi giorni prima. Anche le esecuzioni al Poligono di tiro, dopo quella del 13 dicembre, si fermeranno, fino al 18 aprile quando, dopo un processo a cui si decide sia conveniente dare grande risalto politico, sei componenti il comando della brigata socialista “Matteotti” cittadina, arrestati insieme a molti altri verso la fine del mese precedente, vengono condotti di fronte al plotone di esecuzione.

Ma parallelamente alla partita sul versante fascista ne viene giocata un’altra, non meno delicata e gravida di conseguenze, sul versante tedesco, come ci viene riferito dallo stesso Von Senger, il quale ricorda che “a Bologna l’abituale antipatia tra le forze armate e le SS era particolarmente acuta.” Più in particolare, “il servizio di sicurezza era, come ovunque, la massima autorità di polizia. Ma Bologna era zona d’operazioni, per cui, in base alle leggi in vigore, tutto doveva dipendere dai comandi militari. Un’affermazione dell’autorità militare in questo senso era impossibile, data la situazione. Il capo del servizio di sicurezza distaccato a Bologna rivestiva il grado di capitano ma non dipendeva in alcun modo da me, anzi si considerava investito di una autorità pari alla mia.” Il tentativo di Von Senger sembra essere stato dunque quello di far valere le sue prerogative in materia di repressione alle bande previste dagli accordi fra Kesserling e Wolff nell’estate 1944, in base alle quali la direzione della repressione anti partigiana nelle fasce costiere e nelle zone d’operazioni dell’immediato retro fronte spettava ai comandi d’armata della Wehrmacht e non ai distaccamenti SiPo-SD, come invece era previsto per il restante territorio occupato. (29)

Non conosciamo nel dettaglio i contenuti della trattativa che a un certo punto deve essersi avviata fra Hugo Gold e Von Senger, e che presumibilmente ha investito anche i livelli più alti dei rispettivi comandi; i toni che traspaiono dal racconto del generale sembrano tuttavia alludere ad un confronto molto aspro: “dell’ostilità delle brigate nere non mi importava gran che (…) più pericoloso era invece il peggioramento dei miei rapporti con il servizio di sicurezza tedesco, conseguenza diretta del provvedimento preso nei confronti del federale e del professore”, poiché l’esito di quell’intervento aveva significato “una disfatta dello stesso servizio di sicurezza”. Un confronto reso ancor più difficile dal fatto che l’azione di Von Senger, secondo la sua testimonianza, avrebbe voluto incidere in modo significativo nella gestione della politica di ordine pubblico dell’area del suo comando, secondo i seguenti principi: “per quanto riguardava i criminali italiani, lì affidavo di preferenza alle autorità italiane perché li giudicassero e condannassero; (…) quando si trattava di attentati diretti contro le truppe di occupazione tedesche, disposi che i colpevoli venissero giudicati da regolari tribunali.” Ma certamente una delle frizioni più gravi proviene dal tentativo del generale “di togliere al servizio di sicurezza qualsiasi ingerenza nelle misure di sicurezza riguardanti le truppe dislocate nello spazio di Bologna e di limitare la sua attività alla sorveglianza e alla scorta dei prigionieri civili che dovevano lasciare la zona”.

E chi erano quei “prigionieri civili” in procinto di “lasciare la zona” se non proprio quei detenuti politici e partigiani destinati alla deportazione verso il Reich, la cui partenza dal carcere risultava documentata, essendo stato ciascuno “affidato a comando tedesco SS”, ma il cui effettivo arrivo rimaneva al di là di ogni possibile controllo? Ecco dunque delinearsi la zona d’ombra, lo spazio che la pur volenterosa opera di pacificazione non poteva, e non doveva, in alcun modo illuminare, e che rimaneva invece territorio di esclusivo arbitrio dell’Aussenkommando Bologna. Fu in quella zona d’ombra che nel corso degli ultimi cinque mesi dì occupazione tedesca scomparvero circa 200 uomini della resistenza bolognese ed emiliana.

Note

l) A questo lavoro rimandiamo in particolare per le biografie dei caduti delle fosse di San Ruffillo, il loro ruolo nella Resistenza e le vicende che ne hanno determinato la condanna a morte, materiale che, per quanto in futuro speriamo di riprendere con ancora maggior approfondimento e completezza, non rappresenta il contenuto di questo scritto
2) Alberto PRETI, Sabbiuno di Paderno: dicembre 1944, University press, Bologna 1994. – 80 pp.
3) A.ALBERTAZZI, L.ARBIZZANI, N.SAURO ONOFRI, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), Istituto per la storia di Bologna, VI volumi Bologna 1985-2003
4) La elencazione più completa di tutte le esecuzioni avvenute nel bolognese è contenuta in LUCIANO BERGONZINI, La svastica a Bologna, settembre 1943-aprile 1945, Bologna, Il Mulino, 1998
5) Durante tutto il 1944 la cronaca locale del “ Resto del Carlino” é densa di questi annunci in molti dei quali “la Prefettura comunica la fucilazione di…” In particolare nell’estate queste notizie si moltiplicano: 6,11,14,15,16,22 luglio e poi 20,24,30,31 agosto e 20,22,26 settembre
6) Nei primi mesi del 1945 vi sono due importanti episodi di evasione dal carcere di San Giovanni in Monte (16 marzo e 5 aprile ) e i registri, con precisione, indicano a margine della registrazione dei detenuto la dicitura “evaso” e la data dell’evasione. In particolare sull’episodio del 16 marzo si legga la testimonianza di Ildebrando Brighetti su (a cura di) LUCIANO BERGONZINI, La Resistenza a Bologna Istituto per la storia di Bologna, voi. V ,Bologna 1980 pag. 560
7) Testimonianza di Ettore Bagni, su LUCIANO BERGONZINI op.cit vol II pag.146. Bagni risulta prelevato il 22 marzo ‘45 dal carcere con altri 12 detenuti, fra cui il giornalista Franco Pecci, con il quale riuscì a fuggire.
8) Sul prelievo del 9 aprile ‘45 di detenuti trasferiti a lavorare verso il fronte vedi la testimonianza di Alfredo Galluzzi, in SARA PRATI, Quando eravamo ribelli…,Modena, ANPI, 1978, pag. 215
9) Questo rapporto viene citato da LUIGI ARBIZZANI, Antifascismo e lotta di liberazione nel Bolognese: comune per comune , ANPI-Bologna, 1998.
10) Testimonianza di Gabriele Boschetti, su LUCIANO BERGONZINI op.cit. Vol. V pag.85 I
11) Sui prelevamenti del 17 aprile 1945 di detenuti trasferiti a lavorare verso il fronte vedi le testimonianze di Mario Pasotti, in Momenti partigiani imolesi in collina e città, Imola, A.Marabini, 1984,pag.112, e quella di Matteo Ribattezzato, in SARA PRATI, La resistenza a Castel San Pietro, Imola, 1975, pag. l17
12) l’Unità, 15 Maggio 1974
13) Il Resto del Carlino, 15 Maggio 1974
14) l’Unità, 18 Maggio 1974
15) Forse non è casuale che accanto a tutti e tre i teatri di strage fosse presente un edificio o suoi resti, nel quale poter sorvegliare i prigionieri in attesa del rispettivo turno di esecuzione.
16) Sull’operazione carceri e in generale sulla deportazione dei detenuti politici vedi GIUSEPPE MAYDA, Storia della deportazione dall’Italia 1943-1945 : militari, ebrei e politici nei lager del Terzo Reich , Torino, Bollati Boringhieri, 2002
17) Sulla deportazione del 22 dicembre 1945 siamo riusciti a documentare solo una parte dei nominativi dei detenuti coinvolti. Secondo uno di essi, sopravvissuto, quel giorno partirono da Bologna 6 camion di prigionieri. Vedi la testimonianza di Augusto Manganelli, su LUCIANO BERGONZINI op. Cit. Vol.V pag. 788
18) Testimonianza di Cipriano Tinti su LUCIANO BERGONZINI op.cit. Vol. I pag. 78
19) LUTZ KLINKHAMMER, L’amministrazione tedesca di Bologna e il crollo della linea gotica, in Bologna in guerra 1940-1945 (a cura di) BRUNELLA DALLA CASA e ALBERTO PRETI, FrancoAngeli Milano 1995 pag.135
20) Su Hugo Gold a Genova vedi PIER PAOLO RIVELLO, Quale giustizia per le vittime dei crimini nazisti? L ‘eccidio della Benedicta e la strage del Turchino tra Storia e Diritto, G:Giappichelli Editore, Torino, 2002, pag. 187. Sulla sua permanenza a Firenze vedi (a cura di) CARLO GENTILE, Personale del comando della Sicherheitspolizei/SD di Firenze e della “Banda Carità”, su http://www.eccidìl943-44.toscana.it.
21) Su Weissmann a Firenze vedi CARLO GENTILE, op.cit. Su Weissmann a Bologna ricordiamo le testimonianze di Armando Businco su LUCIANO BERGONZINI op.cit. Voi III pag. 622 e, anche se non citato direttamente, Teodoro Posteli su op.cit. Vol. I pag. 282
22) Giornale dell’Emilia, 15 Agosto 1946
23) idem
24) CARLO ZAGHI, Terrore a Ferrara durante i 18 mesi della repubblica di Salò, Istituto Regionale “Ferruccio Parri” per la storia del Movimento di Liberazione e dell’età Contemporanea in Emilia Romagna, Bologna 1992 pp. 482. Questi i caduti dell’eccidio del Caffé del Doro (17 Novembre 1944): Mario Agni, Giuseppe Franceschini, Gigi Medini, Alberto Savonuzzi, Michele Pistani, Antenore Soffritti, Arnoldo Azzi
25) CARLO ZAGHI, op.cit. pp. 287-290
26) Sulla biografia di Engel e sul suo processo vedi PIER PAOLO RIVELLO, op.cit. pp.187-21l
27) Su Saevecke vedi LUIGI BORGOMANERI, Hitler a Milano. I crimini di Theodor Saevecke capo della Gestapo, Datnews Editrice, Roma, 1997
28) VON SENGER UND ETTERLIN, La guerra in Europa, traduzione di Giorgio Cuzzelli, Longanesi, Milano, 2002. La permanenza di Von Senger a Bologna é ricordata alle pp. 392-414
29) Sul sistema di occupazione tedesco e i rapporti fra le sue componenti vedi innanzitutto LUTZ KLINKHAMMER, L’occupazione tedesca in Italia, 1943-1945, Bollati Boringhieri, Torino, 1993. Sul tema delle politiche tedesche nella repressione antipartigiana vedi l’importante recente contributo di MICHELE BATTINI, Peccati di memoria. La mancata Norimberga italiana, Editori Laterza 2003

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.