Achtung! Banditi! di Carlo Lizzani 1951


ANNO: 1951
REGIA: Carlo Lizzani
SCENEGGIATURA: Rodolfo Sonego, Ugo Pirro,Giuliani G. De Negri, Giuseppe Dagnino, Carlo Lizzani,Massimo Mida, Enrico Ribulsi, Mario Socrate
ATTORI: Gina Lollobrigida, Andrea Checchi, Lamberto Maggiorani, Vittorio Duse, Giuseppe Taffarel, Franco Bologna, Giuliano Montaldo, Pietro Tordi, Bruno Berellini, Pietro Ferro, Lucia Feltrin, Ferdinando Costa, Giuseppe Mantero, Domenico Grassi, Amelio Perbellini, Lù Leone Broggi, Erico Menczer, Franco Tardito, Matelda Toselli, Mario Dal Pozzi, Franco De Nicolo’, Ermes Bertera, Sauro Burzoni, Emilio Carnevali, Giuseppe Dagnino, Massimo Mida, Bruno Pifferi, Mauro Ravaschio, Marisa Risso
FOTOGRAFIA: Gianni Di Venanzo
MONTAGGIO: Enzo Alfonsi
MUSICHE: Mario Zafred
PRODUZIONE: GIORGIO AGLIANI PER CSPC (COOPERATIVA SPETTATORI PRODUTTORI CINEMATOGRAFICI)
DISTRIBUZIONE: PDC – VIDEO: CD VIDEOSUONO
PAESE: Italia
DURATA: 100 Min

Trama
Nelle montagne dietro Genova, nell’inverno del 1944, una squadra partigiana scende in città, occupata dai tedeschi, per una missione: salvare le macchine di una fabbrica che i nazisti vogliono trasportare in Germania. La pattuglia riesce a mettersi in collegamento con la fabbrica proprio quando i tedeschi, esasperati da uno sciopero, iniziano una violenta azione di repressione. Molti operai riescono a scappare ma un centinaio sono bloccati dalle SS che ordinano lo smontaggio delle macchine. Durante la notte, in un’azione combinata tra i partigiani e gli operai fuggiti, la fabbrica viene rioccupata e inizia il sabotaggio delle macchine. All’alba arrivano le truppe tedesche e si ha un furioso combattimento alla fine del quale gli operai e i partigiani si ritirano verso le montagne. Nella battaglia muoiono l’ingegnere e il capo operaio e due partigiani della pattuglia. Malgrado le perdite la pattuglia torna sui monti con più uomini e armi. Due partigiani feriti resteranno in città a organizzare un nuovo nucleo di resistenza

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...