Giovanni Cerbai (Nome di battaglia Giannetto)


Nasce il 10 settembre 1912 a Camugnano. Emigra in Corsica insieme ai suoi familiari.

Diventa membro del Partito Comunista Italiano. Nell’ottobre del 1936 insieme a un numeroso gruppo di antifascisti parte per la Spagna. Combatte nella brigata Garibaldi. Partecipa a numerosissimi combattimenti col grado di sergente. Viene ferito il 16 giugno 1937 a Huesca. Guarito ritorna al fronte. Lascia la Spagna il 7 febbraio 1939. Viene internato nei campi di concentramento di Saint-Cyprien, di Curs e di Vernett dʼAriège. Dopo lʼoccupazione tedesca della Francia fu trasferito in Italia e il 30 maggio 1941 condannato a 4 anni di confino e internato nellʼisola di Ventotene (LT).

Liberato nellʼagosto 1943, contribuisce alla riorganizzazione del Partito Comunista Italiano a Camugnano e alla formazione di nuclei partigiani.

Nella lotta di liberazione diventa vice comandante della 62a brigata Camicie rosse Garibaldi. A fine ottobre 1944, per ordine del CUMER, scese a Bologna con tutta la brigata e partecipò il 7 novembre 1944 assieme alla 7a brigata GAP Gianni Garibaldi alla battaglia di porta Lame. Arrestato il 4 dicembre 1944 nel corso di un rastrellamento e rinchiuso nel carcere di S. Giovanni in Monte, di lui non si hanno più notizie. Si presume che sia stato prelevato dal carcere il 10 febbraio 1945 e fucilato alle fosse di S. Ruffillo (Bologna).

Fu proposto dal CUMER per la medaglia dʼoro alla memoria.

Al suo nome è stata intitolata una strada di Bologna.

Gli è stata conferita la medaglia dʼoro alla memoria con la seguente motivazione:

«Combattente di eccezionale entusiasmo e ardimento, entrato tra i primi nelle fila partigiane, dava costante prova, in un lungo ciclo operativo, di coraggio, capacità e valore, assumendo incarichi sempre più impegnativi e riuscendo a risolvere brillantemente difficili situazioni operative.

In occasione di un attacco in forze dellʼavversario contro la brigata ai suoi ordini, posti fuori combattimento quasi tutti i suoi uomini dopo furiosi scontri, continuava da solo, con leggendario eroismo, a fare fuoco, eliminando i nemici che tentavano lʼassalto e permettendo così lʼordinato sganciamento dei superstiti e lo sgombero di tutti i feriti. Arrestato e sottoposto a inumane sevizie, nulla rivelava che potesse tradire i suoi uomini e lʼorganizzazione partigiana, finché non veniva barbaramente trucidato dal nemico che ne occultava anche le spoglie. Nobile esempio di fierezza e amor di Patria».

Bologna, 8 settembre 1943-9 dicembre 1944.

Annunci

Autore: Comandante Lupo

Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...